I friuliani sbattono contro il muro sardo

L’ Udinese non va oltre lo 0-0 con il Cagliari. Bianconeri pericolosi in più circostanze, rossoblu salvati da Astori e quasi mai insidiosi. Si rivede Barreto

Si disputa in notturna la nuova tappa della corsa verso la Champions League del prossimo anno: è sfida a distanza tra la Lazio, impegnata sul campo del Palermo, e l’Udinese di Francesco Guidolin, che aspetta il Cagliari allo Stadio Friuli. In casa bianconera c’è ancora da digerire il pari interno contro il Paok Salonicco ma, stasera, Guidolin deve fare i conti con tante assenze pesanti, a partire da quella di capitan Di Natale, passando per Isla,Pinzi e Badu.

Dal canto suo, il Cagliari confida sull’amuleto Ballardini, ultimo allenatore a portare i sardi al successo ad Udine. Tra i rossoblù mancherà lo squalificato Conti, sostituito da Ekdal, mentre Cossu non è al meglio dopo l’acciacco rimediato contro il Palermo ma ci sarà, alle spalle di Pinilla e Thiago Ribeiro. Nell’Udinese spazio a Torje alle spalle di Floro Flores.

Nella prima frazione non una gran partita condizionata dal terreno viscido: Udinese e Cagliari sono più brave ad annullarsi a vicenda che a pungere in fase offensiva. I friulani fanno qualcosina in più per provare a scardinare il pareggio, ma a referto vanno due occasioni da rete per parte: frutto di iniziative personali le due collezionate dai sardi, clamorosa quella fallita da Fernandes per l’Udinese. Già al primo minuto i bianconeri mettoni i brividi alla difesa rossoblu. Punizione di Basta dalla destra, il suo cross trova la testa di Danilo, Floro Flores prova a correggere in rete la zuccata del brasiliano ma il pallone si perde sul fondo. Non una bella partita nei primi dieci minuti: tanto traffico a centrocampo e poco spazio per le manovre offensive, che faticano a superare le rispettive trequarti. Si deve arrivare al 19′ per vedere un tiro in porta. Punizione di Domizzi dai venti metri, sinistro verso il palo difeso da Agazzi che si distende e blocca. Un minuto dopo accelerazione di Basta sulla destra, appoggio per Floro Flores che, cambia fronte per l’accorrente Armero: di poco a lato il diagonale del colombiano, è la prima vera palla-gol del match. Insistono i padroni di casa. Al 29′ sfuriata di Abdi, in mezzo per Floro Flores che scarica verso l’accorrente Fernandes che liscia il pallone, in seconda battuta è puntuale Pazienza ma la sua conclusione è debole e centrale. Ritmi sempre molto più blandi, più Udinese che Cagliari man mano che passano i minuti. Al 37′ gran lavoro di Torje sulla destra, evitati due avversari e cross verso il secondo palo dove Gelson Fernandes fallisce clamorosamente il colpo di testa a botta sicura. Finalmente il primo squillo ospite al 43′. Pinilla riceve il pallone al limite dell’area e si gira di prima intenzione calciandola verso il sette alla destra di Handanovic, bravo il portiere sloveno a non farsi sorprendere.
Il Cagliari conclude in avanti. Al 46′ Ekdal dai quaranta metri, controllo di coscia e conclusione a rete, il pallone spiovente impegna nuovamente Handanovic. Si va al riposo sullo 0-0.

Nella ripresa il film non cambia. L’ Udinese continua a fare gioco, chiudendo il Cagliari nella metà campo. I sardi devono ringraziare il loro portiere. Primi quindici minuti bloccati. Le uniche annotazioni sono l’ingresso di Ibarbo e Ariaudo per Ekdal e Cossu (problemi fisici). Il primo guizzo verso lo specchio della porta arriva al 62′. Corner di Torje, palla verso il primo palo dove irrompe Pazienza, Agazzi è battuto ma il pallone colpisce Agostini in pieno viso. Guidolin si gioca la carta Barreto, applaudito dal pubblico dopo una lunga astinenza dai campi, fuori Torje. Al 71′ cross di Armero dalla trequarti sinistra, Floro Flores a centro-area devia verso il palo lungo ma la sfera esce a lato di poco. Ballardini arretra il suo baricentro inserendo Ceppellini al posto della punta Thiago Ribeiro. Continua a spingere l’Udinese, si gioca solo nella metà campo ospite. All’ 80′ tiro-cross di Barreto da posizione defilata, Agazzi esce e toglie il pallone dalla testa di Fernandes, l’accorrente Armero prova a calciare in porta ma trova la respinta di un difensore rossoblù. E’ l’ultima vera sortita friuliana, il Cagliari resiste e porta a casa un punto d’oro. L’ Udinese continua il momento no in fase finalizzativa e, si deve accontentare del punto che permette l’ aggancio alla Lazio in zona Champions.

Francesco Guidolin è soddisfatto , la sua Udinese non è da scudetto ma da Europa, magari anche da Champions League: “E’ un momento in cui non ci va bene una. Abbiamo messo sotto il Cagliari rischiando poco. Buona la prestazione. Cercheremo di rifarci in Grecia. Sappiamo che troveremo un ambiente caldo, daremo battaglia”.

Ancora più soddisfatto , Larini, guardando a Lecce, le magie di due bianconeri in prestito, di Muriel e Cuadrado che hanno trascinato la squadra di Cosmi alla vittoria. “Siamo contenti per loro. Sono due giocatori importanti per il nostro futuro”. Pronti a riprenderli a fine stagione?  “In linea di massima l’intenzione è questa, ma ora lasciamoli crescere ancora”.
Di Natale – dipendenti? “E’ un giocatore fondamentale per noi, ma l’ Udinese è una squadra con altri punti di forza”.

Il vero spauracchio dell’ Udinese è stata la presenza sulla panchina di Ballardini , vero portafortuna per i sardi. A fine gara analizza cosi il match: “E’ un buon punto. Poche squadre hanno fatto bene qui. Abbiamo sofferto sulle fasce laterali, potevamo fare di più”.

Stadio : Friuli (Udine)

24 a giornata serie A

Udinese – Cagliari  0-0
Marcatori: nessuno
Ammoniti: Benatia (U), Domizzi (U), Ariaudo ( C), Cepelini ( C), Agazzi ( C)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Udinese (3-5-2)                                                 Cagliari (4-3-1-2)

Handanovic                                                        Agazzi
Benatia                                                               Agostini
Danilo                                                                Astori
Domizzi                                                             Canini
Basta                                                                  Pisano
Fernandes                                                           Nainggolan
Pazienza                                                             Ekdal
Abdi                                                                   Dessena
Armero                                                              Cossu
Torje                                                                  Thiago Ribeiro
Floro Flores                                                       Pinilla

All. Guidolin                                                     All. Ballardini

Arbitro: Celi

Panchina
Udinese : Barreto, Battocchio, Coda, Fabbrini, Ferronetti, Padelli, Pasquale
Cagliari: Ariaudo, Avramov, Cepelini, Gozzi, Ibarbo, Larrivey, Perico

Armin Sefiu

20 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook