La Juve non invecchia mai, il Palermo è la quarta “sacrificata”

I bianconeri non sprecano l’occasione di tornare in vetta e piegano il Palermo nella ripresa con le reti di Bonucci e Quagliarella.  Gara dominata per tutta la partita e mai messa in discussione. Juve sprecona nel primo tempo e più concreta nella ripresa. Le tante assenze nel Palermo hanno ridimensionato la squadra siciliana.

Operazione sorpasso per la Juventus che ringrazia l’ex Amauri, castigatore del Milan, e affronta il Palermo con la possibilità di ritornare da solo in vetta. Non sarà semplice imporsi in Sicilia dove, non vince da tre anni. I rosanero sono reduci dalla prima vittoria in trasferta a Bologna e, hanno poco da dire a questo campionato,visto il distacco consistente di nove punti dal quinto posto.

Vorranno fare bella figura contro l’unico club ancora imbattuto in serie A, con il secondo miglior cammino esterno. Sono in grande spolvero i bianconeri che, vengono da tre vittorie di fila con un bottino di 10 reti segnate e nessuno subito. I padroni di casa sono in grande emergenza (assenti gli squalificati Bertolo,Mantovani,Hernandez e Donati oltre agli infortunati Balzaretti,Silvestre e Aguirregaray). Spazio allora in difesa a Milanovic e Labrin. Pisano è l’ esterno di destra, Acquah adattato a sinistra, con Migliaccio e Della Rocca intermedi ai fianchi di Barreto. In avanti Ilicic agirà a supporto di Miccoli. Stesso modulo per Conte, che sceglie la coppia d’attacco Quagliarella-Vucinic. Caceres ed Estigarribia sulle due corsie. Resta a riposo Lichtsteiner con Bonucci confermato nella linea difensiva. Ancora panchina per Pepe e Matri.

Partita a senso unico con la Juve che fa la partita e il Palermo si difende con affanno. All’ inizio i rosanero provano a fare pressione sul portatore di palla ma, con il passare del tempo arretrano e vengono schiacciati. Le molte defezioni si fanno sentire e manca una pedina importante in mediana,tipo Donati, che può dettare i tempi di gioco. Il Palermo incerottato,invece, quando recupera palla la perde facilmente,forse anche per merito dei ritmi di gara della Juve. Dopo un destro fuori misura di Vidal, il primo squillo degli ospiti arriva con Vucinic, il suo tiro è facile preda di Viviano.  La prima palla gol per i piemontesi arriva al 13′. Quagliarella scambia con Estigarribia e solo davanti al portiere conclude a lato di punta. Due minuti dopo buco clamoroso di Munoz in area ,Vucinic ne approfitta,salta Viviano e da posizione defilata gira col mancino con la sfera che attraversa l’area senza trova nessuno pronto al tapin vincente. E’ monologo Juve. Vucinic imbecca splendidamente Caceres che indovina lo stop ma, sbaglia il tocco di esterno, mandando a lato. Ormai è un vero e proprio assedio delle zebre. Al 28′ il  colpo di testa di Vucinic non impensierisce il portiere. Per due volte si fa vedere anche Pirlo. Prima impegna Viviano con i pungi con una sassata dalla distanza,poi, conclude centralmente. Al 44′ gran lavoro di Vucinic che, riceve spalle alla porta e libera Marchisio, il suo mancino finisce alle stelle. L’unico tiro dalla parti di Buffon arriva solo al 46′, il destro dalla distanza di Barreto è facile preda del portiere bianconero.

Nonostante le tante occasioni create, la Juventus va al riposo sullo 0-0.

La ripresa è un film del primo tempo. I bianconeri intensificano il loro raggio d’azione e dopo un destro da fuori di Vidal,bloccato da Viviano, sbloccano la gara. Sugli sviluppi di un angolo molto tagliato,Bonucci indirizza sul palo lontano, e infila il portiere di casa con la palla che, tocca il legno ed entra in rete. Il gol provoca la reazione del Palermo ma, il mancino di Ilicic termina alto. Al 59′ Juve ancora pericolosa su corner: Pirlo mette all’indietro per Marchisio, destro altissimo. Mutti rischia qualcosa inserendo Budan al posto di Acquah.  Ma è sempre la vecchia signora a rendersi pericolosa. Al 65′ gran destro da fuori di Vucinic, Viviano con i pugni dice di no. Un istante dopo Marchisio ingnora i suoi compagni e spara male con il destro. Conte toglie un altalenante Vucinic e lascia il posto a Matri. La punta bianconera è subito efficace e offre l’assist per il raddoppio.L’ ex Cagliari protegge palla al limite dell’area dall’assalto di Milanovic e la appoggia a Quagliarella, che con un mancino a giro infila Viviano all’ angolino. Inizia una carambola di sostituzioni. Entrano Del Piero e Pepe nelle Juve mentre, ritorna dopo un lungo infortunio nel Palermo Armin Bacinovic che rileva Mgliaccio. L’ altro cambio è l’ingresso di Vazquez.  L’ unica fiammata del Palermo arriva all’ 86′.  Cross di Budan, Buffon non esce benissimo e il pallone arriva a Bacinovic che tira alto dal limite dell’area. L’ ultimo sussulto lo regala il capitano Del Piero, il suo diagonale mancino è respinto con i piedi da Viviano. Missione compiuta per la Juventus che batte 2-0 il Palermo e scavalca di un punto il Milan.

Grande euforia in casa bianconera dopo il sorpasso sul Milan e il tecnico Conte ora gongola: “Non ci aspettavamo le due battute d’arresto del Milan. Sono contento di stare davanti ,cosi non dipendo da nessuno. Mancano poche partite e abbiamo un calendario più difficile. Ma non ci demoralizziamo perchè abbiamo acquisito l’ autostima e la consapevolezza e non vogliamo fermarci qui. Ora dobbiamo continuare a pedalare”.

Si è sbloccato dopo le tante crtiche piovute e ora è uno dei leader della difesa bianconera. Bonucci si presenta cosi ai microfoni: “Sono felice di aver sbloccato una gara ostica. E’ dall’ inizio del campionato che lavoriamo duro per arrivare a questi risultati. Ora ci volgiamo tenere stretto il primo posto a partire dalla gara con la Lazio”.

Sconfitta d’onore per il Palermo che perde meritatamente ma, non esce ridimensionata come afferma l’allenatore Mutti: “Sapevamo che non sarebbe stato facile ma, ci siamo comportati bene. Abbiamo dato il massimo. E’ una sconfitta giusta perchè la Juve ha dominato,creando tanto. Non so,però, come poteva andare se avessimo avuto tutti a disposizione. Ora pensiamo a finire bene le prossime partite. Speriamo di riavere qualcuno in squadra”.

 

Stadio : Barbera (Palermo)

 

31 a giornata serie A

 

Palermo – Juventus      0-2

Marcatori: 56′ Bonucci (J), 70′ Quagliarella (J)

Ammoniti: Marchisio (J)

Espulsi: nessuno

 

Formazioni:

 

PALERMO (3-5-2): Viviano; Milanovic, Munoz, Labrin; Pisano, Barreto, Migliaccio, Della Rocca, Acquah; Ilicic,Miccoli.

A disposizione: Alvarez, Bacinovic, Budan, Kosnic, Tzorvas, Vazquez,Zahavi.   

All. Mutti

 

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Chiellini, Barzagli, Bonucci; Estigarribia, Marchisio, Pirlo, Vidal, Caceres; Vucinic, Quagliarella.

A disposizione: Borriello, Del Piero, Giaccherini, Lichtsteiner, Matri, Pepe, Storari.     

All. Conte

 

Arbitro: Brighi

 

Armin Sefiu

8 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook