La Lazio vince di misura contro il Bologna, 2-1

La Lazio vince di misura contro il Bologna, 2-1

images_resizedLa Lazio porta a casa i primi tre punti vincendo contro la neo promossa Bologna. Nella prima frazione, i padroni di casa, sono in totale controllo della situazione e vanno su doppio vantaggio in virtú delle reti di Biglia e Kishna. GLi ospiti riaprono a sorpresa il match con un contropiede di Mancosu. Nella ripresa partita statica e squadre stanche e lunghe. La Lazio ci prova con qualche individualità, senza sortire effetto. Il Bologna nel finale sfiora il pari con Brighi.

Lazio padrona. I biancocelesti interpretano la gara con aggressività e palleggio, l’emergenza in attacco comporta delle giocate veloci palla a terra. Keita, Kishna e Candreva formano il tridente: proprio da una scambio tra i tre nasce l’azione del vantaggio biancoceleste. Kishna scambia per Candreva che aspetta la sovrapposizione di Basta, cross al centro dove Keita la tocca per Biglia, conclusione a giro e palla in rete. Il Bologna non riesce a reagire e la Lazio ne approfitta per portarsi sul 2-0. Candreva si invola sulla sinistra, cross al centro che viene sporcato dalla difesa, la sfera termina sui piedi di Kishna che controlla e conclude con il mancino gonfiando la rete sul primo palo. Il match sembra terminato, i biancocelesti controllano e affondano appena possono. Prima Candreva poi Basta sfiorano il colpo del Ko con due conclusioni velenose respinte da Mirante. Il Bologna ritorna in partita all’ultimo minuto: lancio di Brienza che imbecca un solitario Mancuso che si invola verso Berisha, conclusione alta che sbatte sotto la traversa e si insacca. Partita riaperta.

Stanchezza e sofferenza. Il gol incassato nell’ultima azione del primo tempo pesa psicologicamente e fisicamente agli uomini di Pioli. La squadra che entra nella ripresa è stanca e subisce, seppur pacatamente, il gioco degli avversari galvanizzati dal possibile pareggio. Biglia si infortuna, al suo posto entra Cataldi che sbaglia subito un appoggio che innesca una progressione di Mancuso, l’attaccante si allunga la sfera nel controllo permettendo a Gentiletti di recuperare. Girandola di sostituzione per un secondo tempo che non offre molte emozioni. Tutte le giocate sono basate su individualità e portano, quasi tutte, la firma dei biancocelesti che non riescono ad essere cinici mantenendo il distacco dagli avversari di una sola rete. Anderson e Candreva provano due giocate da applausi ma non trovano il gol. Nel finale brivido rossoblu: palla in area, spunta brighi che colpisce a botta sicura verso Berisha, la palla viene deviata da un difensore e termina ancora sulla testa di Brighi che indirizza la conclusione sotto la traversa, Berisha, con un ottimo riflesso, devia in angolo salvando la Lazio. Termina 2-1

Meritano 2duerighe

Kisnha. Esordio positivo per il nuovo acquisto biancoceleste che gioca un’ottima gara. Potente, tecnico e presente. Il gol è la ciliegina sulla torta per una prestazione convincente.

Radu. Parte bene ma, alla lunga, svanisce dal campo. Nel momento di totale padronanza del terreno si lascia infilare da un avversario senza riuscire ad intervenire, facendo riaprire il match.

Tabellino

LAZIO-BOLOGNA 2-1

LAZIO (4-3-3): Berisha, Basta, de Vrij, Gentiletti, Radu, Parolo, Biglia (51′ Cataldi), Lulic (61′ Milinkovic-Savic), Candreva (75′ Felipe Anderson), Keita, Kishna. All. Stefano Pioli

BOLOGNA (4-3-1-2): Mirante, Ferrari, Oikonomou, Rossettini, Masina, Crimi (46′ Pulgar) , Crisetig (83′ Diawara), Brighi, Brienza, Acquafresca (75′ Destro), Mancosu. All. Delio Rossi

Arbitro: Rocchi (sez. Firenze)

Marcatori: 17′ Biglia (L), 23′ Kishna (L), 44′ Mancosu (B)

Ammoniti: Brighi (B), Milinkovic-Savic (L), Radu (L)

Damiano Rossi (Frascati)

22 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook