Un gol per tempo, l’Inter reagisce e batte il Chievo

Un gol per tempo, l’Inter reagisce e batte il Chievo

Dopo oltre un mese e mezzo d’attesa l’Inter torna al successo in trasferta, a Verona i nerazzurri si impongono per 2-0 permettendo a Mancini di cogliere la prima vittoria in campionato. Partita divertente, giocata a viso aperto da entrambe le squadre con gli ospiti più cinici nello sfruttare le occasioni.

Mancini rilancia D’Ambrosio dal primo minuto, Medel viene preferito a M’Vila mentre in attacco fiducia alla coppia Palacio-Icardi. Rolando Maran propone un 4-4-2 con il tandem Paloschi-Meggiorini in avanti. 

Kovacic spezza l’equilibrioNove minuti soltanto e il Chievo sfiora il vantaggio, Paloschi elude il fuorigioco e di testa impegna Handanovic che si supera e salva tutto. Al primo vero affondo i nerazzurri passano, al 19’ Nagatomo crossa dalla sinistra, Icardi fa la sponda e Kovacic si inserisce trafiggendo Bizzarri con un piatto preciso. La partita sale di tono, i contrasti aumentano ma il Chievo non disdegna di rendersi pericoloso, al minuto 35 ci prova Meggiorini con una bella acrobazia ma il portiere interista è reattivo e devia ancora. I nerazzurri fraseggiano e cercano l’azione manovrata, i clivensi spesso mettono in difficoltà la retroguardia avversaria con palloni alti sui quali l’Inter sbanda, l’ultimo brivido del primo tempo arriva da un traversone di Sardo con il pallone che colpisce la traversa.

Ranocchia chiude i conti – Ricomincia bene l’Inter, Nagatomo in avvio di ripresa tenta un diagonale che termina largo di poco. Il Chievo reagisce subito, Kuzmanovic perde palla, i gialloblu ripartono veloci ma Paloschi non inquadra la porta con un destro poco preciso. Al 55’ D’Ambrosio va vicinissimo al raddoppio sugli sviluppi di un corner, la conclusione viene salvata a botta sicura da Cesar. Sull’angolo successivo Ranocchia raccoglie un cross dalla sinistra e infila Bizzarri con una zampata da attaccante d’area. Maran corre ai ripari e inserisce Maxi Lopez e Botta ma la partita dell’ex interista dura pochissimo, dopo un giallo per un fallo Massa lo espelle per qualche parola di troppo. Sotto di due gol e con l’uomo in meno il Chievo si spegne, l’Inter gestisce la partita, Mancini dà spazio anche a Osvaldo ma il parziale non cambia più, i nerazzurri tornano a sorridere e si portano a quota 20 riavvicinandosi al treno per l’Europa.

 

Meritano 2duerighe

Ranocchia: si riscatta dopo un periodo piuttosto opaco. Guida bene la difesa, preciso negli anticipi, trova la rete che chiude la sfida con una bella giocata.

 

Guarin: non brilla ancora una volta, tanta confusione e poca precisione. Quasi casualmente si ritrova nelle azioni dei due gol ma è l’anello debole della mediana nerazzurra nella serata di Verona.

 

Tabellino

 

CHIEVO VERONA – INTER 0-2

 

CHIEVO VERONA (4-4-2): Bizzarri; Sardo, Gamberini, Cesar, Biraghi; Radovanovic, Izco, Hetemaj, Birsa (63′ Botta); 43 Paloschi (63′ Maxi Lopez), Meggiorini (84′ Pellissier).

Allenatore: Rolando Maran.

 

INTER (4-3-1-2): Handanovic; Nagatomo, Ranocchia, Juan Jesus, D’Ambrosio; Guarin, Medel, Kuzmanovic (76′ Dodò); Kovacic; Icardi (76′ M’Vila), Palacio.

Allenatore: Roberto Mancini.

 

Marcatori: 19′ Kovacic, 55′ Ranocchia.

Arbitro: Massa (IM).

Ammoniti: Izco (C), Cesar (C), Meggiorini (C), Handanovic (I).
Espulsi: Botta (C).

 

Matteo Ciofi

15 dicembre 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook