Il Napoli passeggia: 3-0 sullo Slovan e primo posto nel girone

Il Napoli passeggia: 3-0 sullo Slovan e primo posto nel girone

In un “San Paolo” semideserto, il Napoli, reduce dal deludente pareggio casalingo con l’Empoli, ritrova la vittoria nell’ultima sfida del Gruppo I d’Europa League, ponendo il tassello finale sull’agevole dominio della classifica. Il successo che decreta il passaggio ufficiale ai sedicesimi arriva al termine di una gara mai veramente in discussione. Finisce 3 a 0, grazie ai goal di Mertens e Hamsik nel primo tempo e a quello di Zapata nella ripresa. Nell’altra sfida del girone, lo Young Boys raggiunge il secondo posto utile alla qualificazione, a seguito della vittoria sui rivali dello Sparta Praga. Archiviata la comoda pratica Slovan, ora per Higuain e compagni sarà il momento della trasferta di “San Siro” col Milan. Obiettivo: ritorno ai tre punti.

Di un’altra categoria – Tutto facile fin dalle prime battute per il Napoli di Benitez. Lo Slovan, fanalino di coda del girone a quota zero punti, impiega appena 6 minuti per inchinarsi di fronte alla perla di Mertens, autore del goal del vantaggio con un destro a giro dalla lunetta che non lascia scampo a Perniš. La realizzazione del belga fa da apripista al primo tempo campano, impreziosito, dieci minuti più tardi, dal raddoppio firmato Hamisk. Il capitano degli azzurri, replicando quanto accaduto all’andata, non perdona la sua ex compagine al 17’, pescando l’angolino con un destro al volo su cross di Ghoulam. Mitigata dal doppio vantaggio, l’intensità della pressione partenopea si attenua, traducendosi in un possesso palla a ritmi blandi che accompagna il lento scorrere del cronometro. Ci provano ancora da fuori Mertens e Inler, il primo con meno precisione rispetto al goal, il secondo mancando l’obiettivo di pochi centimetri.

Aspettando il triplice fischio – Alla ripresa del secondo tempo, il match si trasforma definitivamente in una palestra per i padroni di casa. Ne è esempio, dopo pochi minuti, Mertens, che dribbla l’avversario con un tunnel dentro l’area, per poi tentare un sorprendente quanto pretenzioso pallonetto. Il trend dell’incontro, decisamente vicino a quello di un confronto amichevole, si sviluppa pigramente lungo tutta la seconda frazione, palesando il coinvolgimento minimo di ambo le squadre. Non manca la voglia, tuttavia, a Duvan Zapata, che, suggellando un’azione caparbia partita sulla fascia, realizza il 3-0 con un potente colpo di testa al 75’. È l’ultimo episodio a farsi registrare sul tabellino. Napoli-Slovan Bratislava finisce 3-0.

Meritano 2duerighe
Mertens: gli basta un’ora per ostentare le proprie doti tecniche ai danni della sprovveduta formazione slovacca. Un goal dei suoi, da incorniciare, e sessanta minuti di grandi giocate. Irrinunciabile.
Slovan Bratislava: impossibile e ingiusto scegliere un singolo. L’undici di Chovanec non è soltanto impreparato, ma anche privo di mordente. Imbarazzante.

Tabellino
NAPOLI-SLOVAN BRATISLAVA 3-0

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Koulibaly, Britos, Ghoulam; Inler, Gargano; Mertens (63’ De Guzman), Hamsik, Callejon (74’ Mesto); Duvan Zapata (78’ Higuain). Allenatore: Rafael Benitez.
Slovan Bratislava (4-2-3-1): Perniš; Čikoš, Hudák, Gorosito, Jablonský; Kolčák, Štefánik; Žofčák (62’ Duris), Milinković (72’ Halenar), Kubík (87’ Gasparovic); Peltier. Allenatore: Jozef Chovanec.
Arbitro: Stavrev (Macedonia).
Marcatori: 6’ Mertens (N), 17’ Hamsik (N), 75’ Zapata (N).
Cartellini: 44’ Hudak (S).

Mattia Coletti
11 dicembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook