Inter che delusione! Perde in casa in Europa League, ma accede ai play-off.

L’Inter, inaspettamente, perde la seconda gara con L’Hajduk, ma in virtù del 3 a 0 dell’andata accede ai play – off di Europa League. L’esordio sul nuovo prato del Meazza non ha portato fortuna ai nerazzurri, apparsi in serie difficoltà contro i croati, meglio organizzati e più pimpanti rispetto alla gara disputata in casa, quando a comandare fu soprattutto la squadra di Stramaccioni. Il tecnico interista rinuncia a Palacio e schiera Milito unica punta, con l’apporto dietro di Snaijder e Coutinho e Guarin perno centrale del centrocampo. In difesa, si rivede in campo Ranocchia centrale a fianco di Samuel.

L’Hajduk non sembra avere nessun timore e prova ad impensierire l’Inter. In uno scontro aereo Milito e Maloca si infortunano. Ha la peggio l’argentino che viene bendato alla testa, mentre più tardi Maloca, che non c’è la fa, viene sostituito da Jonjic. Al 12′ un errore a centrocampo dei nerazzurri, consente a Vukovic di andare al tiro ed impegnare seriamente Handanovic. Quattro minuti dopo, grande occasione per i nerazzurri: inarrestabile discesa sulla destra di Zanetti che crossa a centro rasoterra per Coutinho che colpisce la traversa da pochi passi. Al 23′ un rigore causato da Samuel che atterra in area Vukovic, consente ai croati di passare in vantaggio. A trasformare è lo stesso Vukovic. Nel frattempo sull’out destro Zanetti sembra un ragazzino. Le sue incursioni e la sua velocità mettono spesso in pericolo la retroguardia degli ospiti. Passano però due minuti e Handanovic deve intervenire, salvando su un insidioso tiro di Milic. Un minuto dopo Coutinho, servito splendidamente da Sneijder, con l’esterno, calcia di poco fuori. Al 36′ un bomba centrale di Guarin dal limite costringe Blazevic alla deviazione. Poi tocca a Milito fallire un’altra occasione. Nella ripresa, Stramaccioni, inserisce Nagatomo al posto del giovane debuttante Mbaye, nel tentativo di dare più incisività ad una manovra apparsa difficoltosa a centrocampo, di fronte alla spavalderia e al gioco corto dei croati. Al 58′ però Vukovic gela il pubblico nerazzurro e raddoppia con uno stupenda girata di destro che si insacca nell’angolo alto alla sinistra di Handanovic. A questo punto c’è da fare attenzione. Un altro gol dell’ Hajduk porterebbe ai supplementari. L’ Inter va vicino al gol con Jonathan, dopo un’azione insistita dei nerazzurri in area avversaria. Più tardi l’ingresso del baby Longo, che rileva Coutinho, sembra dare più incisità all’attacco dei padroni di casa, che vanno vicino al gol proprio con un tiro ravvicinato di Longo, ma il portiere croato respinge con i piedi.

 

Inter – Hajduk Spalato 0 – 2

Reti: 23′ Vukusic ( rig), 58’Vukovic.
Inter: Handanovic, Jonatonsente a cchia Samuel, Mbaye, ( 55′ Nagatomo) Zanetti, Cambiasso, Guarin, Sneijder,( 84′ Silvestre) Coutinho, (63′ Longo) Milito. All: Stramaccioni. A disposizione: Belec, Mudingayi, Benassi, Livaja.
Hajduk Spalato: Blazevic, Milic, Milovic, Vrsajevic, Andrijasevic, ( 59’Caktas), Oremus, Vukusic, Radosevic, Jozinovic, Maloca, ( 10′ Jonjic ), Vukovic ( 83’Lustica). All: Krsticevic. A disposizione: Vugdelija, Stojanovic, Maglica, Ozobic.
Arbitro: Turpin ( Francia)
Note: circa 40 mila spettatori. Terreno bagnato prima della gara. Ammoniti: Samuel ( I), Radosevic, Vukovic, Vrsajevic ( H).

 

Luigi Rubino

11 agosto 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook