Juventus in crisi: il Napoli vince 2-0

Juventus in crisi: il Napoli vince 2-0

Juventus e Napoli, due squadre che dovrebbero essere protagoniste al vertice della classifica e che invece si ritrovano invischiate nei bassifondi.
Sarri conferma la formazione titolare col tridente delle meraviglie Insigne-Higuain-Callejon; Allegri è in emergenza (out Mandzukic, Lichesteiner e i lungodegenti Marchisio e Kedhira) e si affida in attacco alla coppia Zaza-Dybala (con Morata che si accomoda inizialmente in panchina), Pereyra sulla trequarti con Pogba, Hernanes e Lemina in mezzo e Padoin sulla fascia destra.
La Juve è arrendevole sin dalle prime battute mentre il Napoli sfiora più volte il gol. Insigne e Higuain regalano agli azzurri un doppio vantaggio rassicurante e nonostante la paura nel finale dopo il gol di Lemina il Napoli porta a casa un risultato importante contro una rivale storica.
Per la Juve invece è il caso di parlare di una vera e propria crisi. I risultati non arrivano e anche il gioco espressa dalla squadra di Allegri è stato piuttosto inconcludende. Servono cambiamenti, e servono in fretta perché tra pochi giorni c’è la Champions e il Siviglia.

Tanto Napoli, decide Insigne – Una sola squadra è scesa in campo nella prima frazione di gara, il Napoli. Gli uomini di Sarri hanno pressato continuamente i bianconeri che sono andati in difficoltà in più di una occasione.
Ci provano subito Hamsik e Higuain con conclusioni dalla distanza che non inquadrano la porta, poi al 7’ è Buffon che si mette in mostra deviando una conclusione proprio di Hamsik.
I padroni di casa giocano meglio e al 26’ arriva il gol di Lorenzo Insigne che insacca il pallone nell’angolino basso dopo aver concluso una splendida triangolazione con Higuain.
Nel finale il Napoli ha almeno altre due nitide occasioni con Callejon e Mertens, ma gli attaccanti di Sarri sono imprecisi e le squadre tornano negli spogliati sul punteggio di 1-0.
Veramente pessima la Juventus in questo primo tempo, con il solo Zaza che ha provato a impensierire Reina, prima di piede e poi di testa, ma senza concretizzare le occasioni avute.

Un gol per parte – La Juventus inizia la seconda frazione di gara con più convinzione ma non riesce comunque ad impensierire gli uomini di Sarri e il gioco ristagna perlopiù a centrocampo.
Ma la svolta arriva quando Higuain decide di salire in cattedra: al 60’ lascia partire una conclusione dal limite che costringe Buffon ad una deviazione coi pugni decisiva; al 62’ Hernanes sbaglia un passaggio elementare a centrocampo e subito il centravanti ne approfitta per intercettare il pallone e involarsi verso la porta avversaria, entra in area e conclude di sinistro battendo Buffon che stavolta non può fare nulla per impedre il gol. 2-0 per il Napoli!
Ma la Juventus non ci sta e un minuto più tardi accorcia le distanze con Dybala che scodella un pallone in area di rigore per Lemina che da due passi insacca alle spalle di Reina. 2-1 e partita riaperta.
Il finale di gara però è deludente: Ghoulam impegna Buffon con un tiro dalla distanza e Morata cerca il gol del pari con un tiro a giro che va fuori di poco. Per il resto non accade più nulla di rilevante e il Napoli porta a casa tre punti importanti. Per la Juve invece è crisi nera.

Meritano 2duerighe:
Higuain: Gol e assist per lui, si conferma l’uomo in più del Napoli. Il campionato degli azzurri dipenderà soprattutto da lui anche quest’anno.

Hernanes: il suo passaggio sbagliato che causa il raddoppio del Napoli è l’emblema della Juventus di questa stagione: poche idee, pochi gol, poca lucidità.

Tabellino
NAPOLI – JUVENTUS 2-1

Napoli (4-3-1-2): Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik (80’ D. Lopez), Insigne (40’ Mertens), Callejon, Higuain (85’ Gabbiadini). All. Sarri.

Juventus (4-3-1-2): Buffon, Padoin (89’ Alex Sandro), Bonucci, Chiellini, Evra, Pogba, Hernanes (64’ Cuadrado), Lemina, Pereyra, Zaza, Dybala (71’ Morata). All: Allegri

Marcatori: 26’ Insigne, 62’ Higuain (N), 63’ Lemina (J)

Ammoniti: Ghoulam, Callejon (N), Bonucci, Evra, Padoin, Alex, Sandro (J)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook