Europa League: Udinese fenomenale piega il Liverpool. Napoli: che battosta!

L’ Inter dei giovani vince alla grande in trasferta sul Netchi. La Lazio passa di misura all’ Olimpico contro il Maribor.

Bilancio tutto sommato positivo per le squadre italiane che partecipano all’Europa League, con tre vittorie ed una sconfitta. Grande impresa dell’Udinese che vince alla grande per 3 a 2 all’Anfield Road contro il Liverpool. Al vantaggio dei “reds”( Shelvey al 23’ del primo tempo), la squadra di Guidolin si trasforma nella ripresa, con il pareggio di Totò Di Natale, ben servito dal nuovo entrato Lazzari. Il Liverpool però risponde, spingendo con determinazione , anche grazie al contributo del talentuoso Gerrard e di Suarez.

I friulani però resistono e si portano in vantaggio su autorete di Coates, arrotondando poi il punteggio pochi istanti dopo con Pasquale. La squadra inglese però segna ancora con una punizione dal limite di Suarez. Nel finale brava è poi l’ Udinese  a respingere ogni tentativo inglese e conquistare i tre punti.

La Lazio, invece, con un gol di Ederson all’Olimpico di Roma batte il Maribor e conquista la prima posizione nel suo girone. I biancocelesti hanno tenuto a lungo l’iniziativa. Hernanes ha fallito un rigore. Molto pericoloso in avanti Floccari. Buona la prova di Candreva che ha corso avanti e indietro, senza mai fermarsi, colpendo un palo ed una traversa.

Una buona Inter, imbottita di giovani, vince la prima gara in Europa League contro il Neftchi. I nerazzurri hanno divertito specie nel primo tempo, soprattutto con Coutinho, autore di un bel gol di tacco e protagonista di ottime giocate. Lodevole la prestazione di Guarin, sempre presente in occasione dei tre gol.

Stecca invece il Napoli che perde malamente in Olanda contro il PSV Eindhoven. Il risultato finale ( 3 – 0) per gli olandesi, poteva essere anche più pesante visto le notevole difficoltà che la squadra di Mazzari ha evidenziato senza i titolari, schierati poi nella ripresa, a partita decisa. Senza mai dare un segnale confortante, gli azzurri sono stati letteralmente schiacciati dal PSV, bravo a far girare in velocità la palla ed andare alla conclusione in molte circostanze. Se il portiere degli azzurri Rosati ha palesato incertezze in occasione del primo gol olandese di Lens, lo stesso giocatore si è poi ampiamente riscattato in altre occasioni, salvando la sua squadra da una sconfitta umiliante. Ora, dopo questo pesante K.O,  il Napoli non può più sbagliare in Europa. Andare avanti con le seconde linee vorrebbe dire rischiare l’eliminazione. Il PSV non è l’Aik e si sapeva..  

Luigi Rubino

5 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook