L’Inter strama…zza il Milan! Decisivo il principe Milito

I NERAZZURRI, CONTRO I ROSSONERI GIOCANO ALLA GRANDE, SI INSERISCONO IN ZONA CHAMPIONS e TOLGONO LO SCUDETTO AI “CUGINI”.  PRIMA VITTORIA IN UN DERBY PER STRAMACCIONI. CHE GOL MAICON!

 Si è lui il vero protagonista del 178esimo derby di campionato contro il Milan: Diego Milito. Il  principe di Bernal firma  tre gol e  regala una vittoria esaltante in una gara che riporta in corsa i nerazzurri nella lotta per il terzo posto Champions. L’impresa non è facile, anche perchè tutto dipenderà, al di là della vittoria d’obbligo contro la Lazio domenica prossima, anche dai risultati delle altre contendenti.

Un merito comunque va anche al giovane tecnico Andrea Stramaccioni che, chiamato in corsa da Moratti a gestire un gruppo non facile, composto da giocatori di valore, ha saputo creare in poco tempo un corpo ed un’anima ad una squadra che era in crisi profonda, riuscendo a recuperare molte posizioni in classifica. Inoltre, la squadra nerazzurra, quest’anno non solo ha vinto i due derby di campionato, ma si è tolto anche lo sfizio di scucire dal petto dei cugini rossoneri lo scudetto, assegnandolo, purtroppo, agli acerrimi rivali: la Juventus
 Un grande striscione esposto dai supporter nerazzurri in curva Nord, feudo degli  ” ultras,” ed ispirato alla “Madunina,” dice tutto “Ti te dominet  Milan.” ( tu domini Milano). La curva milanista risponde, invece, con una grande telone rossonero e la scritta ” Vedervi a maggio è tornato un miraggio! ”
Commozioni ed applausi prima della gara, quando il presidente Moratti consegna a Ramiro Cordoba una targa celebrativa per il suo addio, dopo 13 anni disputati con la maglia nerazzurra. Stramaccioni conferma l’ Inter con i due fantasisti Sneijder centrale e Alvarez leggermente a sinistra dietro l’unica punta Milito, con Zanetti, Cambiasso e Guarin a completare il centrocampo. Il Milan si presenta in attacco con il tandem Robinho – Ibra. Boateng gioca tra le linee, con Van Bommel in mediana.

Pimpante è la partenza dei nerazzurri, che aggrediscono il Milan. La prima occasione però è milanista, ma il tiro  a volo di Ibra sorvola la traversa, anche se di poco. Al 14′ la gara si sblocca: punizione di Sneijder, Samuel fa da torre per Milito, che davanti alla porta insacca di piatto. Goool.! Inter in vantaggio Esplode l’urlo dei tifosi nerazzurri. Il Milan cerca di reagire, ma è la squadra di Stramaccioni ad andare vicino al raddoppio con un colpo di testa di Cambiasso, che viene respinto da  Abbiati, dopo la fatidica linea bianca, ma l’arbitro e il guardalinne fanno proseguire e non concedono la rete. L’ Inter è sempre pericolosa. Sneijder su cross pericolosissimo di Nagatomo , manda di poco alto. Al 35′ Julio Cesar respinge un insidioso tiro di Ibrahimovic. Sette minuti dopo il portierone nerazzurro esce correttamente e anticipa Boateng, ma il direttore di gara Rizzoli assegna il rigore. A trasformare è Ibra, dopo una scenetta divertente del portiere nerazzurro che mostra la lingua allo svedese. Nella ripresa, il Milan al 46′ si porta in vantaggio ancora con il bomber svedese, bravo ad incunearsi in area tra due difensori nerazzurri e battere di destro a rete. La partita si fa incandescente.

Sneijder prova il drop da fuori , ma Amelia, subentrato ad Abbiati, sventa la minaccia. Sei minuti dopo, Abate trattiene Milito in area. E’ rigore netto. Dal dischetto batte lo stesso giocatore che pareggia. Al 60′ Abate costringe alla parata Julio Cesar. Poi sono ancora i rossoneri in avanti con  Muntari che a due passi dalla porta  manca il tap- in vincente.  Passano nove minuti e l’arbitro ancora una volta interviene per punire in area un netto fallo di mani commesso da Nesta, su colpo di testa di Pazzini, subentrato precedentemente ad Alvarez. A trasformare il penalty è ancora il “principe.” L’ Inter è ora di nuovo in vantaggio! ( 3 a 2).  Piu tardi esce Sneijder ed entra Cordova. Per il giocatore colombiano,  non mancano gli applausi e una lunga ovazione. Sul finale poi i nerazzurri  chiudono i conti  con un grande destro di Maicon che si insacca all’incrocio dei pali. L’Inter vince così con pieno merito. Il Milan, invece, dice addio ad uno scudetto inseguito fino alla fine.

Inter – Milan  4 – 2

Reti: 14′ Milito, ( I), 44′ Ibrahimovic su rig, ( M), 46′ Ibrahomovic ( M ), 52′ Milito su rig ( I ), 79′ Milito su rig.  ( I ), 87′ Maicon ( I ).

Inter: Julio Cesar, Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo, Zanetti, Cambiasso, Guarin, ( 62′ Obi), Alvarez, ( 75′ Pazzini) Sneijder, Milito.  A disposizione: Castellazzi, Ranocchia, Palombo, Zarate. All: Stramaccioni

Milan: Abbiati, ( 35′ Amelia) Abate, Nesta, Yepes, Bonera, ( 21′ De Sciglio), Nocerino, Van Bommel, Muntari, ( 78′ Cassano)  Boateng, Robinho, Ibrahimovic. A disposizione: Mexes, Gattuso, Aquilani, Maxi Lopez  All: Allegri

Arbitro: Rizzoli di  Bologna

Ammoniti;  43′ Julio Cesar ( I),  48′ Zanetti,( I), 52′ Abate ( M),  55′ Alvarez ( I ), 76′ Van Bommel ( M).

Spettatori: 80mila circa. Incasso partita:  2.655.183 euro
 

Luigi Rubino

7 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook