Napoli e Samp si dividono il match: finisce 2-2

Napoli e Samp si dividono il match: finisce 2-2

ederLe porte della stagione di Serie A 2015/2016 si aprono anche al San Paolo, dove Napoli e Sampdoria si affrontano in una sfida dai diversi obiettivi: devono rilanciarsi i partenopei, usciti malconci dal Mapei Stadium dopo il match col Sassuolo; deve confermarsi la Sampdoria, autrice di un netto progresso mostrato contro il Carpi e scacciando i fantasmi sopra la testa di Zenga.

In uno stadio non particolarmente affollato il Napoli parte bene. Dopo prime ed iniziali fasi di studio arriva l’affondo di Insigne, che vede il taglio di Higuain e lo serve alla perfezione; altrettanto perfetto è lo ‘scavino’ mancino dell’argentino che supera Viviano e sigla l’uno a zero.

Sulle ali dell’entusiasmo continua a spingere la formazione di casa, spinta dalla coppia Higuain-Insigne. Ed è proprio quest’ultimo a far stampare il pallone sul palo dai 20 metri.

Prova a reagire la Samp, che si aggrappa alla verve di Muriel ma senza particolari exploit, perché il Napoli la partita nel primo tempo la tiene saldamente in pugno. Ed infatti alla mezzora arriva il raddoppio grazie al solito Higuain: l’attaccante viene servito in verticale da Allan, tenuto in gioco da una linea difensiva blucerchiata disastrosa, e col diagonale destro fredda di nuovo Viviano.

Nel finale di primo tempo il gioco tende a rallentare, complice il caldo asfissiante che trascina il match fino alla chiusura della prima metà di gara, sul due a zero in favore del Napoli.

Nella ripresa le squadre sembrano scambiarsi le maglie: la Sampdoria scende in campo come se fosse il Napoli del primo tempo e viceversa. Dopo appena undici minuti Fernando (altra grande prova per il centrocampista ex Shakhtar) viene agganciato in area di rigore da un ingenuo Albiol e si guadagna il penalty. Dagli undici metri si presenta Eder che non sbaglia, calciando ad incrociare e con Reina che intuisce ma non può nulla di più. La formazione di Sarri accusa decisamente il colpo e sui polpacci dei calciatori azzurri sembrano materializzarsi pesi in piombo. E infatti, dopo appena due minuti ecco che arriva la rete del pareggio, e che rete: servito dall’imbucata verticale di Soriano, Eder una volta entrato in area mette a sedere prima Albiol, poi Koulibaly e con un destro delicatissimo supera Reina.

Il gol del pareggio accende ulteriormente la Samp e i mugugni dei tifosi di casa, apparsi piuttosto scontenti della prestazione dei calciatori di Sarri. La formazione di Zenga vola, trainata da Eder e da un super Muriel, fermato solamente da Reina e da una traversa che strozza in gola la gioia per un possibile punteggio pieno dopo due giornate. Il tempo passa, ma del Napoli pochissime tracce, se non nel finale. Higuain e Insigne, eclissati dopo 45 minuti, come De Laurentis e l’intero San Paolo finisco l’incontro scuri in volto, per un Napoli fermo ad un solo punto in classifica.

Jacopo Trevisani

30 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook