Attento PSG, il Montpellier sta arrivando. Che caduta del Lione, fuochi d’artificio a Lilla

Continua il sogno della matricola Montpellier che serve un tris e, segue a un solo punto la squadra di Ancelotti, in bianco nella Costa Azzurra. Rocambolesca vittoria del Bordeaux rimontato per tre volte

Nella ventitreesima giornata della Ligue 1 , sorride il Montpellier che batte 3-0 l’Ajaccio e, riduce il distacco dal PSG, solito mattatore il bomber Giroud. La squadra di Ancelotti non riesce ad andare oltre lo 0-0 con la penultima in classifica Nizza e, ora è atteso settimana prossima nel big match contro gli arancioblu al Parco dei Principi.

Gol e spettacolo a Lilla dove i girondini fanno sua una gara pazzesca finita con un incredibile 4-5, decisivo il grande ex della partita Obraniak. Tonfo del Lione che cade in casa contro il Caen e perde ulteriore terreno dalle big. Rinviata per il maltempo la sfida tra Evian TG e il Marsiglia.

 Allo stadio la Mosson , la sorpresa Montpellier, miracolo del calcio francese con il suo budget  irrisorio, ospita un lanciatissimo Ajaccio che, ha collezionato tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro gare e, spera di continuare il trend positivo anche in casa della seconda in classifica. I padroni di casa non vogliono lasciare punti per strada e, puntano a centrare la quarta vittoria di fila per continuare il sogno scudetto. Di fronte due club quasi mai protagonisti nella Ligue 1. L’unica a ritagliarsi qualche soddisfazione è stata la squadra di Girard capace negli anni ’90 di vincere coppa di Francia e coppa di lega francese. Per gli orsi solo qualche successo nella seconda divisione francese. Quest’ anno le due squadre si affrontano per due obiettivi diversi: la salvezza per i biancorossi e lo scudetto per gli arancioblu. Nei 2 precedenti nella massima serie una vittoria a testa per le due compagini. Nel novembre del 2003 i padroni di casa vinsero 3-1, nel gennaio dello stesso anno gli orsi si imposero 1-0.

 

René Girard deve fare a meno dell’ infortunato Dernis e, lancia dal primo minuto Utaka in coppia con Cabella e Giroud. Dall ‘inizio anche il marocchino Belhanda. Olivier Pantaloni si affida in avanti a Eduardo supportato da Andre,Lasne e Tiberi. Nella prima frazione di gioco i padroni di casa mettono alle corde l’ Ajaccio che, si salva sulle conclusioni di Utaka,Giroud ed Estrada ma trova di fronte un Ochoa in stato di grazia. Ad inizio ripresa la squadra della Linguadoca-Rossiglione sblocca la partita con un rigore di Belhanda al 53′. L’Ajaccio va in bambola,accusa il colpo e subisce il raddoppio con un tiro angolato di Cabella al 64′. Tre minuti dopo il bomber Giroud, raccoglie palla al limite e fa partire un tiro potente che, si insacca in rete. Non succede più nulla, il Montpellier porta a -1 il distacco dal PSG e ora può guardare in grande. I biancorossi restano al quartultimo posto.

 Trasferta insidiosa del PSG che, va a fare visita a un Nizza in caduta libera che, non vince dal 17 dicembre. I parigini con la nuova gestione Ancelotti hanno ottenuto tre vittorie consecutive e puntano a continuare il loro andamento positivo. E’ anche la storia tra due vecchie glorie del passato. Da una parta il Nizza vera promessa del calcio nazionale negli anni ’50 dove vinse quattro campionati e due coppe di Francia,l’ultimo successo risale al 1997, la terza coppa nazionale. Per i rossoblu la grande ascesa è arrivata a partire dagli anni ’80 con la vittoria della prima coppa e del primo scudetto. I maggiori successi sono arrivati negli anni ’90 con la conquista anche di coppa di lega e supercoppa di Francia. Sono 52 anni che i rossoneri non vincono lo scudetto, 18 anni per i parigini.

 I precedenti sono favorevoli al Nizza che, si è imposto 7 volte contro le 6 del PSG,7 i pareggi. L’ anno scorso fini 0-3 con reti di Giuly,Hoarau e Armand. Nel 2010 un gol di Remy piegò i rossoblu. Nel 2004 fini 1-1 con reti di Pancrate e Traoré. Debutto dal primo minuto per Alex, ex Chelsea, confermato a centrocampo Thiago Motta, ancora assente Pastore. Resta in panchina Lugano mentre confermato in attacco il trio composto da Menez,Gameiro e Nene. Rene Marsiglia gioca molto chiuso con l’unica punta Mouloungui, appena tornato dalla coppa d’ Africa.

Ottimo avvio del PSG che manca di precisione. Al 13′ Mouloungui scappa in ripartenza, appoggia a Mounier che tira di prima intenzione, il portiere Sirigu salva con una smanacciata provvidenziale. Il PSG fatica a prendere il controllo del gioco, il Nizza ha più ritmo e prova a pungere ma non trova spazi. Al 39′ Thiago Motta illumina e serve Nene in area, colpo di tacco per Gameiro che, calcia a lato. Al 41′ contropiede Nizza, Digard sfonda centralmente e scarica per Mouloungui, para Sirigu. Ripresa in sofferenza per gli ospiti che subiscono il ritmo alto degli aquilotti. Al 56′ gran diagonale di Gameiro, Ospina riesce a deviare. Al 64′ cross di Nene, Hoarau va di testa e Ospina ci arriva bene. Al 73′ Abriel prende palla, rientra e spara il sinistro, Sirigu para senza problemi. Al 75′ botta di Hoarau dal limite,palla fuori di poco. Due minuti dopo cross di Maxwell, ancora Hoarau schiaccia di testa, palla a lato. All’ 81′ botta di Jallet su punizione, la palla rimbalza in modo strano ed esce di poco. All’ 88′ Nene si divora il gol. Il brasiliano davanti al portiere, sbaglia lo stop e l’azione sfuma. Al 92′ ultima chance. Bella punizione di Nene, Ospina si distende e para. Finisce 0-0, un punto che tiene a bada il Montpellier, il quale si avvicina pericolosamente. Il Nizza resta penultimo con l’ Auxerre.

 In attesa della sfida di martedi sera in Champions League con l’Apoel, il Lione ospita in casa un Caen in crisi che, viene da tre sconfitte nelle ultime quattro gare.Nell’ultima gara in trasferta i les gones hanno pareggiato sul difficile campo del Marsiglia e , puntano a fare bene per non perdere il treno delle prime. Sulla carta e, vista la storia tra i due club, non ci sarebbe partita. Il Lione pluricampione nel nuovo secolo,capace di vincere sette campionati di fila affronta un Caen quasi sempre il lotta per la permanenza nella massima serie.  I precedenti sono schiaccianti. 7 vittorie e 3 pareggi per il Lione e nessuna sconfitta. L’ anno scorso fini 0-0. Nel 2009 i padroni di casa vinsero con le reti di Juninho, Govou e Benzema, inutile il momentaneo 2-1 di Yatabaré. Remi Garde tiene ancora in panchina Gourcuff, conferma Gomis e Lopez in attacco. Dumas si presenta con un classico 4-4-2. Come tandem d’attacco giocano Frau e Niang. Partenza in salita degli ospiti che, vanno sotto con il gol di Hamouma al 13′, il Lione non si rialza e rischia il bis con Frau al 25′, bel intervento di Lloris. Solo al 36′ si fanno vedere i rossoblu con Gomis, colpo di testa respinto da Thebaux. Nella ripresa il Lione spinge sull’ accelleratore ma non riesce a metterla dentro con Gomis e Bastos. Hamouma mette in apprensione la retroguardia del Lione al 64′ ,sventa il pericolo Lloris. Al 73′ arriva incredibilmente il raddoppio di Nabab, ben assistito in area da Nivet. Due minuti dopo Lopez sfiora l’ 1-2 con un bel tiro ,poi, accorcia le distanze su rigore all’ 86′. Troppo tardi per evitare la prima sconfitta in casa contro il Caen e, la vetta si allontana. Respirano gli ospiti, che staccano di tre punti la terzultima.

 Grande fascino allo stadio Metropole dove si affrontano due leggende del calcio francese: Lilla e Bordeaux. Di fronte i campioni in carica capaci di conquistare il double, campionato e coppa di Francia, dopo 56 lunghi anni. Dall’ altra parte i girondini campioni di Francia nel 2009 ed abili a conseguire la doppietta nel lontano 1987. In totale 9 campionati di Francia e 9 coppe di Francia. Palmares più ampio per gli ospiti che, hanno conquistato anche coppa di lega e supercoppa nazionale.Nessun successo in campo internazionale.

 I precedenti sono leggermente favorevoli ai padroni di casa vittoriosi in 9 occasioni contro le 7 del Bordeaux, 11 i pareggi. L’anno scorso fini 1-1. Al gol di Sow rispose Savic. Nel 2009 2-0 Lilla con le reti di Cabaye e Balmont. Solo nel 2002 vinsero gli ospiti con reti di Pauleta,Smertin ed Eduardo Costa. Per il Lilla una sola vittoria nelle ultime quattro gare,meglio il Bordeaux con due vittorie. Dopo l’eliminazione dalla Champions League con l’ultimo posto nel girone, gli alani cercano di recuperare il terreno dal PSG per difendere il titolo. Rudi Garcia conferma in attacco il nuovo acquisto Roux. Francis Gillot lascia a riposo Jussie e, rilancia in attacco Gouffran e soprattutto il grande ex Obraniak.

 Partenza micidiale degli ospiti che, trovano il vantaggio con un perfetto tiro di Maurice-Belay al 2′. Il Lilla non sta a guardare e riacciuffa il pari con una bomba di Rozehnal all’ 8′. Partita molto bella con cambiamenti di gioco veloci. Al 17′ i blu raddoppiano. Gouffron serve sul filo del fuorigioco Obraniak che non sbaglia. Il Lilla si fa subito sotto con Pedretti e Roux, grande risposta di Carrasso. Obraniak mette sempre in apprensione i suoi vecchi compagni. Nella ripresa stessa partenza a razzo del Bordeaux che, serve il tris al 50′ con un bel tiro dell’ incontenibile Maurice-Belay. Il Lilla accusa il colpo e va ancora sotto. Al 60′ bel cross di Plasil e zampata vincente di Gouffran. La partita sembra chiusa ma Hazard con un bel diagonale accorcia le distanze. I padroni di casa ci credono e sfiorano il 3-4 con Bruno che per due volte non riesce a metterla dentro, prima il suo colpo di testa finisce a lato,poi, un bel intervento di Carrasso evita il gol. Al 75′ Mavuba serve una bella palla a Debuchy che controlla e fulmina per la terza volta l’estremo difensore ospite. Nel finale incandescente Roux trova il clamoroso 4-4 sul più facile dei tapin con un bel assist di Pedretti. Al 90′ arriva la beffa per il Lilla. Sertic trova libero in mezzo all’area Obraniak che, pietrifica Landreau e realizza il clamoroso 4-5.  Il Bordeaux sale al nono posto, il Lille scende a -11 dalla capolista ma, con una partita in meno e, si deve guardare alle spalle dalle inseguitrici.

 Continua il momento nero dell’ Auxerre che non vince dall’ 11 dicembre e lascia per strada due punti contro il Lorient, nonostante la superiorità numerica. Vantaggio iniziale di Boly al 18′ ma nel primo tempo di recupero del secondo tempo arriva il guizzo vincente di Emeghara che, fissa il risultato sull’ 1-1. Torna a vincere il Rennes che piega l’ultima in classifica, il Sochaux, con un gol di Erding al 16′. Quarta sconfitta su cinque gare per il fanalino di coda. Il Rennes raggiunge la zona Champions in compagnia di Lione e Lilla. Non basta il ritorno del tunisino Jemaa al Brest per battere il Digione. In Bretagna finisce 1-1. Vantaggio ospite nella ripresa al 76′ con Kakuta,pareggio del Brest al 92′ con Gentiletti. Un punto che non serve a nessuno.  Seconda vittoria di fila per il Valenciennes che batte 1-0 il Nancy con un gol di Samassa al 91′. L’eliminazione del suo Gabon in coppa d’ Africa non toglie il sorriso ad Aubameyang che,torna a giocare in Ligue 1 ed è subito decisivo. Un suo gol al 71′ della ripresa regala i tre punti al St. Etienne che, torna in corsa per l’ Europa league. Nulla da fare per il Tolosa che subisce la seconda sconfitta di fila, nonostante il ritorno del tunisino Abdennour al centro della difesa.

         Squadra                 PG     V      N       P     Reti        Punti

1.

PSG

23

15

5

3

38:19

50

2.

Montpellier

23

15

4

4

45:23

49

3.

Lilla

22

10

9

3

40:26

39

4.

Lione

23

12

3

8

37:27

39

5.

Rennes

23

11

6

6

33:25

39

6.

Marsiglia

22

10

8

4

33:21

38

7.

St. Etienne

22

10

6

6

25:24

36

8.

Tolosa

23

9

7

7

22:23

34

9.

Bordeaux

23

8

9

6

29:27

33

10.

Lorient

22

6

9

7

22:25

27

11.

Valenciennes

23

7

5

11

23:26

26

12.

Brest

23

4

13

6

21:22

25

13.

Evian TG

22

5

8

9

29:35

23

14.

Caen

22

6

5

11

26:33

23

15.

Nancy

23

5

8

10

22:30

23

16.

Digione

23

6

5

12

26:42

23

17.

Ajaccio

23

5

7

11

25:42

22

18.

Nizza

23

4

8

11

22:26

20

19.

Auxerre

22

4

8

10

29:36

20

20.

Sochaux

22

4

7

11

22:37

19

Valenciennes – Nancy  1-0

Montpellier – Ajaccio 3-0

Lione – Caen  1-2

Evian TG  – Marsiglia  rinviata

Auxerre – Lorient  1-1

Rennes – Sochaux  1-0

Brest – Digione   1-1

Lilla – Bordeaux  4-5

Nizza – PSG   0-0

Tolosa – St. Etienne  0-1

Armin Sefiu    

14 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook