Poker Napoli, Trabzonspor travolto 4-0 e passaggio turno ipotecato

Poker Napoli, Trabzonspor travolto 4-0 e passaggio turno ipotecato

gabbiadiniRispetto alla debacle col Palermo Benitez si presenta in Europa League con una formazione cambiata per ben sei undicesimi. In attacco sono confermati Gabbiadini (che sta vivendo un periodo d’oro) e il solito Higuain. In panchina Hamsik, Callejon e Rafael Cabral (rilevato da un ottimo Andujar).
La partita si chiude di fatto già nel primo tempo con i partenpei capaci di andare in gol tre volte nella prima mezzora. Nonostante il risultato compromesso, i padroni di casa non sembrano intenzionati ad arrendersi e la partita rimane vivace e godibile. Nel finale arriva anche il gol del 4-0 per il Napoli che praticamente consegna il passaggio del turno con una gara di anticipo.
Unica nota dolente per il Napoli: il rigore sbagliato da Mertens (che sembra soffrire molto l’agguerrita concorrenza dei compagni di reparto).
Positiva la prova tra i pali di Andujar che non subisce reti (una rarità quest’anno per il Napoli) e che potrebbe insidiare il posto da titolare a Rafael Cabral, imbarazzante in campionato.

Mezzora per chiudere la pratica – La qualità delle due squadre in campo non è neanche paragonabile e si vede subito. Al 5’ arriva il primo gol azzurro su azione d’angolo. Gabbiadini si incarica del corner, il pallone rimpalla in area e Koulibaly conclude a rete. Il portiere respinge ma Henrique è il più rapido di tutti e insacca con un pallonetto di testa.

Al 20’ arriva il raddoppio. Gabbiadini si invola sulla sinistra e serve un pallone rasoterra perfetto per Higuain che a due passi dalla porta segna senza problemi.
Il 3-0 arriva pochi minuti più tardi, al 27’. Gabbiadini si infila tra due avversari, Mertens lo vede e lo serve con un lancio preciso. L’ex attaccante della Sampdoria compie una vera magia e, spalle alla porta, controlla tra due difensori, si gira e conclude a rete superando il portiere turco in uscita.
Ma il Napoli non è ancora sazio e allora prima Higuain colpisce la traversa con un tiro dalla media distanza e poi Gabbiadini impegna il portiere Arikan su un calcio di punizione.
Il Trabzonspor ha povato a gestire il possesso di palla ma dopo il secondo gol i padroni di casa sono usciti dalla partita lasciando spazio alle manovre degli ospiti.

Verso gli ottavi senza problemi – Nella ripresa inizia un duello personale tra Mertens e Arikan. Prima il belga conclude di poco a lato, poi, pochi minuti più tardi, è il portiere turco a negargli il gol con una gran parata in tuffo.
Il Trabzonspor affronta la ripresa a testa alta, con grande intensità, ma le occasioni scarseggiano: solo al 74’ arriva una nitida palla gol con Cardozo che da posizione favorevole calcia in porta, ma la difesa del Napoli è brava a chiudere in extremis.
All’ 84’ arriva un rigore per il Napoli con Mertens che viene atterrato nell’area di rigore turca. Sul dschetto si presenta proprio lui ma la sua conclusione è imprecisa, un tiro rasoterra che termina fuori. Tre minuti dopo è ancora Mertens che fa tutto da solo, entra in area e tira, ma il pallone termina abbondantemente fuori: serata piuttosto sfortuna sfortunata per il belga.
Ma le emozioni non sono finite. Al 92’, in pieno recupero, Zapata (entrato al posto di Higuain) mette la firma sul 4-0 raccogliendo un pallone vagante nell’area avversaria, è il gol che chiude la gara.

Per il Napoli ora il passaggio agli ottavi è ormai scontato. La partita di ritorno al San Paolo sarà poco più di una formalità per Benitez che in coppa non delude mai.

Meritano 2duerighe

Gabbiadini: continua il momento d’oro dell’ex doriano. Entra nella prima rete, regala il pallone per il gol di Higuain e compie una vera e propria magia sul terzo gol. Ispiratissimo.
Yanal: l’allenatore del Trabzonspor partiva senza i favori del pronostico ma non fa nulla per migliorare la situazione. La squadra approccia male la partita e gli attaccanti partenopei sono sempre liberi dalle marcature. Tatticamente sbaglia tutto.

Tabellino

TRABZONSPOR – NAPOLI 0-4

Trabzonspor (4-3-3): Arikan, Bosingwa, Demir, Medjani, Dogan, Hurmaci (90’+2 Nizam), Atik (90’+2 Dursun), Zengin, Yilmaz, Cardozo, Aydogdu (85’ Yavru). All. Yanal.

Napoli (4-2-3-1): Andujar, Hernique, Albiol, Britos, Ghoulam, Gargano (46’ D. Lopez), Inler, Mertens, De Guzman (70’ Callejon), Gabbiadini, Higuain (80’ Zapata). All. Benitez.

Marcatori: 6’ Henrique, 20’ Higuain, 27’ Gabbiadini, 90’+2 Zapata

Ammoniti: Atik, Demir (T), Inler (N)

Andrea Speziale
20 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook