Inter – Roma 2-1, Icardi affonda i giallorossi

Inter – Roma 2-1, Icardi affonda i giallorossi

icardi.palacio.inter.roma.esultanza.2014.2015.356x237“Vi vogliamo così”. È questo il coro cantato dai sostenitori della Curva Nord interista alla squadra allenata da Mancini dopo la brillante vittoria per 2-1 contro la Roma. Un gol nel finale di Icardi regala all’Inter tre punti preziosi, in una partita giocata con vivacità e determinazione dai nerazzurri, che possono così continuare a sperare nella qualificazione alla prossima Europa League.

Mancini manda in panca Shaqiri per la terza partita di fila, schierando Hernanes nel ruolo di trequartista alle spalle di Palacio e Icardi. A centrocampo fiducia al giovane Gnoukouri, che gioca al posto dello squalificato Medel.
Garcia si affida a Capitan Totti, che agisce da prima punta in mezzo a Gervinho e Ibarbo.

Magia di Hernanes al quarto d’ora – Il primo tempo è per buona parte povero di emozioni, con le due squadre che confermano lo scarso periodo di forma mostrato nelle ultime uscite di campionato. Le occasioni faticano ad arrivare, sebbene l’Inter mostri una maggior brillantezza e rapidità in avanti. La Roma, al contrario, esprime un gioco lento e prevedibile, non sfruttando praticamente mai la grande velocità dei due esterni. Fin dalle prima battute si capisce che solamente una giocata dei singoli potrebbe rompere l’equilibrio. Giocata, anzi magia, che puntualmente si verifica al 16’, quando Hernanes raccoglie la palla al limite dell’area, disorienta con una finta la retroguardia giallorossa e con un preciso sinistro infila l’incolpevole De Sanctis. La reazione romanista è pressoché immediata, ma affidata ai piedi poco educati di Ibarbo, che colpisce il palo da buonissima posizione.
Il gol del vantaggio e il legno giallorosso non fungono però da leva per alzare la qualità dello spettacolo. Inter e Roma si trascinano verso il duplice fischio che sancisce la fine del primo tempo con le armi deposte.

Icardi fa esplodere San Siro – Passano solamente cinque minuti della ripresa per assistere al primo cambio: Garcia vede Totti troppo statico e lo sostituisce inserendo Keita al suo posto e spostando Pjanic più avanti. È una sostituzione che paga, visto che la Roma inizia a macinare gioco e a rendersi sempre più pericolosa. Il gol giallorosso è nell’aria e si materializza al minuto 63: l’autore è Nainggolan, il quale supera Handanovic con un potente destro rasoterra. Il pareggio dà fiducia alla Roma, che sfiora il sorpasso pochi minuti dopo con una punizione di Pjanic, la cui ribattuta è neutralizzata da un prodigioso intervento di Vidic. L’Inter però non si lascia intimorire e reagisce subito con Guarin, che dalla sinistra impegna De Sanctis. Mancini e Garcia provano entrambi a vincere la gara inserendo rispettivamente Shaqiri e Iturbe. E a pagare, alla fine, è la mossa del tecnico dell’Inter, che opera un forcing finale spietato e arriva, meritatamente, alla rete del sorpasso: Icardi, che cinque minuti prima aveva fallito una clamorosa occasione da gol sparando altissimo sulla traversa da ottima posizione, si infila in area, riceve palla e trafigge il portiere avversario con un destro rasoterra. È la rete del ko, che fa sprofondare il morale giallorosso e rinvigorisce l’orgoglio nerazzurro. Una boccata d’ossigeno per cercare di ritornare presto in alta quota.

Meritano 2duerighe:

Nainggolan: non ha solo il merito di aver siglato il gol del pareggio, ma anche quello di essere l’unico a crederci fino alla fine su ogni pallone. Si è caricato la squadra sulle spalle e per poco non l’ha condotta in salvo. Un vero leader.
Ibarbo: tantissima velocità ma poca, pochissima qualità. Prova spesso l’uno contro uno senza riuscire mai a saltare l’uomo. Nel primo tempo ha l’occasione giusta per gonfiare la rete, ma il palo alla destra di Handanovic gli dice di no. Davvero una gara sfortunata.

Tabellino:

Inter – Roma 2-1 (1-0 primo tempo)
Marcatori: Hernanes (I) al 15’ del p.t.; Nainggolan (R) al 18’ e Icardi (I) al 43’ del s.t.
Inter (4-3-1-2) Handanovic; D’Ambrosio, Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Brozovic (dal 26’ s.t. Kovacic), Gnoukouri (dal 41’ s.t. Podolski), Guarin (dal 34’ s.t. Shaqiri); Hernanes; Palacio, Icardi (Carrizo, Obi, Santon, Felipe, Puscas, Nagatomo, Dimarco, Palazzi, Bonazzoli). All. Mancini.
Roma (4-3-3) De Sanctis; Florenzi, Manolas, Yanga-Mbiwa, Holebas; Nainggolan, De Rossi (dal 44’ s.t. Doumbia), Pjanic (dal 33’ s.t. Iturbe); Ibarbo, Totti (Keita dal 7’ s.t.), Gervinho. (Skorupski, Cole, Ljajic, Paredes, Spolli, Torosidis, Balzaretti, Ucan, Verde). All. Garcia.
Arbitro: Orsato di Schio.

Giuseppe Ferrara (inviato al “Meazza”)
25 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook