La Fiorentina sbanca San Siro, Milan battuto 1-2

La grande sorpresa pasquale si consuma a San Siro dove la Fiorentina passa clamorosamente vincendo in rimonta 1-2 su un Milan opaco e stanco.

Allegri preferisce Maxi Lopez a Robinho, si rivede Cassano in panchina, mentre Bonera prende il posto di Nesta con Zambrotta sulla fascia sinistra. Delio Rossi opta invece per un attacco leggero con Jovetic e Ljajic, senza Montolivo a centrocampo fuori per squalifica e Gamberini assente in difesa.

 

Partono bene i viola che cercano di creare qualche pericolo, due volte con Jovetic e con una conclusione da fuori di Kharja al 9’ che termina alta sopra la traversa.

Il primo squillo rossonero è al 18’ con Ibrahimovic che esegue alla grande un calcio di punizione da 25 metri, il tiro dello svedese è respinto bene da Boruc, sulla palla vagante arriva Muntari ma non riesce a ribattere in rete.

Dieci minuti più tardi, alla mezz’ora, la partita si sblocca: Maxi Lopez è atterrato in area da Nastasic, Celi indica il dischetto assegnando un rigore piuttosto discutibile ed ammonendo anche il difensore viola. Dagli 11 metri Ibra non sbaglia, spiazza Boruc e porta in vantaggio i rossoneri.

La Fiorentina si rende pericolosa pochi minuti dopo al 34’ con una punizione di Ljajic sulla quale Abbiati risponde bene deviando il tiro, al minuto 39’ il Milan sfiora il colpo del 2-0 con Maxi Lopez.

L’argentino viene pescato da Ibrahimovic, stoppa il pallone dentro l’area e di sinistro fulmina il portiere viola che viene salvato soltanto dal palo.

La ripresa si apre subito con la risposta gigliata firmata da Jovetic il quale trova il gol del pari.

Sale in modo sbagliato la difesa rossonera e per il numero 8 della Fiorentina, imbeccato da De Silvestri, è facile appoggiare in rete a tu per tu con Abbiati mettendo a segno il tredicesimo gol stagionale.

Al nono minuto gli ospiti sciupano un bel contropiede, ancora Jovetic spreca malamente la palla del sorpasso, tirando debolmente su Abbiati.

La grande occasione per il Milan arriva al 24esimo con Maxi Lopez che viene pescato da Ibra in area, l’argentino supera Nastasic ma spreca malamente su Boruc in uscita.

Il Milan aumenta la pressione e prova a spingere, Rossi cerca di vincere la partita inserendo Amauri al posto del giovane Ljajic, sei minuti più tardi al 39’ entra anche Cassano al posto di Zambrotta.

Al 44’ Mexes pasticcia di testa e perde il pallone, ne approfitta Amauri che triangola con Jovetic e supera di destro Abbiati ribaltando clamorosamente il punteggio.

Nei 5 minuti di recupero concessi, Cassano prova la giocata in area, salta De Silvestri che lo atterra con una leggera spinta ma per Celi è tutto regolare, è questo l’ultimo brivido della partita prima del fischio di chiusura.

La Fiorentina sbanca così Milano ottenendo la seconda vittoria stagionale in trasferta dopo quella di Novara, per i rossoneri uno stop imprevisto che offre alla Juventus, impegnata a Palermo, la grande occasione per tentare il sorpasso in testa alla classifica.

 

MILAN-FIORENTINA 1-2 (primo tempo 1-0)

 

MARCATORI: Ibrahimovic (rig.) 31’ p.t., Jovetic 2’ s.t., Amauri 44’ s.t.

 

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Bonera, Mexes, Zambrotta (39’ s.t. Cassano); Nocerino, Ambrosini (8’ s.t. Aquilani), Muntari; Emanuelson (17’ s.t. Robinho); Maxi Lopez, Ibrahimovic.

A disposizione: Amelia, Yepes, Gattuso, El Shaarawy.

All: Allegri.

 

FIORENTINA (3-5-2): Boruc; Camporese (25’ s.t. Felipe), Natali, Nastasic; De Silvestri, Behrami, Kharja (39’ s.t. Olivera), Lazzari, Pasqual; Jovetic, Ljajic (32’ s.t. Amauri).

A disposizione: Neto, Salifu, Romulo, Marchionni.

All: Rossi.

Arbitro: Celi di Bari.

Assistenti: Petrella, De Luca.

Matteo Ciofi

7 aprile 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook