Una doppietta di Anderson fa volare la Lazio

Una doppietta di Anderson fa volare la Lazio

foto articolo Torino-Lazio 2015La Lazio infila la sua quinta vittoria consecutiva e si proietta all’inseguimento della Roma. I biancocelesti occupano la terza posizione in solitaria, distaccando il Napoli di tre punti. A Torino, la squadra di Pioli, non riesce a segnare nel primo tempo ma trova, nel secondo, le splendide giocate del suo uomo più in forma, F. Anderson, che regala due perle preziose per la vittoria. Il Torino, con la testa proiettata all’Europa League, gioca una partita di contenimento, facendosi pericolosa solo dopo il gol degli avversari.

Poche occasioni. Partita bloccata quella tra Torino e Lazio, i granata giocano in rimessa e aspettano ordinatamente l’impostazioni di gioco dei biancocelesti. Il match non è brillante, la pioggia e il campo scivoloso rendono il controllo della sfera molto difficoltoso, ne escono fuori contrasti ruvidi e molto fraseggio a centrocampo. Gli ospiti sono i più decisi a trovare la breccia nella difesa avversaria, la maggior parte delle azioni si sviluppano nella metà campo granata, ma sono azioni sterili. Grande possesso palla e grande geometria non consentono ai laziali di farsi seriamente pericolosi. Le uniche conclusioni si vedono al termine di giocate di prima intenzione e immediatamente proiettate alla verticalizzazione. Ci prova la Lazio con un tiro, fuori dallo specchio, di Cataldi. Risponde perentoriamente il Torino con un contropiede fulminante che porta alla conclusione di testa da parte di Amauri, neutralizzata, non senza problemi, da Marchetti. Ancora la Lazio con una verticalizzazione di Radu che porta alla conclusione Parolo, abile Padelli a deviare in angolo. Con le reti inviolate termina il primo tempo.

La risolve Anderson. Il secondo tempo è più compassato e lento del primo, le due squadre si fronteggiano a metà campo ma i tanti passaggi sbagliati e il campo pesante non rende possibile una fluidità di gioco degna di nota. Il Torino cerca di alzare il baricentro e questo crea degli spazi importanti per le ripartenze della Lazio. La partita subisce il suo punto di svolta alla metà della ripresa. Si accende Anderson e la Lazio affonda il colpo: Klose recupera una palla importante sulla trequarti e serve il brasiliano che accelera e supera un avversario, si imbuca in area e piazza la conclusione di precisione che supera Padelli. Vantaggio Biancoceleste. Il Torino non resta a guardare e si fa pericoloso in due occasioni: prima Amauri, di testa, sfiora di pochissimo la traversa, poi, Darmian dalla distanza chiama ad un intervento prodigioso Marchetti. Superata la paura, la Lazio, cerca il raddoppio con Keita che conclude, da posizione defilata, di poco fuori dal palo. Il raddoppio arriva ancora sull’asse Klose-Anderson: il tedesco recupera palla a metà campo e si invola in area, assist prezioso per il brasiliano che controlla e scocca dove Padelli può solo deviare. Vince la Lazio.

Meritano 2duerighe

F. Anderson. Il mattatore della Lazio, il salvatore dei biancocelesti. Si illumina e arrivano i tre punti. Sfrutta perfettamente le due occasioni che si procura e dialoga in maniera ottimale con Klose.

Keita. Entra per dare brio alle offensive laziali ma, lo spagnolo, non riesce ad azzeccare una giocata. Chiamato in causa, due volte, davanti a Padelli sbaglia clamorosamente. Impalpabile a centrocampo.

Tabellino

TORINO-LAZIO 0-2

TORINO (3-5-2) Padelli, Maksimovic, Jansson, Bovo, Bruno, Peres, Benassi, Basha (80’ Farnerud), El Kaddouri, Silva (62’ Darmian), Amauri, Martinez (62’ Maxi Lopez). All. Ventura.

LAZIO (4-3-3) Marchetti, Basta, De Vrij, Mauricio, Radu, Cataldi (56’ Onazi), Biglia, Parolo, Mauri (56’ Keita), Anderson (79’ Ederson), Klose. All. Pioli

Arbitro Orsato (sez Schio)

Marcatori  71’, 78’ F. Anderson (L)

Ammoniti  Maksimovic (T), Amauri (T), El Kaddouri (T), Basta (L)

Damiano Rossi (Frascati)

16 marzo 2015

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook