EUROPA LEAGUE. FUORI ANCHE L’UDINESE, PASSA L’AZ. FLOP DELLE DUE DI MANCHESTER

Si completa con l’eliminazione dell’Udinese una settimana tremenda per le italiane in Europa, sopravvive solo  il Milan (a cui l’urna ha assegnato il Barcellona….).
Eppure la squadra di Guidolin, nonostante l’impresa non fosse delle più facili, aveva iniziato il match casalingo contro gli olandesi dell’Az Alkmaar capolista in Eredivise, alla grandissima. Formazione friulana infarcita di titolari, in avanti l’artiglieria pesante con Floro Flores che affianca Totò Di Natale.

Dicevamo della partenza-sprint dei bianconeri che al 2’ sono già sull’1 a 0 e con l’uomo in più. Viergever, espulso per fallo da ultimo uomo, abbatte Floro Flores in area, e Di Natale infila il conseguente rigore. Una manciata di minuti più tardi, e al 15’ arriva addirittura il raddoppio sempre con Di Natale, bravo a  farsi trovare pronto sul cross dalla sinistra di Pasquale. Discorso qualificazione che ormai  sembra chiuso. La doccia scozzese arriva al 30’, quando Falkenburg, già a segno all’andata, libero a centro area, scarica una botta tremenda che si infila sotto l’incrocio dei pali, Handanovic non può niente. La reazione dei friulani è veemente, e a fine primo tempo potrebbero segnare con Armero e Di Natale. La ripresa vede un Az molto più tonico e dentro la partita di un Udinese ormai scoraggiata, e al 18’ gli olandesi potrebbero addirittura pareggiare ma sbagliano il rigore concesso per un fallo di Domizzi su Holman. Al 25’ occasione per l’undici di Guidolin quando il neo entrato Fabbrini tenta la botta dai sedici metri, ma la palla va solo vicino all’incrocio della porta difesa da Esteban. Finisce così, con un 2 a 1 beffardo, e con  il rimpianto per non aver superato il turno. Complimenti all’Az, squadra ben organizzata, con un buon gioco, ed un grande carattere.
Nelle altre partite della serata, da segnalare le eliminazioni delle due squadre di Manchester: il City a cui non basta il successo interno per 3 a 2 in casa con lo Sporting Lisbona, e lo United a cui l’Athletic Bilbao al San Mames impartisce una vera e propria lezione di calcio, battendolo per 2 a 1, ma mostrando una superiorità tattica e fisica imbarazzante.
Udinese (3-5-1-1): Handanovic; Benatia (11′ pt Pasquale), Domizzi, Ekstrand; Ferronetti(22′ st Fabbrini), Pinzi, Pazienza (33′ st Abdi ), Asamoah, Armero; Floro Flores; Di Natale. (21 Padelli, 13 Neuton, 18 Battocchio, 43 Marsura). All. Guidolin.
Az Alkmaar (4-3-3): Esteban; Marcellis, Moisander,
Viergever , Poulsen; Maher,  Falkenburg (39′ st Ortiz ), Elm; Beerens sv (11′ pt Klavan), Altidore, Holman (33′ st Gudmundsson). (21 Heijblok, 6 Reijnen, 9 Boymans, 36 Messaoud). All. Verbeek.
Arbitro: Mazic (Ser) .
Reti: 3′ pt Di Natale (rig.), 15′ pt Di Natale, 31′ pt Falkenburg.
Recupero: 2′ e 4′.
Angoli: 3-4.
Espulsi: 2′ pt Viergever per fallo da ultimo uomo.
Ammoniti: Pasquale, Altidore, Domizzi, Pazienza, Pinzi per gioco scorretto; Maher per simulazione

Di seguito tutti i risultati degli ottavi di Europa League:

atl. madrid – besiktas     3-1
3-0

az alkmaar – udinese     2-0
1-2

man utd – ath. bilbao     2-3
1-2

met. kharkiv – olympiacos     0-1
2-1

sp. lisbona – man city     1-0
2-3

standard liegi – hannover     2-2
0-4

twente – schalke     1-0
1-4

valencia – psv     4-2
1-1

Luca Nicosia

16 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook