Valanga Milan, 3-0 al Torino

Valanga Milan, 3-0 al Torino

milan_torino_sha.jpg_1064807657Peccato che una prestazione così sia arrivata solamente a giochi fatti. Fosse arrivata un paio di mesi fa avrebbe dato la carica giusta per inseguire quell’Europa ormai sfuggita definitivamente di mano. Il Milan di Inzaghi supera con un netto 3-0 il Torino grazie alla doppietta del redivivo El Shaarawy e di Pazzini, in una partita giocata con quello spirito spesso mancato nelle uscite stagionali dei rossoneri.

Il ritorno di El Shaarawy – Il Faraone è proprio la novità che emerge dalle formazioni: titolare dopo 4 mesi di assenza. Un calvario che sembrava infinito per Stephan, che ci mette appena 18 minuti per trovare la strada del gol, il secondo in campionato: stop e girata di destro all’angolino alla destra di Padelli. El Shaaraqy si dimostra il più in palla, sia in fase di finalizzazione sia nel fraseggio con i compagni. Il giocatore classe ’92, però, è uno dei pochi a creare pericoli. Durante il primo tempo si assiste a pochi altri spunti rossoneri, se si esclude una conclusione dalla distanza di Bocchetti. Il Toro, privo di Quagliarella e Maxi Lopez e con Martinez-Amauri in attacco, ci prova prima in contropiede con Bruno Peres ed El Kaddouri (fermato da De Jong al momento del tiro) e poi con Molinaro, il quale viene abbattuto con un fallo da ultimo uomo da Zaccardo, che chiude la sua partita prima dell’intervallo.

Pazzini fa 100 – Non bisogna comunque aspettare molto affinché le squadre in campo tornino in parità numerica. Il protagonista è di nuovo Molinaro, questa volta però in negativo: è lui infatti che atterra Van Ginkel in area. Pazzini, dal dischetto, non sbaglia e realizza il gol numero 100 in Serie A, giustamente festeggiato con una maglia celebrativa. Poco dopo il Milan, sulla scia dell’entusiasmo, realizza addirittura il gol del 3-0, ancora con El Shaarawy, con un bel piatto a giro su assist di Pazzini. È il gol che chiude la gara e fa calare il sipario, per questa stagione, sul “Meazza” milanista. Quanto meno un congedo dignitoso in una stagione davvero davvero sfortunata.

Meritano 2duerighe:

El Shaarawy: “Se lo avessi avuto per tutta la stagione”. Le parole di Inzaghi a fine gara dicono tutto. Un giocatore così, in questa forma, se stesse lontano dall’infermeria, riuscirebbe a spostare gli equilibri di una stagione intera.
Amauri: troppo fermo e macchinoso. Non si rende mai pericoloso. Si può dire che il Toro abbia giocato con un uomo in meno.

Il tabellino:

Milan-Torino 3-0 (primo tempo 1-0)

Marcatori: El Shaarawy al 18′ p.t.; Pazzini su rigore al 12′, El Shaarawy al 20′ s.t.

Milan (4-3-3): Abbiati; Zaccardo, Alex (dal 1′ s.t. Mexes), Paletta, Bocchetti; Poli (dal 31′ s.t. Mastalli), De Jong, Van Ginkel; Honda, Pazzini, El Shaarawy (dal 23′ s.t. Zapata). (Diego Lopez, Donnarumma, Felicioli, Piccinocchi, Cerci, Destro, Di Molfetta, Mastour). All. Inzaghi.

Torino (3-5-2): Padelli; Darmian, Glik, Moretti; Bruno Peres, Vives (dal 10′ s.t. Benassi), Gazzi (dal 20′ s.t. Basha), El Kaddouri, Molinaro; Amauri, Martinez (dal 26′ s.t. Rosso). (Ichazo, Zaccagno, Jansson, Gaston Silva, A. Gonzalez, Morra). All. Ventura.

Arbitro: Valeri di Roma.

Giuseppe Ferrara
25 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook