PER LA JUVE UNA VITTORIA CHE SA DI…PEPE LAZIO SCONFITTA TRA LE POLEMICHE!

di Luigi Rubino

Colpaccio della Juventus che, nei minuti finali della partita del lunedi, si aggiudica i tre punti su una Lazio, che ha giocato con tanta grinta fino all’espulsione di Ledesma. Ora, la squadra torinese, a soli quattro punti dal quarto posto, occupato dalla Lazio, crede in un piazzamneto Champions, mentre la Lazio, dopo questa sconfitta, deve stare attenta e guardarsi dalle insidie di Roma e Udinese, distanti dietro di un solo punto.E’ la Lazio che inizia a fare la partita, con la Juve arroccata nella sua metacampo. La prima occasione è biancoceleste: Brocchi, su cross di Ledesma, colpisce di testa, ma il pallone lambisce il palo alla destra di Buffon.  Il portiere bianconero salva la Juve al 33′ e dice no ad un grande tiro di Floccari.

Al 38′ risponde la squadra bianconera. L’azione parte da Del Piero, palla a Lichtsteiner che non interviene, tiro immediato di Matri, ma Muslera  salva con i piedi. La Juve prende ora coraggio. Del Piero serve un buon pallone a Felipe Melo, ma il tiro del brasiliano è alto. Prima del riposo viene ammonito Ledesma, cha salterà la prossima gara di campionato con l ‘ Udinese. Juve più decisa nel secondo tempo. Grosso al 46’ crossa rasoterra sul primo palo un pallone invitante per Matri, ma Muslera blocca in due tempi, anticipando l’attaccante juventino.
La replica laziale è immediata con Zarate che mette fuori, dopo un lunga galoppata di Lichtsteiner sulla sinistra. Quattro minuti dopo, Del Piero dal vertice dell’area, prova un tiro a giro, ma la palla va fuori. La partita offre continui capovolgimenti. Le occasioni per sbloccare il risultato ci sono. Brocchi ha la grande opportunità per portare in vantaggio la Lazio, ma il suo tiro di controbalzo è impreciso. Al  21′ Chiellini interviene in area su Floccari, commettendo fallo in scivolata sulla caviglia del giocatore laziale, ma per l’arbitro Mazzoleni è tutto regolare. I padroni di casa continuano a martellare gli avversari. Hernanes prova a superare Buffon con un tiro insidioso che però è bloccato dal portiere. Più tardi l’occasione capita a Zarate  che  arriva in ritardo per la deviazione vincente, su traversone di Felipe Melo.  Iniziano i cambi. Toni sostituisce Matri. Salihamidzic rileva Motta. Scaloni entra a posto di Biava. L’arbitro poi ammonisce Brazzo, per fallo su Matuzalem. In un’azione di contropiede Felipe Melo viene messo giù da Ledesma che viene espulso, per somma di ammonizioni. Lazio costretta quindi a giocare in inferiorità numerica gli ultimi dieci minuti. Tra i biancocelesti, entra Bresciano al posto di Zarate. La Lazio arretra il suo baricentro. Ne approfitta la Juve che all’ 88′  realizza il gol della vittoria con un gran diagonale di sinistro di Pepe, deviato leggermente da Scaloni.

 

 

 

Lazio – Juventus  0 – 1

 

Rete:  83′ Pepe

 

 

LAZIO. Muslera, Lichtsteiner, Biava ( 71′ Scaloni), Dias, Garrido, Ledesma, Hernanes, Matuzalem, Floccari, Brocchi, (  88′ Kozak ), Zarate (  85′ Bresciano) All. Reia

 

JUVENTUS: Buffon, Motta ( 71′ Salihamidzic), Barzagli, Chiellini, Grosso, Krasic, Melo, Aquilani, Pepe, Del Piero  ( 93′ Bonucci ), Matri ( 71 Toni )

All: Del Neri

 

Note: Espulso Ledesma. Spettatori 50 mila

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook