Genoa-show, l’Inter perde 3-2 e dice addio all’Europa League

Genoa-show, l’Inter perde 3-2 e dice addio all’Europa League

 jurajkucka-croppedSogna il Genoa, che contro l’Inter sfodera una prestazione maiuscola e si ritrova in piena zona Europa League quando mancano soli novanta minuti al termine del campionato. Mancini invece dice addio all’Europa, un finale di stagione decisamente deludente per un squadra che ha investito tanto nel mercato di gennaio.
La partita era una di quelle da dentro o fuori e alla fine è stato Gasperini ad uscirne vincente, grazie soprattutto alla duttilità tattica dei suoi uomini, capaci di passare dal 3-4-3 al 4-3-3 al 3-5-2 senza difficoltà nel corso del match.
L’Inter invece si è dimostrata ancora una volta Icardi-dipendente, con un centrocampo di qualità solo a sprazzi e con grossi limiti in fase offensiva e difensiva (improponibile in Serie A un errore come quello di Ranocchia in occasione del gol di Lestienne).

Gol e spettacolo – La prima frazione di gara è un vero spettacolo per gli amanti del calcio. La gara si infiamma subito con le conclusioni di Nagatomo e Lestienne ma i portieri sono bravi a farsi trovare sempre pronti. Il primo quarto d’ora è un continuo ribaltamento di fronte: per l’Inter ci provano Kovacic, Brozovic e Medel, mentre per il Genoa è Lestienne a impegnare Handanovic.
Al 14’ arriva la prima rete della gara con Icardi che, da vero predatore d’area, anticipa di un soffio l’uscita di Perin su un colpo di testa smorzato da Edenilson dello stesso attaccante interista.
Gli uomini di Gasperini però non ci stanno: prima Kucka impegna Handanovic e al 24’ Pavoletti riceve un pallone da Bertolacci, controlla spalle alla porta, si gira e conclude a rete battendo l’estremo difensore neroazzurro.
Al 30’ arriva il nuovo vantaggio dell’Inter. Icardi lancia Palacio in campo aperto e la punta neroazzurra arriva sola davanti a Perin e lo supera con un preciso rasoterra.
Negli ultimi minuti succede di tutto: al 33’ Pavoletti colpisce la traversa, al 38’ viene annullato un gol ad Icardi per fuorigioco e al 41’ arriva il gol del 2-2 con Lestienne che approfitta di un errore incredibile di Ranocchia e Handanovic siglando la rete del pareggio.

Kucka stende l’Inter – La ripresa continua sulla falsariga del primo tempo: ritmi alti, gioco spettacolare e tante occasioni da entrambe le parti.
Il Genoa parte meglio con la conclusione di Kucka e soprattutto con Bertolacci che da trenta metri costringe Handanovic ad una parata eccezionale.
Ma col passare dei minuti gli uomini di Mancini crescono e cominciano a creare occasioni in gran quantità. Al 75’ Hernanes colpisce un palo da distanza ravvicinata, sul rimbalzo arriva Brozovic che controlla e conclude a rete centrando l’incrocio dei pali. Il Genoa si salva per miracolo.
Al minuto 81’ arriva un’altra doppia occasione per i neroazzurri: prima Hernanes costringe Perin ad una parata decisiva e un minuto più tardi Icardi impatta di testa un cross pennellato da Shaqiri mandando a lato di pochissimo.
Ma proprio nel momento migliore dell’Inter arriva il gol del Genoa con Kucka che, su una punizione perfetta di Edenilson, impatta di testa e insacca la sfera in rete alle spalle di Handanovic.
C’è tempo ancora per un ultimo brivido con Icardi che si invola da solo verso Perin ma la difesa genoana riesce a murarlo all’ultimo secondo, appena prima del triplice fischio finale.

Meritano 2duerighe:
Pavoletti: ancora una prestazione positiva e ancora un gol per l’attaccante genoano che, da riserva di Niang e Borriello, si ritrova titolare e trascinatore della squadra. Finale di stagione straordinario per lui.

Ranocchia: sul gol di Lestienne toglie letteralmente il pallone dai piedi di Handanovic regalando al Genoa la rete del pari. Errore grossolano per un giocatore esperto come lui.

Tabellino
GENOA – INTER 3-2

Genoa (3-4-3): Perin, Roncaglia, Burdisso, De Maio, Rincon, Bertolacci, Kucka, Edenilson (90’+4 Tambe), Iago Falque (83’ Izzo), Pavoletti, Lestienne (77’ Laxalt). All. Gasperini.

Inter (4-3-1-2): Handanovic, D’Ambrosio (87’ Puscas), Ranocchia, J. Jesus, Nagatomo, Kovacic, Medel, Brozovic (76’ Shaqiri), Hernanes, Icardi, Palacio (77’ Bonazzoli). All. Mancini.

Marcatori: 19’ Icardi, 30’ Palacio (I), 24’ Pavoletti, 41’ Lestienne, 89’ Kucka (G)

Ammoniti: Kucka, De Maio, Roncaglia (G), Hernanes, Brozovic, D’Ambrosio, J. Jesus (I)


Andrea Speziale
24 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook