Inter, 4-0 al Frosinone e primo posto

Inter, 4-0 al Frosinone e primo posto

Vittoria convincente e primo posto solitario per l’Inter. La compagine nerazzurra batte 4-0 il Frosinone nel posticipo della 14ª giornata di Seria A e stacca Fiorentina e Napoli, piazzandosi in testa alla classifica. A segno Biabiany, Icardi, Murillo e Brozovic.

L’Inter è a forte trazione anteriore, con Icardi, Jovetic, Ljajic e Biabiany tutti insieme, e il duo Kondogbia-Melo a far da filtro davanti alla difesa. Il Frosinone di Roberto Stellone schiera un 4-4-2 con Paganini e Soddimo esterni di centrocampo.

Sblocca Biabany – L’Inter parte subito forte, ma è il Frosinone ad avere la prima occasione della gara, con Handanovic obbligato ad uscire di testa dall’area e, successivamente, ad esaltarsi in una super parata su Soddimo. Nei primi venti minuti Mancini prova a scambiare di fascia Biabiany e Ljajic, ma senza ottenere il risultato voluto. Al 27’ i due esterni tornano nelle loro posizioni iniziali e il vantaggio arriva: siamo al 29’, tiro di Ljajic, Leali respinge come può e Biabiany la piazza sotto la traversa. Un gol liberatore per il francese, che aveva addirittura rischiato di appendere le scarpette al chiodo per problemi al cuore, ormai superati. Il resto del primo tempo non regala altre emozioni, ad esclusione di un paio di tiri da lontano di Ljajic e Jovetic.

L’Inter dilaga – Nella ripresa l’Inter ci mette meno a trovare la rete. Appena otto minuti servono alla squadra nerazzurra per raddoppiare: grande triangolo tra Ljajic per Icardi e piatto al centro per l’argentino che fa 2-0. E così, per la prima volta quest’anno, i tifosi nerazzurri possono assistere a più di un gol in casa. La partita vive di fiammate, con i tentativi di Biabiany e Jovetic non concretizzatisi in rete. Il serbo però è prezioso nel terzo gol, quello di Murillo, che arriva dopo un suo splendido colpo di tacco. Nel finale arriva anche il quarto sigillo, quello di Brozovic, che approfitta di una difesa ciociara con la testa ormai altrove. Vince l’Inter, con una prestazione convincente e con ben quattro gol all’attivo. È la strada giusta per arrivare allo scudetto.

Meritano 2duerighe:

Biabiany: il gol con cui sblocca la gara è da grande giocatore. Il resto della sua partita anche. Sfiora il raddoppio nella ripresa. Ritrovato.

Diakitè: è il simbolo della difesa colabrodo del Frosinone. Si fa bucare da tutti i lati, intervenendo malamente e violentemente, in più di un’occasione, per cercare di limitare i danni.

Il tabellino:

Inter-Frosinone 4-0 (primo tempo 1-0)

Marcatori: Biabiany al 29′ p.t.; Icardi all’8′, Murillo al 42′, Brozovic al 47′ s.t.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Nagatomo (dal 15′ s.t. Ranocchia), Miranda, Murillo, Telles; Melo, Kondogbia; Biabiany (dal 41′ s.t. Perisic), Jovetic, Ljajic; Icardi (dal 43′ s.t. Brozovic). (Carrizo, Berni, Jesus, Palacio, Guarin, Montoya, Medel, Gnoukouri, D’Ambrosio). All. Mancini.

Frosinone (4-4-2): Leali; Rosi, Diakité, Blanchard, Crivello; Paganini (dal 38′ s.t. Carlini), Gori (dal 32′ s.t. Gucher), Sammarco, Soddimo; Ciofani (dal 32′ s.t. Longo), Castillo.(Zappino, Gomis, Frara, Verde, M. Ciofani, Bertoncini). All. Stellone.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook