L’Inter va. Jovetic regala la vittoria al 93’

L’Inter va. Jovetic regala la vittoria al 93’

jovetic-inter-gfx_1u9itti9c7uqo1tnl9ckcv11k0Buona la prima per la nuova Inter di Mancini. Il cantiere aperto nerazzurro, in attesa dell’arrivo di Perisic e probabili ulteriori rinforzi, mette tre punti in saccoccia, superando l’Atalanta 1-0 alla prima di campionato, con un gol nel finale di Jovetic, al termine di una partita determinata, ricca di occasioni.

Icardi subito out Mancini manda in campo dall’inizio Icardi, nonostante un fastidio muscolare accusato durante il riscaldamento. Il giovane attaccante, però, non riesce a giocare in maniera disinvolta ed è sostituito dal tecnico jesino dopo appena quindici minuti. Al suo posto Mancio manda nella mischia Jovetic, mossa che si rivelerà decisiva. Perché il primo tempo e buona parte della ripresa seguono un copione fisso: fraseggio a centrocampo, accelerazione, occasione da gol, rete fallita. L’Inter però c’è, con Brozovic in forma smaliante, anche se poco freddo davanti la porta (vedasi occasione del primo tempo), e un Jovetic in versione leader dell’attacco.

Jovetic decisivo Il giocatore ex Fiorentina, classe ’89, si mostra voglioso e propositivo, arretrando spesso sulla linea dei centrocampisti per ricevere la palla e puntando la porta avversaria alla ricerca del varco giusto per l’assist ai compagni o dello spazio di porta libero per tentare la conclusione.
Come al minuto numero 93, in pieno recupero, quando tutti in tribuna si erano già rassegnati ad un pareggio insapore: Stevan riceve dalla sinistra, si accentra e lascia partire un destro a giro che si infila alle spalle dell’incolpevole Sportiello. Una rete decisiva, che fa esplodere San Siro e, con esso, la gioia di Mancini. L’espulsione di Carmona, 20 minuti prima, ha un peso non determinante, in realtà, nell’equilibrio della gara. La squadra di Reja, infatti, riesce ugualmente a difendersi in maniera precisa ed efficace, forse anche più del primo tempo. Ma, alla fine, le partite si vincono con i campioni. E l’Inter, almeno ieri, ne aveva uno in campo: Jovetic.

Meritano 2duerighe:

Jovetic: è indubbiamente il migliore in campo. Fin dal suo ingresso è propositivo, molto più degli altri. Il gol nel finale vale tre punti. Se starà lontano dai problemi fisici, l’Inter potrà contare su un vero campione.

Gnoukouri: Mancini gli affida le redini del gioco, ma il giovane centrocampista delude. Sbaglia anche i passaggi più semplici e pecca di personalità. La sostituzione dell’intervallo è una vera e propria bocciatura.

Tabellino:

Inter-Atalanta 1-0 (primo tempo 0-0)

Marcatore: Jovetic al 48′ s.t.

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Miranda, Murillo, Juan Jesus; Medel, Gnoukouri (dal 1′ s.t. Hernanes), Kondogbia; Brozovic (dal 41′ s.t. Manaj); Palacio, Icardi (dal 15′ p.t. Jovetic). (Carrizo, Andreolli, Montoya, Schelotto, Taider, Ranocchia, D’Ambrosio, Nagatomo, Dimarco). All. Mancini

Atalanta (4-3-3): Sportiello; Masiello, Stendardo, Cherubin, Dramé; Carmona, De Roon, Kurtic; Gomez (dal 33′ s.t. Migliaccio), Denis (dal 24′ p.t. Pinilla), Moralez (dal 19′ s.t. D’Alessandro). (Bassi, Giorgi, Bellini, Boakye, Estigarribia, Conti, Brivio, Raimondi, Grassi). All. Reja

Arbitro: Calvarese di Teramo.

Giuseppe Ferrara (inviato allo stadio “Meazza”)
23 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook