Il Milan vince 2-1 e saluta i suoi campioni

Nel giorno dell’addio a tre grandi campioni della storia recente rossonera: Inzaghi, Nesta e Gattuso, il Milan vince in rimonta 2-1 contro il Novara e chiude la sua stagione con una vittoria davanti al pubblico amico.
Senza Abate squalificato, Allegri dà spazio ad Amelia fra i pali e in difesa schiera come centrali Yepes e Mexes, in avanti torna dal primo minuto Cassano.

Tesser conferma il suo 4-3-1-2, affidando l’attacco alla coppia Jeda-Caracciolo considerando l’assenza di Mascara.
Parte meglio il Milan con un Cassano molto ispirato anche se Fontana non deve compiere nessun intervento particolare, il primo squillo rossonero è un destro di Seedorf dal limite che sorvola la traversa di poco al 12’. Il Novara si fa vedere al 20’ e trova il vantaggio. Sugli sviluppi di un calcio di punizione Gemiti svirgola il pallone che finisce fra i piedi di un indisturbato Garcia, il difensore novarese di sinistro infila Amelia da pochi metri per il momentaneo 0-1.
La reazione dei padroni di casa si materializza in una bella azione di Ibra che serve Zambrotta, il laterale addomestica in area il pallone e con il sinistro lascia partire un tiro ad effetto che sfiora il palo. La partita si trascina senza grandi emozioni fino al termine del primo tempo quando Mesbah mette in mezzo un traversone, Aquilani impatta di destro ma manca clamorosamente la porta da due passi.
La ripresa si apre con il Milan che sfiora il pari in due occasioni nel giro di cento secondi: al 7’ Seedorf su calcio di punizione scheggia il palo, un minuto più tardi Fontana devia un destro pericoloso di Ibrahimovic. I rossoneri spingono e trovano il pari al 10’ con Flamini, il francese di destro batte il portiere del Novara dopo aver raccolto un assist di Cassano.
I padroni di casa cercano il gol vittoria, entrano Inzaghi e Nesta e proprio il numero 9 rossonero trova il 2-1 al minuto 83: lancio in profondità di Seedorf, Inzaghi scatta sul filo del fuorigioco, stoppa il pallone di petto ed infila Fontana in uscita siglando il 126esimo gol con la maglia del Milan.
L’ultimo brivido è ancora di marca milanista, al 93’ Ibra pesca in area Seedorf, l’olandese si smarca bene ma manca di pochissimo l’aggancio e non riesce a trovare una rete cercata per tutti i 90 minuti.
Il Milan vince meritatamente e celebra in maniera degna i suoi campioni, decide Inzaghi che saluta nel modo migliore il suo stadio, i rossoneri chiudono a quota 80, con un secondo posto e la qualificazione diretta alla Champions. Per il Milan ora è tempo di vacanze, il Diavolo ripartirà il 9 luglio con il raduno estivo per la stagione 2012-2013.
MILAN – NOVARA 2-1 (primo tempo 0-1)
Marcatori: 20’ Garcia, 55’ Flamini, 82’ Inzaghi.
Ammoniti:

MILAN (4-3-1-2): Amelia; Zambrotta, Mexes, Yepes; Mesbah; Gattuso, Aquilani (81’ Nesta), Seedorf; Boateng (10’ Flamini); Ibrahimovic, Cassano (66’ Inzaghi).
A disposizione: Roma, Nocerino, Robinho, El Shaarawy.
Allenatore: M. Allegri.

NOVARA (4-3-1-2): Fontana; Morganella, Lisuzzo, Centurioni (85’ Ludi), Garcia; Porcari, Pesce (85’ Maggio), Gemiti; Rigoni; Caracciolo (65’ Radovanovic), Jeda.
A disposizione: Logofatu, Branca, Rubino, Morimoto.
Allenatore: A. Tesser.

Arbitro: M. Velotto (GR)
Assistenti: Giallatini, Cini – Baratta.

Matteo Ciofi

13 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook