Calcio scomesse: le vie dello scandalo sono… infinite!

“IL COINVOLGIMENTO DI CRISCITO NELL’INCHIESTA NON PREGIUDICA LA SUA PARTECIPAZIONE AGLI EUROPEI CON LA NAZIONALE”-  LO HA DETTO IL PM DE MARTINO IN CONFERENZA STAMPA. INTANTO IL CALCIATORE E’ STATO CANCELLATO DA PRANDELLI DALLA LISTA  PARTECIPANTI ALLA COMPETIZIONE INTERNAZIONALE.  COMBINE EMERGONO PER LA GARA LECCE – LAZIO DEL 2011. INDAGINI SONO IN CORSO ANCHE PER MOLTE PARTITE DEL SIENA.

Siamo ancora sicuri che la palla è rotonda? La domanda sorge spontanea dopo il recente blitz sul calcio scommesse che si allarga a macchia d’olio, coinvolgendo personaggi di primo piano del mondo del calcio; sport miliardiario che non finisce di stupire per le sue varie vicende o fatti ad esso colllegati.

Sconcertanti e preoccupanti le scene  con volanti delle Polizia che questa volta, di buon mattino, hanno varcato i cancelli del centro tecnico di Coverciano. Obiettivo: effettuare una perquisizione nei confronti di Domenico Criscito, difensore della Nazionale, ex giocatore del Genoa, attualmente militante all’estero con la maglia dello Zenit San Pietroburgo, che risulta tra gli indagati dalla Procura di Cremona nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse che ha portato ad altri 18 arresti. Perquisita anche l’abitazione del calciatore a Nervi, piccolo e stupenda frazione di Genova. Per il giocatore della Nazionale l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. Dalle indagini scaturite  sul calcio scommesse di Cremona, risulta che Criscito abbia partecipato il 10 maggio dello scorso anno ad un summit  in un ristorante di Genova, insieme ad alcuni tifosi ultrà del Genoa, il calciatore Giuseppe Sculli e un pregiudicato bosniaco alla viglia della gara  Lazio – Genoa.
Non c’è comunque da preoccuparsi. Il blitz di Coverciano riguarda solo Criscito e non pregiudica la partecipazione del calciatore agli Europei – ha spiegato il pm De Martino, in conferenza stampa. La novità più rilevante ha detto il procuratore capo di Cremona è che il gruppo ungherese si è sostituito a quello degli Zingari, non totalmente scomparso, riuscendo a manipolare alcuni incontri come Bari Sampdoria di serie A, risalente alla stagione 2011 e Lecce – Lazio.  Per quest’ultima gara – ha detto De Martino –  è emerso un guadagno di circa 2milioni di euro sulle scommesse e 600 mila euro sulla corruzione dei calciatori. Sotto la lente di ingrandimento ci sono anche 7 0 8 partite del Siena risalente alla stagione 2011. Nel frattempo, Criscito è stato depennato dal tecnico Prandelli dalla lista dei giocatori che parteciperanno ai prossimi Europei di calcio.

Luigi Rubino

28 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook