Roma-Lazio, un tempo a testa

Roma-Lazio, un tempo a testa

tottiLa Roma riacciuffa il derby grazie al solito Totti e spera in un passo falso della capolista Juventus in casa del Napoli nel posticipo serale. Garcia non si fida del tutto delle condizioni di Ljajic e manda in campo il tridente formato da Florenzi, Iturbe, Totti mentre Pioli punta su Djordjevic come unico centroavanti supportato da Mauri, Candreva ed un Felipe Anderson in ottima forma. Il primo tempo lo domina la Lazio, i giallorossi sono completamente assenti e gli uomini di Pioli ne approfittano andando in rete prima con Mauri e poi con Felipe Anderson. Nella ripresa Garcia cambia le carte in tavola, la Lazio è a corto di fiato e Totti decide di cambiare le sorti del derby (il quarantesimo per il capitano giallorosso) mettendo a segno una doppietta che gli vale il record di reti segnate nella stracittadina: 11.

Due volte Lazio- Passano solo undici minuti e la Roma già rischia grosso, Parolo recupera un pallone nella zona mediana del campo per poi aprire il gioco verso Candreva, l’ex Cesena entra in area e prova la conclusione sul secondo palo, fortunatamente per De Sanctis la sfera esce fuori bersaglio. I giallorossi sbagliano passaggi facili e non riescono ad impostare la manovra, la Lazio ne approfitta e al 25’ sblocca il risultato: Nainggolan perde l’ennesimo pallone, Felipe Anderson si invola per poi servire un ottima palla a Mauri che tutto solo batte De Sanctis per l’uno a zero biancoceleste. Quattro minuti dopo sono ancora gli uomini di Pioli ad andare in rete, Mauri poggia palla con il tacco a Felipe Anderson, dal limite dell’area di rigore il brasiliano non sbaglia ed è due a zero Lazio. L’unica azione degna di nota dei giallorossi arriva solo intorno al 35’ quando Florenzi innesca Iturbe sulla destra ma la conclusione del numero sette è alta sopra la traversa.

Totti pareggia i conti- Il secondo tempo parte subito nel migliore dei modi per i giallorossi, al 2’ il neo entrato Strootman serve Totti con un ottima diagonale a tagliare l’area di rigore laziale, piattone a pochi passi da Marchetti e rete che si gonfia; Lazio due Roma uno. Al 6’ ci prova anche Iturbe con una gran botta dalla distanza, tiro potente ma troppo centrale per impensierire Marchetti che mette in angolo la sfera. La Lazio sembra essere a corto d’ossigeno e al 19’ Totti sale in cattedra, Holebas brucia l’out di sinistra, arrivato in zona cross pennella una stupenda traiettoria per Totti che in mezza rovesciata sigla il due a due con tanto di corsa e selfie sotto la Sud. Il finale di gara continua a regalare emozioni, al 44’ è De Sanctis a superarsi su una conclusione ravvicinata di Klose mentre un minuto dopo è Ljajic ad accarezzare il tre a due con una bellissima azione solitaria ma la sua conclusione non riesce a prendere il dovuto effetto e si spegne poco fuori.

Meritano 2duerighe

Totti: il capitano giallorosso gioca a tutto campo e salva la Roma con una doppietta nel suo quarantesimo derby in carriera.

Nainggolan: il belga gioca sottotono, rimedia un ammonizione che gli farà saltare Palermo e da un suo errore scaturisce il primo goal dei biancocelesti.

Tabellino

ROMA-LAZIO 2-2

ROMA (4-3-3) De Sanctis, Maicon, Manolas, Astori, Holebas, Pjanic, De Rossi, Nainggolan (1’st Strootman), Florenzi (1’st Ljajic), Totti, Iturbe (36’st Destro). All.: Garcia.

LAZIO (4-2-3-1) Marchetti, Basta, De Vrij (31’st Cavanda), Cana, Radu, Biglia, Parolo, Candreva, Mauri, Felipe Anderson (20’st Onazi), Djordjevic (20’st Klose). All.: Pioli.

ARBITRO: Orsato di Schio.

MARCATORI: 25’pt Mauri, 29’pt Felipe Anderson (L), 2’st e 19’st Totti (R).

AMMONITI: Felipe Anderson, Cana, Mauri, Marchetti (L), Nainggolan, De Rossi, Pjanic, Iturbe (R).

Lorenzo Bruno

11 gennaio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook