Colpo del faraone alle zebrette…che rimonta

Un uno-due micidiale in otto minuti, firmato Maxi Lopez-El Shaarawy, risponde al gol iniziale siglato Di Natale. Udinese bella ma sciupona. Infortunio a Isla.

Quarta (dopo Lazio-Cesena) contro seconda: al Friuli, nell’anticipo delle 18 della 23/a giornata, va in scena il big match di un weekend spezzettato e martoriato dal maltempo. L’Udinese ospita un Milan che vive una mini-crisi di risultati: due ko nelle ultime tre gare per i rossoneri, considerando anche il rovescio in Coppa Italia contro la Juventus, rivale per la vetta in campionato.

Nel remake della sfida che, qualche mese fa gli garantì l’accesso ai preliminari di Champions League, Francesco Guidolin decide di rinforzare il centrocampo: né Floro Flores né Torje a sostegno di Di Natale, bensì Abdi. Il 3-5-1-1 dei padroni di casa vede una cerniera di mediana composta da Isla,Pazienza e Fernandes, con Asamoah e Pinzi ancora indisponibili. Massimiliano Allegri deve fronteggiare l’emergenza: out Abbiati, Nesta, Yepes, Boateng, Aquilani, Gattuso, Flamini, Merkel, Van Bommel, Pato,Cassano e Zlatan Ibrahimovic. In avanti fiducia al “Faraone” El Shaarawy, affiancato da Robinho. Alle spalle del tandem offensivo agirà Seedorf: Ambrosini sarà il vertice basso di un rombo completato da Emanuelson e Nocerino sui due fianchi.

Primo tempo di marca friuliana. L’Udinese aggredisce l’avversario, non permette al Milan di fare gioco sulla metà campo e,  riparte in grande velocità,mettendo in difficoltà difensori come Thiago Silva e Mexes. Nella prima parte di gara il Milan tiene bene il campo e, riesce a fermare le avanzate bianconere. Il primo tiro verso la porta arriva al 15′: sassata di Isla dai 20 metri, pallone alto. Al 19′ i padroni di casa trovano il vantaggio. Azione splendida dei friulani. Isla per Fernandes che, innesca Di Natale in verticale: mancino immediato dell’attaccante, decisiva una deviazione di Thiago Silva che, rende il pallone imparabile per Amelia. Il Milan non c’è, la squadra di Allegri non riesce a uscire dalla propria metà campo e, subisce il pressing dell’ Udinese. Al 24′ Udinese fulminante. Pazienza aggredisce Seedorf e gli porta via palla, innescato Isla: scatto secco su Mexes, diagonale mancino non irresistibile bloccato a terra da Amelia. Al 31′ ennesimo pallone perso da Seedorf, l’Udinese va subito in verticale per Di Natale: bruciato Mexes, conclusione ambiziosa dell’attaccante ben bloccata da Amelia. I friuliani insistono con il pressing, questa volta ne fa le conseguenze Ambrosini che, perde palla in area bianconera. I padroni di casa ripartono di slancio. Armero palla al piede guida la transizione, tocco per Isla che cambia fronte su Di Natale: destro troppo schiacciato, a lato. Nel finale di tempo si fa vedere finalmente il Milan. Al 36′ prima conclusione di Seedorf dai 25 metri, Handanovic blocca senza patemi. Al 43′ sussulto di Mexes: destro dalla distanza, Handanovic para in due tempi. La palla più ghiotta capita al minuto 47 a El Shaarawy. Su un cross dalla sinistra, il vento frena il pallone ingannando Danilo: il numero 92 lo brucia ma la sua conclusione termina alle stelle. Si va al riposo con l’Udinese meritatamente avanti 1-0.

Nel secondo tempo il Milan parte con il piede giusto ma,concede nuovamente terreno agli ospiti. Al 48′ buona ripartenza rossonera, gioco allargato su Emanuelson che, calcia a rete col mancino: Domizzi devia, pallone sulla testa di Nocerino che, dal dischetto del rigore, manda a lato.  Episodio chiave avviene al minuto 58. Ambrosini viene atterrato da Isla ma ,cade sulla gamba del cileno che, sembra avere la peggio. Il numero 3 esce in barella (l’infortunio sembra grave). Alla fine Guidolin è costretto a sostituirlo con Pasquale. L’Udinese perde cosi una pedina importante che, ha creato molti grattacapi ai rossoneri. Il nuovo entrato si piazza a sinistra, con Armero seconda punta tattica. Il cambio non scombussola i piani all’ Udinese che, continua a premere il Milan nella propria metà campo. Al 62′ subito grande chance per il colombiano Armero nella nuova veste: Di Natale-Pazienza-Di Natale, tocco di mezzo esterno per l’ex Palmeiras che, si fa rimontare da Mesbah quando era solo davanti ad Amelia. Due minuti dopo il numero 27 spara col mancino dai 20 metri, ribatte Mexes, sfera a Di Natale, il destro esce a lato.

Allegri decide di giocarsi al 66′ la carta Maxi Lopez al posto di Nocerino. Il Milan si schiera cosi con un 4-3-3 spregiudicato e lascia spazio ai padroni di casa. Al 75′ l’inarrestabile Armero irride Ambrosini, va via sulla destra e premia l’inserimento di Domizzi, tocco di punta col sinistro su cui Amelia si supera. Sul seguente corner Thiago Silva dà fastidio al suo portiere che, non allontana bene in uscita: gran destro di Danilo, immediato riscatto dell’estremo rossonero che, con un colpo di reni alza sopra la traversa. Al 77′, al primo affondo, il Milan pareggia. Udinese troppo sbilanciata sull’angolo, contropiede che si conclude con un destro di El Shaarawy da sinistra: niente di irresistibile all’apparenza ma, Handanovic sbaglia tutto, regalando a Maxi Lopez il suo primo gol in rossonero. La rete scuote il Milan mentre l’Udinese va in tilt. Benatia si fa soffiare palla da El Shaarawy che, tenta il dribbling su Handanovic,il pallone resta lì e l’italo-egiziano calcia assieme a Robinho, la sfera svirgolata viene salvata sulla linea da Danilo.

Udinese ora schiacciatissima, attacca il Milan. All’ 85′ Emanuelson profondo per Maxi Lopez, cross da destra per il taglio di El Shaarawy: Benatia piantato sulle gambe, destro immediato che, Handanovic non respinge. La reazione dei padroni di casa è un destro di Abdi, risponde Amelia. Finisce 2-1 per il Milan, un risultato che, ha un peso specifico immenso per i rossoneri, i quali tornano momentaneamente in vetta alla classifica, aspettando i recuperi della Juve. L’Udinese, scavalcata dalla Lazio resta ancora agganciata alle prime ma pian piano il sogno scudetto si sta allontanando.

Maxi Lopez, probabilmente uno dei migliori in campo nella sfida con l’Udinese, è molto soddisfatto: “Sono felicissimo.Segnare con questa maglia è un sogno per me. Sono contento soprattutto per il gruppo, perché era da un po’ che non portavamo a casa una vittoria. Farlo in trasferta contro questa squadra è molto importante”.

L’attaccante argentino, autore anche di un gol e un assist, prosegue: “A fine primo tempo l’allenatore ci ha detto che non si potevano lasciare punti . Dovevamo reagire e l’abbiamo fatto. Un segnale alla Juventus? Si. Siamo primi e vogliamo restarci”.

Ha sofferto insieme alla sua squadra, ma alla fine, pur non meritando, è riuscito a portare a casa il bottino pieno che, rilancia il suo Milan nella corsa allo scudetto. Grande soddisfazione nelle parole di Allegri: “Siamo partiti bene e siamo stati puniti alla prima occasione. Nel secondo tempo siamo andati meglio. Il nostro spirito ha fatto la differenza”.

Fernandes, autore di una bella prova contro i rossoneri, non si dà pace: “La nostra prestazione è stata all’altezza, l’unica cosa insufficiente è stato il risultato. Abbiamo giocato con grande intensità, abbiamo pagato quindici minuti di calo”.

Il centrocampista analizza i motivi del calo: “Le uscite di Di Natale e Isla ci hanno penalizzato. Ma dobbiamo rendere grande merito al Milan che si è rialzato. Sono dei campioni, perché hanno vinto pur non giocando bene. Forse è mancata un po’ di cattiveria  sia in attacco che in difesa. Spero che l’infortunio di Isla non sia grave”.

Grande delusione per Guidolin che, assaporava la vittoria a quindici minuti dalla fine: “Sono rammaricato per Isla, perché lo abbiamo perso per un po’ di tempo. Meritavamo di vincere ed abbiamo perso. Dobbiamo maturare”. Poi una parola sulla coppa d’Africa: “ A noi ci ha rovinato”.

Stadio : Friuli (Udine)

23 a giornata serie A

Udinese – Milan 1-2
Marcatori: 19′ Di Natale (U), 77′ Maxi Lopez (M), 85′ El Shaarawy (M)
Ammoniti: Ambrosini (M),Thiago Silva (M), Armero (U), Abdi (U)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Udinese (3-5-1-1)                                                   Milan (4-3-1-2)

Handanovic                                                            Amelia
Domizzi                                                                 Mesbah
Danilo                                                                    Thiago Silva
Benatia                                                                   Mexes
Basta                                                                      Abate
Isla                                                                         Nocerino
Pazienza                                                                 Ambrosini
Fernandes                                                               Emanuelson
Armero                                                                Seedorf
Abdi                                                                     Robinho
Di Natale                                                              El Shaarawy

All. Guidolin                                                        All. Allegri

Arbitro: Bergonzi

Panchina
Udinese : Coda, Ferronetti,Floro Flores, Padelli, Pasquale, Pereyra, Torje
Milan: Antonini, Bonera, Cristante, F. Inzaghi, Maxi Lopez, Roma, Zambrotta

Armin Sefiu  

12 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook