PAREGGIO A RETI BIANCHE AL SAN PAOLO: NAPOLI-ROMA 0-0

PAREGGIO A RETI BIANCHE AL SAN PAOLO: NAPOLI-ROMA 0-0

Uscito tra un nugolo di fischi dall’Olimpico, ma con la qualificazione agli ottavi di Champions in tasca, Garcia ha il dovere di non gettare alle ortiche un’altra stagione cercando di giocarsela alla pari con un Napoli sempre pericoloso, specie in casa.

Ma la partita delude le attese e le aspettative di entrambe le squadre che faticano ad esprimere un bel gioco creando poche occasioni: poteva starci una vittoria di misura dei partenopei che almeno hanno espresso un gioco propositivo.

Pressing NapoliSubito all’8’ Napoli pericoloso con Callejon che reclama un rigore per un fallo di mano di Digne, ma l’arbitro aveva già fermato il gioco per un fuorigioco dello stesso Callejon. Al 14’ bella azione della Roma: Florenzi si libera di un avversario e serve Iago Falque che passa al volo a Pjanic. Il cross del bosniaco è per la testa di Dzeko che schiaccia di testa ma non riesce ad imprimere potenza al pallone. La partita cambia dal 20’ in poi: il Napoli prende coraggio e schiaccia la Roma nella sua metà campo. Prima Insigne manda fuori di poco grazie ad uno svarione di Florenzi poi al 33’ sempre Insigne manda nuovamente alto sulla traversa.

La Roma nei primi quindici minuti gioca la partita imbrigliando il Napoli con una certa armonia di manovra, poi, complice forse un calo mentale, alla prima giocata pericolosa del Napoli si schiaccia troppo in difesa non riuscendo più a creare un’azione offensiva manovrata.

Sindrome ultimo minutoLa Roma cerca di rallentare il gioco con un possesso palla che ha l’intenzione di far stancare un Napoli, che sbaglia molto, ma che è in forma sul piano fisico.

Al 60’ ennesimo errore di Florenzi che sbuccia una palla che arriva sui piedi di Hamsik, un po’ decentrato, che cerca l’angolino basso della porta difesa da Szczesny ma la palla va fuori di pochissimo. I giallorossi sono ottimi in fase difensiva mentre in quella offensiva è assente, Manolas e Rudiger vanno sempre in anticipo e a turno spengono le velleità di Higuain.

All’80’ occasione peri giallorossi di andare in vantaggio. Una punizione di Pjanic rimane in area ma De Rossi toglie la palla dai piedi di Iturbe ben posizionato. Doppio intervento miracoloso di Szczesny su Hamsik che tira a botta sicura ma trova il portiere romanista in giornata. All’ultimo minuto brivido per i tifosi romanisti che vedono Szczesny trovare una palla in area che Higuain manca di un soffio.

La Roma spazza via la sindrome dell’ultimo minuto, minuto che l’ha vista sempre soccombere e si porta a casa un punto prezioso per non lasciarsi scappare il Napoli. I giallorossi questo pomeriggio hanno lottato con mentalità e intensità che se avessero avuto anche con Bologna, Atalanta e Torino ora staremmo a parlare di tutt’altro.

Una menzione per il commovente Dzeko: speriamo gli capiti, prima o poi, di fare il centravanti. Oggi come nelle ultime tre partite mai servito a dovere, costretto ad arretrare fino a centrocampo per toccare un pallone.

Meritano 2duerighe:

Rudiger: mette a tacere le voci sul suo conto con una prestazione monumentale. Sempre attento a vigilare su Higuain, anticipando le mosse ed i pensieri.

Florenzi: lo scoramento per l’assenza di gioco ha colpito il numero ventiquattro più degli altri. Sbaglia i tempi e la qualità di esecuzione e quando ha modo di tirare spazza la palla in tribuna.

TABELLINO

NAPOLI – ROMA 0-0

Napoli (4-3-3): Reina, Ghoulam, Koulibaly, Albiol, Hyasj, Hamsik, Jorginho, Allan, Insigne (88’ El Kaddouri), Higuain, Callejon (67’ Mertens). All: Sarri.

Roma (4-3-3): Szczensy, Florenzi (90’ Vainqueur), Manolas, Rudiger, Digne, Pjanic, De Rossi, Nainggolan, Salah (76’ Iturbe), Dzeko, Falque (82’ Gyomber). All. Garcia.

Arbitro: Rizzoli di Bologna

Ammoniti: Nainggolan, De Rossi (R), Mertens (N)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook