Wolfsburg-Inter 3-1, Carrizo spiana la strada ai tedeschi

Wolfsburg-Inter 3-1, Carrizo spiana la strada ai tedeschi

397esult_gol_Palacio_imago19238293h (1)È tornata la pazza Inter. Questa volta però in negativo. Nell’andata degli ottavi di finale di Europa League i nerazzurri vengono sconfitti 3-1 dai tedeschi del Wolfsburg, in una gara che ha visto Palacio illudere i propri tifosi e Carrizo regalare con due errori clamorosi la vittoria agli avversari.

Nessuna novità nelle formazioni. Il Wolfsburg si schiera con il solito 4-2-3-1, mentre Mancini sceglie Hernanes come interno sinistro e conferma la coppia di centrali Ranocchia-Juan Jesus. In avanti il trio Shaqiri-Icardi-Palacio.

Subito Palacio – La partenza dell’Inter è sprint. Al 2’ gli uomini di Mancini sfiorano il vantaggio con Palacio, per poi trovarlo subito dopo con lo stesso argentino, bravo a superare Benaglio sfruttando al meglio il grande assist di Icardi. L’Inter nel primo quarto di gara è praticamente perfetta. Si difende e riparte veloce con Guarin ed Hernanes, abili a cambiare passo e mettere in subbuglio la squadra di casa. Al 21’ Hernanes impensierisce i tedeschi al termine di un bellissimo contropiede stupendo, ma proprio nel momento migliore i nerazzurri subiscono il pareggio di Naldo, che insacca di testa il pallone proveniente da calcio d’angolo. Prima dell’intervallo i verdi si rendono pericolosi  con Vireirinha, ma Carrizo fa buona guardia.

Carrizo horror – Hecking nell’intervallo toglie Schurrle e mette al suo posto Trasch, con Viereirinha che da terzino va a prendere posto nel tridente, facendo dirottare Caligiuri a sinistra. I tedeschi alzano il baricentro e, complice il calo fisico dell’Inter e la serata da dimenticare di Carrizo, passano in vantaggio: il portiere argentino al 18’ appoggia corto per Juan Jesus, il quale viene anticipato da Viereirinha che pesca subito a centro area De Bruyne per il 2-1. Pochi minuti dopo il portiere interista si ripete: Vidic stende lo stesso De Bruyne, che dal limite destro dell’area batte una punizione non irresistibile su cui Carrizo parte tardi. L’ingresso di Kovacic e Kuzmanovic per Santon e Shaqiri non producono l’effetto di raddrizzare una gara ormai segnata. Al ritorno, tra sette giorni, servirà un’impresa.

Meritano 2duerighe:
Shaqiri: nel primo tempo si rende protagonista di continue accelerazioni. Dai suoi pieni cominciano tutte le azioni dell’Inter. Si perde nella ripresa, poi sostituito da Kovacic.
Carrizo: una serata da incubo. Due gol regalati agli avversari. La sconfitta dell’Inter, checché ne dica Mancini, è in larga parte merito suo.

Tabellino:

Wolfsburg-Inter 2-1 (primo tempo 1-1)

Marcatori: Palacio (I) al 5′, Naldo (W) al 28′ p.t.; De Bruyne (W) al 18′ e al 30′ s.t.

Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio; Vieirinha (dal 43′ s.t. Perisic), Naldo, Knoche, Rodriguez; Guilavogui, Luiz Gustavo; Caligiuri, De Bruyne, Schurrle (dal 1′ s.t. Trasch); Dost (dal 24′ s.t. Bendtner). (Grun, Schafer, Klose, Jung). All.: Hecking.

Inter (4-3-1-2): Carrizo; D’Ambrosio, Ranocchia, Juan Jesus, Santon (dal 37′ s.t. Kuzmanovic); Guarin, Medel, Hernanes (dal 13′ s.t. Vidic); Shaqiri (dal 37′ s.t. Kovacic); Palacio, Icardi. (Handanovic, Andreolli, Dodò, Puscas). All.: Mancini.

Arbitro: Marciniak (Pol).

Giuseppe Ferrara
12 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook