Sempre Higuain, Napoli di misura sull’Udinese

Sempre Higuain, Napoli di misura sull’Udinese

Segna Higuain e vince il Napoli, una costante in questo avvio di stagione. Al San Paolo i partenopei passano 1 a 0 sull’Udinese e ritrovano i 3 punti dopo lo stop con il Genoa, tenendo la scia delle capoliste Inter e Fiorentina, distanti 2 punti. Con tutti i favori del pronostico, gli azzurri hanno faticato più del previsto per avere ragione di un’Udinese accorta e ordinata, piegata dalla solita magia di Higuain, al nono centro in campionato.

Solo HiguainSarri si affida all’11 preferito dopo il massiccio turn-over di coppa, Colantuono tiene alta la coperta preferendo Bruno Fernandes a Di Natale con il solo Thereau a sostenere il peso dell’attacco. Succede poco o nulla nei primi 20 minuti, i friulani pressano altissimi e non concedono spazi: Badu è a uomo su Hamsik, Fernandes marca stretto Jorginho. Al 21’ Higuain regala la prima perla di giornata al San Paolo: cross di Ghoulam, stop di tacco dell’argentino e girata rapida con palla fuori di pochi centimetri. Sette minuti dopo ancora il Pipita, pescato in area da Allan e fermato in angolo da Karnezis. Due minuti dopo l’argentino veste i panni del rifinitore, innesca Callejon ma Karnezis è superbo in uscita, la palla finisce sui piedi di Hamsik che col mancino manca di poco lo specchio. Al 37’ ancora Higuain in diagonale su suggerimento di Allan, palla a lato di un soffio.

Forza 9-Napoli chiamato a sbloccarla, il destro di Hysaj al terzo minuto fa da antipasto. 5’ dopo cade la resistenza friulana: Jorginho intercetta un pallone sulla trequarti ed è preciso nel lanciare Higuain, il cui sinistro bacia il palo e si infila alle spalle del portiere friulano. Nono centro in campionato, undicesimo in stagione e duecentesimo con squadre di club. Passano 3 minuti e l’argentino sfiora il bis con un pallonetto dolcissimo che finisce alto di poco. Cambia la chiave tattica del match, con l’Udinese chiamata a fare qualcosina in più davanti. Colantuono prova a giocarsela con due punte e manda dentro Aguirre per Fernandes. Al 22’ primo squillo friulano e brivido per Reina, bravo ad alzare sopra la traversa il colpo di testa di Widmer su azione d’angolo. Unicamente un sussulto, i bianconeri non riescono a dare continuità alle trame offensive. Hysaj ci prova di nuovo nel finale, trovando ancora pronto Karnezis. Al primo minuto di recupero Lodi va al volo di sinistro da fuori, senza però inquadrare lo specchio. Finisce così, la corsa del Napoli continua. Il 30 novembre c’è l’Inter al San Paolo, segnatelo in rosso sul calendario.

Meritano 2duerighe

Higuain. Lungi dal voler essere scontati e ripetitivi, ma come non citare sempre l’argentino? Anima e differenza del Napoli, forse nemmeno Cavani fu mai così fondamentale.

Callejon. Sarri non ci rinuncia mai, come Benitez prima di lui. Generoso sì, disciplinato tatticamente pure, è ora però che ricominci a segnare in campionato.

Tabellino

NAPOLI-UDINESE 1-0

MARCATORE Higuain all’8′ s.t.

NAPOLI (4-3-3) Reina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon (dal 33′ s.t. El Kaddouri), Higuain (dal 37′ s.t. Gabbiadini), Insigne (dal 23′ s.t. Mertens) (Rafael, Gabriel, Strinic, Henrique, Valdifiori, Maggio, David Lopez, Chiriches, Chalobah). All.: Sarri.

UDINESE (3-5-1-1) Karnezis; Wague, Danilo, Felipe (dal 7′ s.t. Piris); Widmer, Badu, Lodi, Iturra (dal 25′ s.t. Ali Adnan), Edenilson; Bruno Fernandes (dal 12′ s.t. Aguirre); Thereau. (Romo, Meret, Perica, Marquinho, Pasquale, Camigliano, Heurtaux, Lucas Evangelista). All.: Colantuono.

ARBITRO Celi di Bari.

AMMONITI: Felipe (U), Wague (U), Koulibaly (N), Piris (U), Albiol (N)

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook