Alex-gol, il PSG fa suo il classico e torna primo

Una rete del difensore brasiliano consente ai capitolini di battere il Marsiglia e tornare momentaneamente primo con il Montpellier.

Nella trentunseima giornata della Ligue 1 il PSG risponde al Montpellier battendo per 2-1 il Marsiglia. Ora le fenici se la vedranno con il Montpellier, che ha una partita in meno e può tornare solo in vetta. In fondo alla classifica importanti vittorie per il Nizza ,2-0 sul Lorient e il Caen, 1-0 sul Bordeaux.

Dopo l’amara sconfitta di Monaco con il Bayern in champions league, il Marsiglia ritorna in campionato, dove va a fare visita al PSG in una gara dal grande valore storico. C’è un accesa rivalità  tra i due club, anche per ragioni geografiche, tanto che la partita viene soprannominata Le Classique.

Di fronte ci saranno due ex allenatori della Juventus, Ancelotti e Deschamps.Il primo debutta per la prima volta nel campionato francese, il secondo ha già allenato il Monaco e ha vestito la maglia delle fenici da giocatore. Non attraversa un grande momento il Marsiglia che, aveva recuperato a metà della stagione posizioni, dopo un inizio di campionato disastroso. Ora non vince da qualche mese e potrebbe rimanere fuori dall’ Europa, se non riesce ad alzare la coppa di lega tra 7 giorni con il Lione. Anche i capitolini non attraversano un buon momento e, stanno perdendo troppi punti per strada che,potrebbe pregiudicare la vittoria dello scudetto. Con la vittoria di ieri del Montpellier è obbligato a vincere per tenere accese le speranze di tricolore. Può contare sul suo stadio dove ha perso solo due volte. L’ arrivo del tecnico italiano a gennaio sembrava potesse rilanciare il PSG, nonostante il buon cammino del suo predecessore e, l’inizio del nuovo anno era stato positivo,poi sono arrivate le cadute in coppa e pareggi racimolati nel finale.La campagna acquisti faraonica non sta incidendo anche per via di una squadra completamente nuova e, che ha forse bisogno di tempo per amalgamarsi. Non dorme sogni tranquilli il tecnico francese del Marsiglia che, potrebbe rischiare molto in caso di cadute contro i rivali storici e il Montpellier nel recupero infrasettimanale. La sensazione è che la finale di coppa potrebbe definire tutto.

Assieme al Paris Saint-Germain, i biancoazzurri sono l’unico club francese ad aver vinto una delle tre principali competizioni calcistiche europee.I capitolini godono di un particolare seguito di tifosi, secondi solo ai sostenitori dell’Olimpique Marsiglia. La prima parte del novecento fu dominata dal Marsiglia che, si aggiuducò ben 16 trofei nazionali fino agli anni ’70. Da li iniziarono i primi passi dei padroni di casa che, non ottengono all’ inizo grandi risultati ma, mantengono la permanenza in massima serie. E’ all’ inizio dell’ 1980 che le fenici conoscono la prima retrocessione mentre, i rossoblu alzano i primi trofei. Il decennio successivo è il più prolifico per il PSG che, si aggiudica trofei nazionali ma anche il primo internazionale,disputando tante semifinali in campo europeo. Fa meglio fuori dal continente il Marsiglia perchè si aggiudica la massima competizione europea e ne perde un altra qualche anno prima. Viene però coinvolto in uno scandalo di corruzione e viene esclusa dall’ intercontinentale e la supercoppa europea. Verrà anche esclusa per irregolarità finanziarie in prima divisione,dopo essere retocessa. Alla fine di questo periodo ritorna in ligue 1 e raggiunge una finale Uefa. L’ inizio del ventunesimo secolo vede le due compagini lottare per non retrocedere ma, tornano ad affermarsi in Francia. Solo gli ospiti ritornano competitivi fuori dal continente. Nella scorsa stagione inizia il ciclo dei sceicchi che acquistano la squadra capitolina con l’obiettivo di portarla sui grandi livelli. Come non ricordare campioni del mondo  come Ronaldinho,Lama,Rai nel PSG e Blanc,Dugarry nel Marsiglia. Poi ci sono anche dei campioni d’ Europa come Pires nel Marsiglia e Fernandez,Rocheteau nel PSG. Grandi protagonisti nelle vittorie delle due società sono stati Papin (pallone d’oro),Abedi Pelé, Stojkovic, Skoblar, Maya, Aznar, Waddle, Drogba,Ribery da una parte e Bras,Prost,Carlos Bianchi, Weah, Djorkaeff, Leonardo, Ginola, Pauleta,Hoarau,Nene,Giuly,Makelele dall’ altra. Si sono contesi due volte lo scudetto. Nel 1989 vinse il Marsiglia per 3 punti. Nel 1994 conquistò l’ultimo scudetto il PSG con 8 punti di distacco. Nel 2006 i capitolini conquistarono la coppa di Francia battendo le fenici per 2-1. Gli ospiti sono gli unici ad aver vinto il double.

I precedenti sono a favore del PSG che ha vinto 10 volte conto le 7 del Marsiglia. Carlo Ancelotti ha quasi tutta la formazione a disposizione. Il centrale è Bisevac con Matuidi a centrocampo. Riposano Hoarau e Gameiro. L’ unico assente è Lugano. Deschamps non può contare su Diawara e Kabore. Fuori dagli undici titolari Bradao e J. Ayew. C’è Remy in attacco, supportato da Valbuena,Ayew e Amalfitano.  E’ subito PSG che, passa al 6′ con Menez. Il Marsiglia non si disunisce e trova il pari con Dede Ayew al 59′ con un perfetto colpo di testa. Ma arriva immediata la risposta dei capitolini che si riportano in avanti con Alex su corner. Le fenici ci provano ma, Sirigu chiude ogni varco. Nel finale espulso Sissoko. Missione compiuta per i rossoblu che agganciano il Montpellier. I tifosi del Marsiglia ,però, invocano la loro squadra a lasciar vincere il Montpellier tra qualche giorno, per evitare che gli odiati rivali possano trionfare.

Solo un punto li divide in graduatoria ed entrambe lottano per non retrocedere. Nizza e Lorient vengono da due stati d’ animo diversi. I padroni di casa hanno perso solo due gare nelle ultime 8 uscite a differenza degli ospiti che ne hanno persi cinque. Inoltre gli aquilotti hanno fermato sul pari Marsiglia e PSG e, hanno espugnato Bordeaux e Saint Etienne. Stanno risalendo pian piano in graduatoria mentre, gli arancioneri sono stati risucchiati dopo un buon inizio di campionato. Hanno in comune la vittoria della coppa di Francia le due compagini. Il Nizza è da dieci anni che milita in ligue 1 a differenza del Lorient, che è tornata in massima divisione 6 anni fa.  Nelle ultime 5 uscite solo una vittoria per gli ospiti. Rene Marsiglia non può disporre di Monzon e Palun. Si affida a Daikite in difesa con Grandin e Abriel in mediana. Gourcuff ritrova Jouffre ma perde Monnet-Paquet. Come esterno destro viene preferito Kone. Solo panchina per Emeghara. Si decide tutto nella ripresa con il vantaggio di Mounier al 49′ e il raddoppio di Civelli al 57′. Il Nizza allunga e inguaia il Lorient con il tecnico Gourcuff a rischio esonero.

Un ritorno agrodolce per il Bordeaux che torna a Caen senza nessun obiettivo, a differenza di tre anni fa quando vinse il campionato proprio in questo stadio e, fu anche l’unica vittoria ottenuta nella Bassa Normandia. I rossoblu sono al secondo anno di fila in ligue 1 e attraversano un periodo negativo, non vincono infatti da più di un mese e hanno il peggior rendimento interno. E’ strano notare che entrambi i club hanno fermato il PSG sul pari,battuto il Lione e hanno perso con la capolista nelle ultime partite. Quando i girondini vincevano il primo scudetto i rossoblu stazionavano tra seconda e terza divisione. Gli anni ’80 vedono il debutto in massima serie del Caen  e 6 trofei nazionali per il Bordeaux. All’ inizio degli anni ’90, i padroni di casa conservano il posto in ligue 1 mentre, gli ospiti retrocedono. Dopo l’immediata promozione diventano un punto di riferimento del calcio transalpino i girondini, tanto che arrivano anche a una finale europea, poi persa. Il Caen alterna a partecipazioni in prima e seconda divisione e riesce a raggiungere la prima finale nella coppa nazionale. Garande ne perde tre ma, recupera Seube e Vandam. Resta a riposo Nivet. Gillot non può contare su Tremoulinas e Diabate , rimpiazzati da Gouffran e Chalme. Jussie risiede in panchina. Pronti via e Seube sblocca la gara di testa al 2′. Al 15′ Obraniak sbaglia il rigore. Poi uno strepitoso Thebaux vieta la rete del pari ai girondini. Il Caen, stringendo i denti, vince 1-0 e si lascia alle spalle la zona calda.

         Squadra                 PG     V      N       P     Reti        Punti

1.

Montpellier

30

19

6

5

55:28

63

2.

PSG

31

18

9

4

56:33

63

3.

Lilla

31

15

11

5

56:35

56

4.

Lione

31

17

4

10

49:38

53

5.

Tolosa

31

14

8

9

32:28

50

6.

Rennes

31

13

9

9

41:35

48

7.

Saint Etienne

31

13

8

10

38:35

47

8.

Bordeaux

31

10

12

9

36:34

42

9.

Marsiglia

30

10

10

10

37:32

40

10.

Evian TG

31

10

9

12

41:46

39

11.

Nancy

31

10

9

12

31:37

39

12.

Valenciennes

31

10

7

14

31:36

37

13.

Nizza

31

8

10

13

32:36

34

14.

Digione

31

9

7

15

37:51

34

15.

Brest

31

6

15

10

27:30

33

16.

Caen

31

8

9

14

33:44

33

17.

Ajaccio

31

7

12

12

32:50

33

18.

Lorient

31

7

11

13

28:40

32

19.

Sochaux

31

7

9

15

32:48

30

20.

Auxerre

31

5

12

14

36:46

27

Valenciennes – Tolosa   2-0

Montpellier – Sochaux      2-1

Evian TG – Rennes     1-3

Digione – Nancy    0-2

Brest – Lilla      3-1

Ajaccio – St. Etienne       1-1

Lione – Auxerre  2-1

Nizza – Lorient  2-0

Caen – Bordeaux   1-0

PSG – Marsiglia    2-1

Armin Sefiu

16 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook