La Roma batte il Genoa e accorcia le distanze dalla vetta

La Roma batte il Genoa e accorcia le distanze dalla vetta

genoa-romaDopo la prestazione contro il Sassuolo e l’eliminazione in Coppa Campioni la Roma torna a sorridere, la Juventus pareggia in casa contro la Samp di Romagnoli e i giallorossi strappano tre punti in una campo difficile come il Ferraris. Non vince il bel gioco ma la concretezza d’altronde al gioco del calcio i tre punti li fa chi segna una rete in più dell’avversario ed oggi la Roma porta a casa la vittoria con una prestazione solida: in vantaggio nel primo tempo con la rete di Nainggolan, i ragazzi di Garcia, aiutati anche dalla superiorità numerica, non hanno mai rischiato molto se non per un azione di Matri allo scadere del primo tempo.

La prodezza di Radja-  La Roma non perde tempo e al quarto d’ora si rende subito pericolosa, Gervinho buca la difesa genoana per vie centrali, calcia in porta ma Perin respinge, sulla ribattuta arriva Pjanic ma Perin si esalta e chiude ancora una volta la saracinesca con una respinta corta, Florenzi ci prova ma a sua conclusione termina alta sopra la traversa. Poco prima della mezz’ora è ancora Roma in attacco, Ljajic apre il gioco per Pjanic che a sua volta sposta la palla sulla destra per Nainggolan, Perin atterra il belga e Banti oltre ad assegnare il rigore ai giallorossi espelle Perin, dal dischetto va Ljajic ma il neo entrato Lamanna capisce tutto e mette fuori la sfera. Calo di morale? Negativo, non stavolta, al 39’ Maicon pennella un cross prefetto dalla destra, dal limite dell’area di rigore Radja Nainggolan di coordina e al volo buca Lamanna per l’uno a zero Roma.

Amministrazione Roma- Il Genoa soffre l’uomo in meno e la Roma cerca di approfittarne senza scoprirsi troppo, al 65’ Keita stacca bene di testa su un calcio d’angolo battuto da Pjanic ma la conclusione si spegne a lato della porta. Al 72’ è Gervinho ad avere l’occasione del definitivo ko ma l’ivoriano a tu per tu con Lamanna sciupa tutto calciando fuori bersaglio. Altra nitida occasione da goal al 86’ quando Florenzi regala al neo entrato Iturbe una palla d’oro, l’ex Hellas Verona stacca di testa ma anche stavolta la traiettoria risulta imprecisa. Al 92’ Perotti calcia bene dalla bandierina, Rincon stacca più alto di tutti e la rete si gonfia ma Banti annulla tutto per un fuorigioco millimetrico; Roma a meno uno dalla Juventus e giochi riaperti.

Meritano 2duerighe

Nainggolan: si procura il rigore,segna il goal che vale i tre punti e trascina la Roma in una trasferta difficilissima.

Matri: sciupa la palla del possibile pareggio, non si rende mai pericoloso, di gran lunga migliore la prova del compagno di reparto Perotti.

 

Tabellino

GENOA – ROMA 0-1

Genoa (4-3-3): Perin, Roncaglia, De Maio (69′ Pinilla), Burdisso, Antonelli, Sturaro, Rincon, Bertolacci, Perotti, Matri (46′ Edenilson), Falque (30′ Lamanna). All.: Gasperini.

Roma (4-3-3): De Sanctis, Maicon, Astori, Yanga Mbywa, Holebas, Pjanic, Keita, Nainggolan, Florenzi, Gervinho (82′ Iturbe), Ljajic (77′ Totti). All.: Garcia.

Arbitro: Banti di Livorno.

Marcatori: 39’ Nainggolan (R).

Ammoniti: Astori, Pjanic, Yanga Mbywa (R),Pinilla, Perotti (G).

Espulso: Perin (G).

Lorenzo Bruno

14 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook