Inter da scudetto abbatte Udinese

Inter da scudetto abbatte Udinese

L’Inter è da scudetto. La prova di Udine certifica la crescita dei ragazzi di Mancini e regala alla Milano nerazzurra le risposte che cercava. Nuovo stop al sistema binario di risultati – 0-1, 1-0 – e poker servito al Friuli, con doppietta di Icardi e reti di Jovetic e Brozovic. Una grande prova di forza al cospetto di una buona Udinese, che paga cara tre clamorose disattenzioni in fase difensiva . Maurito si riprende la scena con una doppietta, Jovetic torna al gol dopo 3 mesi e mezzo e c’è addirittura spazio per l’oggetto misterioso Montoya nell’11 titolare: all’Inter gira tutto. Primo posto consolidato e messaggio chiaro alle rivali scudetto.

L’Udinese balla dietro, l’Inter punisce-Mancini presenta un 4-2-3-1 super offensivo col tridente balcanico Ljajic-Jovetic-Perisic a supporto di Icardi, dietro c’è spazio pure per Montoya, alla prima da titolare. Colantuono risponde col classico 3-5-2, davanti Di Natale e Thereau. Si parte a ritmi altissimi: al 7’ Jovetic sbaglia un rigore in movimento calciando addosso a Karnezis su assist di Perisic, altri 7’ e Thereau impegna Handanovic, bravo a deviare sulla destra il tiro dell’ex Anderlecht. Al 21’ brivido per Mancini, con Di Natale che sfiora il palo su punizione dai 20 metri. Due minuti dopo però Fernandes sbaglia il retropassaggio, Icardi si avventa sul pallone, supera Domizzi e batte Karnezis con un diagonale destro. Immediata la reazione bianconera, con Thereau che fa il vuoto sulla destra e mette in mezzo per Di Natale: la girata del napoletano viene messa in corner da Handanovic. Al 31’ altra amnesia friulana con Domizzi, che con un maldestro tentativo di scarico su Karnezis regala il pallone a Jovetic: scavetto e 2-0.

EuroBrozo, doppio Icardi-L’Udinese prova a rientrare in partita e spinge, Mancini toglie Jovetic per Brozovic e dispone i suoi con il 4-3-3. Al 20’ un sontuoso Handanovic si concede il primo errore della partita e non trattiene un cross basso, Iturra spreca. Al 31’ Murillo si fa 40 metri di campo in slalom e arriva alla conclusione, centrale e respinta da Karnezis. I friulani ricominciano ad impacchettare regali, con Lodi che al 38’ manda in profondità Icardi: destro violento e gol. Passano 3 minuti, Guarin allarga per Brozovic a sinistra, il croato rientra e disegna una parabola a giro imprendibile per Karnezis. Un gioiello per il poker nerazzurro. Finisce così.

Meritano 2duerighe

Mancini. La sua Inter è prima, non per caso. E’ sempre più squadra e, di tanto in tanto, oltre alla consueta solidità riesce ad offrire spettacolo. Il tecnico di Jesi non sbaglia mai le scelte, tattiche e di uomini. I bomber ritrovano il gol, la difesa è un muro e lo spogliatoio è unito. La sua creatura ha tutto per vincere lo scudetto.

La fase difensiva bianconera. I friulani avevano iniziato benissimo e se la giocavano alla pari. Poi due amnesie inspiegabili nei primi 45’ e ancora un’altra nella seconda frazione. Colantuono deve lavorare sulla concentrazione dei suoi.

Tabellino

Udinese-Inter 0-4 

MARCATORI: Icardi al 23′, Jovetic 31′ p.t.; Icardi al 38′, Brozovic al 41′ s.t.

UDINESE (3-5-2): Karnezis; Wague, Domizzi, Piris; Widmer, Iturra (dal 25′ s.t. Perica), Lodi, Fernandes (dall’11’ s.t. Marquinho), Edenilson; Thereau, Di Natale (dal 34′ s.t. Aguirre). (Meret, Insua, Guilherme, Pasquale, Camigliano, Kone, Coppolaro, Adnan, Evangelista). All. Colantuono

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Montoya, Miranda, Murillo, Telles; Guarin, Melo; Ljajic (dal 37′ s.t. Juan Jesus), Jovetic (dal 16′ s.t. Brozovic), Perisic; Icardi (dal 45′ s.t. Manaj). (Carrizo, Berni, Dodò, Kondogbia, Palacio, Biabiany, Medel, Gnoukouri, Nagatomo). All. Mancini

ARBITRO: Massa di Imperia

AMMONITI: Perisic (I), Telles (I), Ljajic (I), Bruno Fernandes (U), Domizzi (U), Marquinho (U)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook