Lazio, ottava meraviglia e secondo posto.

Lazio, ottava meraviglia e secondo posto.

foto articolo LAzio-Empoli 2015La Lazio vince la sua ottava partita di fila e conquista il secondo posto ai danni della Roma. Giornata perfetta per i biancocelesti che, dopo un inizio sofferente, sbloccano il risultato con Mauri cui fa seguito le reti di Klose e Candreva. Nella ripresa Segna anche F.Anderson per il poker che rimane invariato nonostante l’inferiorità numerica, espulsione di Novaretti, e le sortite dei toscani che non trovano effetto per le parate decisive di Berisha. Festa per i cinquanta mila dell’Olimpico.

Superiorità Lazio. L’Empoli si presenta all’Olimpico intenzionato a recitare il ruolo da protagonista e inizia il match con grande grinta impensierendo la retroguardia biancoceleste. Alla Lazio, però, bastano 4 minuti per tracciare la via del gol; trama di passaggi sull’out di destra, filtrante per Cavanda che vince un duello di forza e crossa al centro dove, Mauri, si fa trovare puntuale di testa e schiaccia in rete. Svantaggio che non intimorisce gli ospiti che continuano a pressare i padroni di casa che appaiono stanchi. La fase centrale vive un momento di sterilità di gioco e azioni fino al 31’ quando la Lazio raddoppia con un gol fotocopia al primo, cambia solo il mattatore finale che, in questo caso, è il tedesco Klose che, di testa infila Sepe. Il raddoppio è una sentenza per gli uomini di Sarri che subiscono il terzo gol con un’invenzione di Antonio Candreva; Anglo battuto corto, palla indietro per Candreva che controlla e lascia partire un bolide che si insacca di poco sotto l’incrocio dei pali. 3-0 e squadre negli spogliatoi.

Berisha nega il gol. Forte del vantaggio, la Lazio entra in campo spigliata e tranquilla, l’Empoli non sembra essere sceso in campo e i padroni di casa ne approfittano subito; Klose recupera palla sulla trequarti, si invola in area e serve la sfera per Anderson a rimorchio, il brasiliano conclude di prima ma Sepe si oppone, la sfera resta lì e Anderson la ribadisce in rete per il poker laziale. I padroni di casa si rilassano e tirano il fiato lasciando all’Empoli la possibilità di farsi pericoloso. I primo tentativo toscano è su punizione; Maccarone conclude potentemente in porta, Berisha si oppone. La Lazio rimane in dieci per l’espulsione di Novaretti per doppia ammonizione. L’Empoli ci riprova ancora su calcio da fermo; Valdifiori tira a giro, al sfera viene deviata e si avvia verso l’angolino basso, Berisha si distende e salva la porta. Maccarone prova l’ultimo assalto al fortino biancoceleste con un diagonale che viene respinto dall’ottimo estremo difensore albanese. Termina 4-0.

Meritano 2duerighe

Klose. Sembra il più giovane. Gioca per la squadra con cuore, grinta e classe. Recupera palloni e detta i tempi per le giocate offensive, sigla il secondo gol con la sua specialità; colpo di testa fulmineo.

Novaretti. La nota storta della giornata. La difesa è in piena emergenza e lui si fa sventolare sotto gli occhi due cartellini gialli in 12 minuti. Pioli è costretto a ridisegnare la squadra per la sua ingenuità.

Tabellino

LAZIO-EMPOLI 4-0

LAZIO (4-2-3-1)  Berisha, Cavanda, de Vrij (40’Novaretti), Cana, Lulic, Biglia, Parolo (79’ Cataldi), Candreva, Mauri, Felipe Anderson, Klose (60’ Ciani). All. Pioli.

EMPOLI (4-3-1-2)  Sepe, Hysaj, Rugani, Tonelli, Mario Rui (66’ Laurini), Vecino (56’ Signorelli), Valdifiori, Croce (45’ zielinski), Saponara, Maccarone, Pucciarelli. All. Sarri.

Arbitro Peruzzo (sez. Schio)

Marcatori  4’ Mauri (L), 31’ Klose (L), 44’ Candreva (L), 53’ F.Anderson (L)

Ammoniti Klose (L), Cana (L), Cavanda (L)

Espulsi  57’ Novaretti (L) per doppia ammonizione

Damiano Rossi (Frascati)

12 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook