Goleada Dortmund e Schalke. Moenchengladbach pari e champions. Leverkusen è quinto. Ok Bayern

Una tripletta di Barrios mette la quinta ai neo campioni di Germania. Chiudono terzi i minatori con il solito Huntelaar, doppietta. Kiessling regala tre punti d’oro al Bayer per un posto in Europa League. Gomez e Muller condannano lo Stoccarda, ora sesto.

Nella penultima giornata della Bundesliga, continua il momento strepitoso del Friburgo che, liquida con un pesante 4-1 il Colonia. La squadra della Brisgovia, non perde da più da due mesi e ha già ottenuto la salvezza in anticipo. Nell’ ultimo turno ha pareggiato a reti inviolate ad Hannover, riuscendo a non subire gol per due partite consecutive. Differente il discorso per i caproni che , attraversano un periodo brutto, dove non vincono da più di un mese e, non hanno racimolato nessun punto in traferta, nelle ultime 4 uscite. Sono crollati a vista d’occhio, incassando delle brutte battute d’arresto, vedi il 6-1 subito con la capolista Dortmund. Schaefer lascia a sorpresa in panchina Novakovic e schiera a supporto di Podolski il croato Jajalo. Streich si affida in avanti a Rosenthal e Freis.

Partita molto tirata che, si sblocca al 36′ con Mujdza. Gli ospiti non demordono e agguantano il pari ad inizio ripresa con Podolski. I rossoneri ritornano a spingere e, trovano subito il nuovo vantaggio  con Guede che, ribadisce in rete un palo colpito da Rosenthal. Nel tentativo di agguantare il risultato, il Colonia si scopre e, viene sotterrato nel finale dalle reti di Caligiuri e Freis. Uno stop pesante per i biancorossi che, ora dovranno difendere il terzultimo posto che, gli consentirebbe di giocarsi lo spareggio salvezza. 

E’ in caduta libera il Werder Brema che, non riesce a rimettersi in sesto da qualche mese, raggiunto e scavalcato in zona Europa. La stagione si  sta rivelando fallimentare, impensabile fino a poco tempo fa, quando consolidava il piazzamento in Europa League.Di fronte molti infortuni che, hanno messo in difficoltà il proprio allenatore, costretto ad inventarsi la squadra che, non è riuscita a trovare un giusto equilibrio. E’ arrivato il terzo stop di fila contro il Wolfsburg dell’ ex Felix Magath che, si era perso nelle ultime 4 gare, dove ha racimolato solo un punto. Un campionato al di sopra delle aspettative per il lupi che, hanno subito molti gol ma, sono riusciti a trovare una giusta sintonia, nonostante la rivoluzione di gennaio,   con molti acquisti e cessioni allo stesso tempo. Il Werder fa la partita ma, i padroni di casa trovano il vantaggio con l’ex Juventus Salihamidzic. Prima del riposo arriva il pari firmato da Rosenberg. Il Wolfsburg cambia volto nella ripresa e trova il vantaggio con Helmes. Nel finale di partita ancora Helmes chiude il match. Il Wolfsbug può sperare a un posizionamento nei preliminari di Europa League. Per il Brema i giochi sono quasi chiusi, si sono ridotte al minimo le speranze di poter centrare un macabro obiettivo (preliminare).

Con una giornata in anticipo l’ Amburgo riesce a centrare la tanta sospirata salvezza pareggiando per 0-0 contro il Magonza che, non aveva nulla da dire a questo campionato, visto che l’unico traguardo è stato centrato. I biancorossi vengono da tre risultati utili di fila e si sono presentati con un modulo offensivo, con due punte, Szalai e Choupo Moting, supportati da Zidan. I padroni di casa sono in ripresa negli ultimi due turni e, possono contare dopo una lunga astinenza per squalifica dell’ attaccante Guerrero ( fermato a causa di un pericolosissimo e volontario intervento sul portiere dello Stoccarda)  e, forma il tandem d’attacco con Petric. Come era prevedibile la gara la fanno gli Hanseaten ma, non concretizzano, e si devono arrendere alle parate di Wetklo.E’ singolare che una squadra come il Magonza centri il terzo risultato positivo senza subire e segnare una rete. Ora i tifosi degli Urgestein, sperano in un pronto riscatto il prossimo anno, ai vertici del calcio teutonico.

Dopo più di 30 anni torna in paradiso il Borussia Moenchengladbach che, pareggia contro l’ Augusta e, si qualifica per il preliminare di champions league, non riuscendo a centrare la qualificazione diretta. Doppio trionfo allo Stadion im Borussia-Park, dove riescono a festeggiare anche gli avversari che, restano in Bundesliga, al debutto nel massimo campionato. I puledri sono calati negli ultimi mesi, dopo aver lottato per il titolo e, ora si godono un inaspettato quarto posto che, manca dal 1996. Tornano a fare punti dopo il ko esterno con la capolista Dortmund. L’ Augusta riesce a fermare un altra grande del calcio tedesco dopo lo Schalke 04. Favre comferma il solito undici in campo mentre, Luhukay cambia in mediana, dove viene spostato Callsen-Bracker che, lascia il posto in difesa a Sankoh. Gara equilibrata con il Borussia che, non riesce a pungere e rischia di perdere la gara. Rimane, cosi, bloccato il match sullo 0-0.

Continua a fare bene la cura Hyypia-Lewandowski al Leverkusen che, resta imbattuto con il cambio di panchina e, si riprende il quinto posto, dopo aver centrato il secondo successo di fila contro  l’ Hannover. Un avversario ostico per le aspirine che, affrontano un altra sqadra delusa dall’ eliminazione in una competizione europea ma, ancora in corsa per centrare almeno il preliminare della coppa che, l’ha vista protagonista pochi mesi fa (Europa League). Importante l’assenza di Diouf per la squadra di Slomka che, sceglie Schlaudraff come compagno d’attacco di Abdellaoue. Per gli ospiti ancora panchina per Ballack. La punta centrale è Kiessling seguito dietro da due esterni alti di centrocampo, tra cui la sorpresa Barnetta che, non giocava mai con Dutt. Partita non spettacolare e decisa da una gemma di Kiessling a quindici minuti dal termine. Gli ospiti restano fuori dall’ accesso diretto in Europa. Il Leverkusen non parteciperà alla champions ma, ha molte possibilità di disputare il secondo torneo internazionale.

Al Fritz Walter Stadion continua il cammino inarrestabile di un insaziabile Borussia Dortmund che, fresco di scudetto si sbarazza con un rotondo 5-2 dell’ ultima della classe  già retrocessa, il Kaiserslautern. I diavoli rossi non sono in vera di regali e, cercano di onorare al meglio le ultime gare in massima serie, come dimostra l’ incredibile vittoria di Berlino, che potrebbe condannare i capitolini. E il fatto che arrivi la capolista può dare una giusta carica, anche se i numeri sono tutti a suo sfavore. Le vespe sono imbattute dall’ anno scorso e, hanno il miglior attacco, l’opposto dei padroni di casa. Nelle ultime tre gare hanno superato a pieni voti un calendario terribile che, li metteva a confronto con le migliori società dell’ attuale campionato. Sono arrivati alla fine quattro successi consecutivi, compresi i tre punti a Wolfsburg. Il mago Klopp ritrova dal primo minuto Gotze, dopo un lungo infortunio e Barrios. Rivoluzione in difesa con gli innesti di Owomoyela, Santana e Lowe. Balakov conferma l’eroe di Berlino Wooten e può contare su Tiffert a centrocampo. Quindici minuti di studio,poi, all’ improvviso si sblocca il match con un autogol di Santana. Immediata la risposta dei gialloneri che pareggiano con Barrios di testa. L’ argentino non si ferma e trova il raddoppio al 26′.  Sette minuti più tardi fa festa anche Gotze. Gli ospiti scatenati, sfiorano il poker con il palo di Lewandowski. Nella ripresa De Wit accende le speranze di testa ma, l’ instancabile Barrios  firma la sua tripletta personale. Altro legno colpito dal Borussia al 76′ ma, due minuti dopo Perisic realizza la cinquina.

E’ in salute il Norimberga che espugna il difficile campo dell’ Hoffenheim per 3-2, infliggendo la quarta sconfitta tra le proprie mura ai biancoblu. La squadra di Babbel subisce il secondo ko interno ma, continua a giocarsela nonostante una salvezza acquisita. Anche gli avversari non hanno nulla da dire al campionato ma, riescono a macinare punti (10 in quattro gare), e sono stati capaci di rifilare un poker allo Schalke 04. Ospiti spietati che, colpiscono all’ 9′ con Pekhart. Immediato il pari con Beck al 22′. Prima di andare a riposo Didavi firma il nuovo vantaggio. Il Club spreca ma trova il tris con il ceco Pekhart al 71′. Mentre Bunjaku coglie il palo, Braafheid accorcia le distanze all’ 88′ ma, è ormai tardi.

 

Dopo l’impresa di Madrid ai calci di rigore che, gli è valso l’ accesso alla finale di champions che, si disputerà in casa propria contro il Chelsea, il Bayern si rituffa in campionato dove, ospita lo Stoccarda,in lotta per il quinto posto. Gli svevi sono imbattuti da qualche mese e, sono riusciti a trovare la giusta quadratura di gioco con qualche acquisto ben mirato a gennaio. Un incredibile remuntada quella dello Stoccarda, capace di recuperare molti punti in poco tempo, entrando in piena corsa per l’ Europa League. Strepitosa dimostrazione di forza dei bavaresi,invece, che hanno mostrato una freschezza atletica  di grande rilievo, riuscendo a fermare una macchina da gol, come quella del Real. Dopo aver perso lo scudetto, il Monaco ha dimostrato di essere pronto per lo sprint finale, dove sarà atteso in coppa di Germania e coppa dei campioni. In bundesliga ha perso solo due match interni in tutta la stagione. Heynckes si presenta con molte novità. In difesa giocano Contento,Tymoschuk  e Rafinha. Davanti ai difensori si posiziona Pranjic, con Usami e Olic a sostegno di Gomez. Labbadia non dispone di Kuzmanovic e, lascia una maglia da titolare ad Okazaki che, dovrà suggerire il centravanti puro Ibisevic. Trema la porta del Bayern dopo 5 minuti quando Niedermeier coglie la traversa, sugli sviluppi di un corner. Il Monaco cresce e trova il vantaggio con Gomez al 32′. Gli ospiti ci provano fino all’ ultimo e, cadono definitivamente al 90′ quando Muller realizza il definitvo 2-0. La sconfitta costa caro allo Stoccarda che, viene scavalcato dal Leverkusen. Secondo successo consecutivo per il Bayern che vince, nonostante una formazione rimaneggiata.

Dopo venti giorni torna a vincere lo Schalke 04 che, consolida il terzo posto e, mette al baratro l’ Hertha Berlino che, rischia la retrocessione. I minatori fuori da ogni competizione hanno potuto contare sul Veltins Arena dove, sono caduti solo tre volte, di cui l’ultima nel derby con il Dortmund. Si ferma invece il cammino positivo della vecchia signora, capace di raccogliere cinque punti nelle ultime tre uscite esterne. Con l’ arrivo dell’ allenatore Rehhagel la situazione dei capitolini è migliorata leggermente con molti alti e bassi. Pesante il ko interno di 7 giorni fa contro il Kaiserslautern già retrocesso che, ha messo in evidenza le difficoltà di organizzazione di gioco della squadra. Huub Stevens si è presentato con la migliore formazione. Due esterni di centrocampo alto come Jurado e Farfan con Raul in posizione di rifinitore al fianco di Huntelaar. Gli ospiti hanno modificato molto dietro dove, vengono posizionati davanti alla difesa Perdedaj e Ronny. Sulle fasce  giocano Bastians e Lell. Non c’è Kobiashvili. Gli ospiti non concretizzano e incassano il primo gol con Huntelaar al 32′, ben servito da Matip. Il Berlino prova a insediare la difesa dei blu reali senza grandi risultati e va ancora sotto con Holtby al 73′. Nel finale Raul serve il tris e il bomber olandese Huntelaar il poker, per lui doppietta personale. Lo Schalke 04 è matematicamente qualificato in champions league. L’ Hertha si gioca tutto nell’ ultimo turno e, ha qualche speranza di rientrare nello spareggio.

         Squadra                           PG     V   N     P      Reti           Punti

1.

Dortmund

33

24

6

3

76:25

78

2.

Bayern

33

22

4

7

73:21

70

3.

Schalke 04

33

19

4

10

71:42

61

4.

Moenchengladbach

33

16

9

8

46:24

57

5.

Bayer Leverkusen

33

14

9

10

48:43

51

6.

Stoccarda

33

14

8

11

60:44

50

7.

Hannover

33

11

12

10

39:44

45

8.

Wolfsburg

33

13

5

15

45:57

44

9.

Werder Brema

33

11

9

13

47:55

42

10.

Norimberga

33

12

6

15

37:45

42

11.

Hoffenheim

33

10

11

12

40:44

41

12.

 

Friburgo

33

10

10

13

45:57

40

13.

Magonza

33

9

12

12

47:48

39

14.

Amburgo

33

8

12

13

35:56

36

15.

Augusta

33

7

14

12

35:49

35

16.

Colonia

33

8

6

19

38:71

30

17.

Hertha

33

6

10

17

35:63

28

18.

Kaiserslautern

33

4

11

18

23:52

23

 

Friburgo – Colonia   4-1

Wolfsburg – Werder Brema    3-1

Amburgo – Magonza    0-0

Moenchengladbach – Augusta     0-0

Bayer Leverkusen – Hannover  1-0

Kaiserslautern – Dortmund   2-5

Hoffenheim – Norimberga    2-3

Bayern Monaco – Stoccarda   2-0

Schalke 04 – Hertha    4-0

Armin Sefiu

12 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook