La Roma ritrova la Roma

La Roma ritrova la Roma

doumbiaAria di baruffa in casa Roma dopo le dichiarazioni di Pjanic che accusano alla cieca “chi non si impegna in allenamento”. Garcia in conferenza stampa smorza i toni e difende i suoi uomini mettendoci la faccia. Critica chi chiede il ritiro punitivo e ripete con un fare sfrontato e tutto francese che lotteranno tutti uniti per raggiungere la Champions, un obiettivo che Mister Rudi sa di non poter fallire.

Finalmente Doumbia- E la partita non sconfessa Garcia. Inizia con un colpo di scena: fuori Keita dato in formazione dall’inizio e dentro Doumbia. E proprio l’ivoriano sblocca al 6’ il risultato con quella che è la sua caratteristica, il colpo di testa. Su un cross di Florenzi si posiziona alle spalle dell’esterno del Sassuolo, stacca da fermo e frusta la palla da vero centravanti. Quello che manca alla Roma da inizio stagione.

E’ un primo tempo di tutto rispetto. I giallorossi sono convincenti e sembrano aver ritrovato quello spirito di squadra che il mister chiedeva. E’ una Roma compatta e con pochi fronzoli, pratica un calcio più verticale e più diretto. Un tridente mobile con Doumbia a sinistra e Ibarbo e Gervinho che vanno ad occupare a turno la posizione di centravanti.

Ritmi elevati e giocate dirette ed al 27’ arriva il gioiello della partita: Florenzi avanza sulla fascia destra, scarta due giocatori avversari e con un gran destro insacca la palla sotto il sette alla destra di Consigli.

Unica nota stonata di un’orchestra che funziona bene è Gervinho. Giocatore fuori fase, avulso dalla partita che da la sensazione di non voler lottare.

Alla caccia del secondo posto- Prestazione meno convincente nella ripresa. I giallorossi abbassano il livello di attenzione e giocano con più superficialità. Il Sassuolo cerca di accorciare il risultato e si rende pericoloso più volte prima con Zaza e poi con Floro Flores.

Al 74’ l’episodio che chiude la partita. Gervinho viene pescato da un gran lancio di Florenzi  e prima perde malamente la palla, poi la recupera e la passa a Pjanic che batte Consigli da due passi.

La Roma sembra aver ritrovato lo smalto giusto; squadra attenta, ordinata e disciplinata in tutti i reparti. Con questa vittoria tiene il passo e riprende la marcia per questa lotta serrata per il secondo posto.

Meritano 2duerighe 

Doumbia: si fa trovare pronto quando Keita dà forfait, sblocca la partita e forse anche la sua stagione.

Gervinho: gioca non bene per le sue caratteristiche, nonostante l’assist sembra non impegnarsi come fa ormai da un po’ di tempo.

Tabellino

Sassuolo – Roma 0-3

Sassuolo (3-4-3): Consiglio, Peluso, Cannavaro, Acerbi, Longhi, Missiroli, Brighi (77’ Biondini), Taider, Floro Flores (72’ Lazarevic), Floccari (53’ Zaza), Sansone. All.: Di Francesco

Roma (4-3-1-2): De Sanctis, Florenzi (80’ Keita), Manolas, Astori, Torosidis, De Rossi, Nainggolan, Pjanic (86’ Iturbe), Gervinho, Ibarbo, Doumbia (68′ Yanga-Mbiwa). All: Garcia

Ammoniti: 32’ Ibarbo (R), 33’ De Rossi (R), 42’ Astori (R), 56’ Cannavaro (S), 57’ Zaza (S), 69’ Taider (S).

Marcatori: 6’ Doumbia, 27’ Florenzi, 74’ Pjanic

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo.

Flavia Cataldi

30 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook