Italia missione compiuta! Con l’Armenia arriva la vittoria. Si aspetta ora il gioco…

Nella terza partita, valevole per la qualificazione ai Mondiali 2014, l’ Italia batte l’Armenia, conserva il comando della classifica ed ottiene la seconda vittoria in questa prima fase di qualificazione dopo tre gare disputate, contro Bulgaria ( pareggio) e Malta ( vittoria). Prossima sfida degli azzurri è ora fissata per il 16 ottobre allo stadio ” Meazza” di Milano contro la Danimarca. Nella formazione italiana non è presente Balotelli influenzato. Spazio quindi in attacco a Osvaldo. In difesa ritorna Criscito. Gara non certo brillante quella degli azzurri, che hanno realizzato si tre reti, ma hanno palesato molte difficoltà difensive di fronte ad una squadra come l’Armenia veloce nelle ripartenze e pericolosa in avanti, nonostante il suo tasso tecnico sicuramente inferiore alla squadra di Prandelli.

 

Iniziano a spron battuto gli azzurri,  ma nel primo tentativo in area, Montolivo è in fuorigioco. Poi è Osvaldo a girare in  porta, da centro area su suggerimento di Giovinco, ma Berezovsky para a terra.. Al 4′ Pirlo, su punizione, indirizza con precisione il pallone sotto la traversa, ma  il numero uno armeno è pronto a ribattere in angolo. L’Italia insiste e comanda le operazioni. Al 7′ Montolivo invece di tirare in porta opta per un diagonale rasoterra in area che non trova nessun compagno pronto a battere a rete. L’Armenia, nel frattempo, trova difficoltà di fronte al pressing della squadra di Prandelli. Al 10′ Giovinco serve Criscito a sinistra cross in area, tacco di Montolivo e fallo di mani in area di Mkonyan. L’arbitro fischia il rigore. A trasformare (minuto 11′) è Pirlo che spiazza sulla destra Berezaryan.  L’Armenia, a questo punto, cerca di aumentare ritmo e pericolosità, verticalizzando il gioco con lunghi lanci in profondità. Al 20′ Bonucci è fermato in area irregolarmente su lancio di Pirlo. Potrebbe essere rigore, ma l’arbitro, questa volta, sorvola. Al 27′ l’Armenia parte veloce. Dopo un testa a testa, tra Manoyan e Maggio che si infortuna al capo e rimane a terra, l’azione parte veloce  con Mkhtaryan che si invola verso Buffon, supera Barzagli con un dribbling e con un tiro angolato pareggia.  Il ritmo dei padroni di casa aumenta. Al 37′ Ozibiliz impegna Buffon con un tiro rasoterra. Due minuti dopo, Giovinco prova a battere a rete sul secondo palo, ma il suo tiro a giro è alto di poco. Al 44′ Pirlo serve Montolivo, ma il tiro è lento e non impensierisce il portiere armeno.

Nella ripresa, l’ Armenia è pericolosa all’ 11 con Manoyan che a volo calcia prontamente di destro, ma Buffon in tuffo compie una prodezza. La gara è combattuta. I padroni di casa giocano e manovrano di più rispetto al primo tempo. Gli azzurri, trovano molte difficoltà a fermare l’impeto armeno. Al 60′ l’entrata di El Shaarawy al posto di Giovinco dà più brio all’attacco azzurro. Al 61′ Criscito si inserisce in area da sinistra e con un diagonale sfiora il palo opposto. Il gioco è frenetico. Al 64′ quando l’Italia sembra in difficoltà arriva il gol del vantaggio: progressione di Maggio sulla destra che si ferma improvvisamente e scarica all’indietro per Pirlo cross immediato a centro area per De Rossi che a pochi  metri dalla porta insacca di testa sotto la traversa. Il gol carica ulteriormente gli azzurri, i quali non mollano di fronte agli avvversari che rispondono con pericolosi inserimenti. Attenta è però la difesa italiana.  Al 75′ Bonucci si fa superare da un avversario. A salvare, davanti alla porta, è però Maggio. Al 80′ Maggio crossa respinge il portiere in tuffo, riprende El Shaarawy, ma un difensore avversario si oppone, con il corpo, al tiro del Faraone. All ’82 l’Italia chiude la gara: punizione di De Rossi dal vertice sinistro testa di Osvaldo in area e palla in rete.

 

Armenia – Italia 1 – 3 ( primo tempo 1 – 1)

Reti: 11′ Pirlo ( r), 27′ Mkhitaryan, 64′ De Rossi, 82′ Osvaldo

Armenia: Berezaryan,, Aleksanyan, Mkoyan, Arzumanyan, Akt. Yedigaryan, Ozbiliz, Mkrtchyan, Art. Yedigaryan, ( 64′ Manucharyan), Manoyan ( 76′ Sarkisov), Mkhitaryan, Mousisyan. All: Minasyan

Italia: Buffon, Maggio, Barzagli, Bonucci, Criscito, De Rossi, Pirlo, ( 74′ Giaccherini), Marchisio, Montolivo, ( 88′ Candreva), Osvaldo, Giovinco ( 60 ‘ El Shaarawy). All: Prandelli.

Arbitro: Strahonja ( Croazia)

Note: Terreno in perfette condizioni  Ammoniti: Aleksanyan, Mkoyan, Mkrtchyan, Art. Yediganyan, Manucharyan, ( A), Bonucci e Giovinco ( I) Spettatori: 25 mila. 100 i tifosi italiani.

Luigi Rubino

13 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook