Sampdoria batte Fiorentina 3 a 1 e vola a 19 punti

Sampdoria batte Fiorentina 3 a 1 e vola a 19 punti

fioresampLo Stadio Luigi Ferraris di Genova teatro di Sampdoria-Fiorentina, sfida valevole per la decima giornata di Serie A. I padroni di casa – nopnostante l’emergenza in difesa – sono a caccia di riscatto dopo la sconfitta per 1-0 incassata a Milano contro l’Inter; la Fiorentina, invece, vuole confermare il 3-0 inflitto all’Udinese. Mihajlovic schiera i suoi con il 3-5-2 e lancia il tandem offensivo formato da Okaka e Bergessio. Montella risponde con un 4-3-3 dove Ilicic agirà alle spalle dell’unica punta, Babacar.

Bella partita, Sampdoria avanti La partita comincia sotto i migliori auspici per la Fiorentina, subito pimpante in avanti: Alonso penetra sulla sinistra e scarica un gran mancino che Palombo ribatte in angolo. Di nuovo  viola pericolosi al 5′ minuto con Babacar che va alla conclusione da fuori area, la palla però passa oltre il palo e si perde sul fondo. I toscani sembrano più dinamici ma al 14′ è la formazione di casa a cercare il gol: Rizzo porta palla, entra in area di rigore e calcia di interno destro, il pallone però è impreciso e l’azione sfuma. Passano 10 minuti e i blucerchiati si rifanno sotto: Aquilani tocca Soriano in area e per Giacomelli è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Palombo che non sbaglia e spiazza Neto. E’ 1 a 0 a Marassi. Al 31′ la Fiorentina ha l’occasione giusta per riscattarsi: Palombo – autore del vantaggio doriano – commette fallo nella propria area di rigore, per l’arbitro è di nuovo penalty. Per la viola si presenta alla battuta Gonzalo Rodriguez ma il portiere della Sampdoria para il tiro del giocatore di Montella. La squadra ospite non molla e cerca il pari prima della chiusura di tempo: al 41′, sul calcio d’angolo di Borja Valero, Alonso prende il tempo a tutti ma non inquadra il bersaglio. Proprio nel momento migliore, per la viola arriva la seconda doccia fredda: al 43′ azione strepitosa di Rizzo; stop, finta di calciare e poi tiro di mancino che non lascia scampo a Neto. La partita è comunque viva e giocata a viso aperto, dopo due minuti dal raddoppio della Sampdoria, è la Fiorentina a riaprire la gara: Borja Valero batte un bel corner e Savic, con un’incornata perfetta, batte Romero. 2 a 1.

La viola ci prova ma arriva il tracollo Il secondo tempo si caratterizza subito per i ritmi di gioco piuttosto elevati, al 47′ azione avvolgente dei padroni di casa, con Okaka che controlla con la coscia ed esplode un destro da fuori area: Neto c’è e blocca. Al 52′ la Fiorentina si fa vedere in avanti: Borja Valero entra in area di rigore doriana, tocca dietro per Ilicic – che salta Obiang con un bel dribbling – ma viene chiuso in corner da Cacciatore. Al 62′ Aquilani va alla conclusione di destro, ma viene murato. Borja Valero recupera palla e scocca un mancino che attraversa tutta l’area senza essere ribadito in rete da Babacar. Brividi per la Samp che allontana comunque la sfera. Al 77′ i padroni di casa sono bravi a sfruttare l’errore della viola e a portarsi sul 3 a 1: Pizarro perde palla a centrocampo e innesca Eder che fa tutto benissimo e davanti a Neto non sbaglia. Stavolta la Fiorentina sembra aver accusato il colpo: nonostante il tentativo di rimonta sono tante le azioni costruite ma non finalizzate, manca la freddezza a la precisione sotto porta. Gli uomini di Montella cercano la rete per riaprire la gara ma ormai la situazione è compromessa e, al 93′, la partita si chiude con il successo della Sampdoria che vola a 19 punti in campionato.

Meritano 2duerighe:

Mesbah: Il difensore doriano oggi è il migliore dei suoi, non ha segnato ma ha agito con costanza sul cursore Cuadrado annichilendolo, cosa che riesce davvero difficile a molti ultimamente.

Cuardado: Da lui è lecito aspettarsi sempre una prestazione almeno sufficiente. Impreciso e nervoso è riuscito anche a rimediare un giallo.

TABELLINO

SAMPDORIA – FIORENTINA 3 -1

SAMPDORIA (3-5-2): Romero; Cacciatore, Palombo, Regini; De Silvestri, Rizzo (25′ st Krsticic), Obiang, Soriano (47′ st Duncan), Mesbah; Okaka, Bergessio (20′ st Eder). A disp: Da Costa, Massolo, Duncan, Fedato, Gabbiadini, Sansone, Marchionni, Fornasier, Wszolek. All: Sinisa Mihajlovic.
FIORENTINA (4-3-3): Neto; Richards (20′ st Pasqual), G. Rodríguez, Savic, Alonso; Badeli (13′ st Pizarro), Borja Valero; Ilicic, Babacar, Cuadrado (24′ st M. Gómez). A disp: Tatarusanu, Vargas, Marin, Mati Fernández, Kurtic, Joaquin, Basanta, Pasqual, Bernardeschi,  Tomovic. All: Vincenzo Montella

MARCATORI: Palombo (rig), Rizzo, Savic, Eder

ARBITRO: Piero Giacomelli

AMMONITI: Richards, Cuadrado, Rodriguez, Babacar (F); Palombo, Obiang, Rizzo (S)

Davide Lazzini
2 novembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook