Finisce 1-1 tra Palermo e Udinese

Al gol di Miccoli nel primo tempo risponde il rumeno Torje nella ripresa. Siciliani molto lucidi sotto porta ma,soffrono il ritorno veemente dei friuliani.  I bianconeri agganciano la Lazio al terzo posto

L’anticipo serale della 29/a giornata rischia di essere l’ultima chiamata per Bortolo Mutti: il Palermo galleggia a quota 35 punti in classifica e ospita al Barbera un’ Udinese che continua a coltivare il sogno continentale, alimentato dallo stop della Roma con il Milan in ottica Europa League e dalla Lazio a soltanto una lunghezza di distanza in chiave preliminari di Champions League.

Due squadre in crisi che vengono da un pareggio nel turno precedente. I padroni di casa hanno racimolato solo un punto nelle ultime 4 uscite, non hanno nulla da perdere (l’ Europa è lontanissima) ma vogliono dare continuità di risultati. Per l’ Udinese troppi punti persi per strada e una vittoria che manca da quasi un mese. Viene dalla cocente rimonta subita con il Napoli ma, deve ricominciare a fare tre punti ,se vuole ancora sperare in un posto nell’ Europa più prestigiosa. Ricordiamo che l’ anno scorso i bianconeri costarono la panchina a Delio Rossi, dopo un pesantissimo 0-7. Allora era un altra Udinese con giocatori di classe assoluta come Sanchez ed Inler.

Il tecnico dei rosanero Mutti conferma l’assetto a tre difensori che a Lecce sei giorni fa aveva dato qualche garanzia. Davanti a Viviano ci sono le sorprese Labrin e Milanovic. Per il resto  i due esterni del centrocampo a 5 sono Pisano e Balzaretti. In avanti torna Miccoli affiancato da Hernandez: solo panchina per Ilicic. Guidolin risponde col tradizionale 3-5-1-1: a ridosso di Di Natale c’è però Abdi, soluzione più conservativa rispetto a quella rappresentata da Torje. Sorprende l’esclusione di Armero: sarà Pasquale il quinto di sinistra, con il rientrante Basta sull’out opposto. Davanti ad Handanovic mancano Benatia e Domizzi: giocano titolari Coda ed Ekstrand ai lati di Danilo. Viene osservato un minuto di silenzio per il militare italiano caduto in Afghanistan.

Rispetto alle idee della vigilia gli ospiti provano a guidare il gioco mentre, i padroni di casa sono raccolti nella propria metà campo. C’è la volontà dei friuliani che mancano di cattiveria. Al 3′, su una palla inattiva, Di Natale cerca Pasquale che si coordina al volo ma tira altissimo. Sono più pungenti i rosanero soprattutto con il numero 10 Miccoli, la sua punizione a giro obbliga Handanovic a un intervento in tuffo. I friuliani si affacciano prima con Basta, il suo tiro termina alto, poi, con Di Natale, la sua girata mancina viene bloccata da Viviano. Al 19′ sugli sviluppi di un angolo Danilo manda fuori di testa. La gara vive di poche emozioni con le due compagini che non si scoprono. Dopo la mezz’ora i siciliani trovano la zampata vincente. Barreto serve in verticale Miccoli che con un diagonale sinistro infila Handanovic all’ angolino. E’ il dodicesimo centro stagionale per il Romario del Salento. Buona reazione dei bianconeri con Di Natale, il suo destro è flebile e facile preda per Viviano. Giocano in grande velocità i rosanero e mettoono in apprensione la retroguardia ospite. Bella ripartenza del Palermo con Miccoli che spara a lato dai 20 metri. Due minuti dopo Hernandez non ci arriva su un destro incrociato al volo di Miccoli. L’ ultimo brivido lo regalano gli ospiti con Abdi, il suo destro rasoterra esce fuori di un nulla. Finisce la prima frazione sull’ 1-0 per il Palermo. Gara equilibrata decisa da un episodio.

Subito due sostituzioni nella ripresa per Guidolin che cambia gli esterni: fuori Pasquale e Basta, al loro posto entrano Armero e  Pereyra. Gli ospiti entrano con il piglio giusto e iniziano il loro assedio verso la porta rosanero. La prima giocata è del solito Di Natale che entra in area e conclude a lato. Spreca Asamoah che ottiene l’uno-due con Di Natale ma svirgola al volo da pochi passi. A questo punto il tecnico bianconero decide di rischiare presto il terzo cambio: Torje per l’impalpabile Pazienza. L’ Udinese spinge ma a volte pecca di ingenuità  quando arriva in area ospite . Gli uomini di Guidolin  cercano la giocata personale. Al 69′ Abdi prova il destro da fuori che termina alle stelle, facendo arrabbiare Di Natale che si aspettava una palla filtrante. Intanto Mutti inserisce forze fresche in avanti: esce Hernandez, sottotono, ed entra Ilicic. Ma sono sempre i bianconeri ad avere le rendini del gioco. Nel finale bel duello ravvicinato tra il bomber friuliano e la retroguardia avversaria. Al 75′ Totò conclude a lato con un sinistro al volo, su delizioso cross di Armero.  Velletario il mezzo esterno del numero 10 bianconero, bloccato da Viviano. Due minuti dopo Pinzi lo serve in verticale, ottimo l’aggancio ma pessimo il diagonale destro che termina a lato. La scossa per l’ Udinese arriva a cinque minuti dal termine. Pereyra vince un corpo a corpo con Mantovani e da destra chiude un triangolo con Torje. Il rumeno aggancia e con il destro la insacca sul palo lontano. Di fatto il match finisce qui, un punto che avvicina alla salvezza il Palermo e permette l’ aggancio provvisorio dell’ Udinese alla Lazio al terzo posto.

C’è un po’ di rammarico per il tecnico Mutti che vede svanire la vittoria nel finale: “ Dispiace aver preso gol quando eravamo convinti di vincere, e forse lo meritavamo. Sono soddisfatto anche di come ha reso la difesa a tre. E’ comunque un punto importante che muove la classifica”.

Non poteva chiedere di più Guidolin che accetta il verdetto, dopo un secondo tempo giocato molto bene, in cui ha sofferto pochissimo la sua squadra: “Pareggio giusto. Abbiamo saputo reagire dopo un primo tempo opaco. Torje ha fatto un bel gol , e anche Pereyra è un giovane che sta crescendo”.

Stadio : Barbera (Palermo)

29 a giornata serie A

Palermo – Udinese 1-1
Marcatori: 31′ Miccoli (P), 84′ Torje (U)
Ammoniti: Ekstrand (U), Migliaccio (P), Ilicic (P)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Palermo (3-5-2)                                                         Udinese (3-5-2)

Viviano                                                                      Handanovic
Milanovic                                                                  Ekstrand
Labrin                                                                        Danilo
Mantovani                                                                  Coda
Pisano                                                                        Pasquale
Migliaccio                                                                 Asamoah
Donati                                                                        Pazienza
Barreto                                                                       Pinzi
Balzaretti                                                                   Basta
Hernandez                                                                  Di Natale
Miccoli                                                                      Abdi

All. Mutti                                                                  All. Guidolin
 
Arbitro: Damato

Panchina
Palermo: Acquah, Aguirregaray, Budan , Della Rocca, Ilicic, Tzorvas, Vazquez,
Udinese:  Armero, Fernandes, Neuton, Padelli, Pereyra, Torje, Vydra

Armin Sefiu  

25 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook