Dominio Real e Barca nel segno del 4. Crisi Valencia

La prima giornata di recupero (non giocata per lo sciopero dei calciatori), sorride a Real e Barca vittoriose per 4-1. Duello a distanza che prosegue con C.Ronaldo (doppietta) che riponde a Messi (tripletta).

Torna a vincere il Barcellona, dopo il passo falso nel derby con l’Espanyol che, ha permesso al Real Madrid di allungare in classifica. I blaugrana si impongono nel difficile campo del Malaga che, non perdeva in casa dal 22 ottobre (0-4 contro il Real Madrid)e lo fa nel migliore dei modi servendo il poker, frutto della tripletta del solito Messi. E’ la prima vittoria nella liga per la squadra di Guardiola che resta a -5 dal Real.

Per il Malaga, tre sconfitte e due pareggi nelle ultime cinque partite, la partita contro una grande si prospetta insidiosa. I blaugrana ,infatti, vengono dalla fantastica prestazione in Coppa del Re dove hanno sconfitto in trasferta il Real Madrid. Le ‘acciughe’ ,dopo i tanti soldi spesi in estate dallo sceicco Al Thani, stanno rendendo al di sotto delle aspettative, frutto di sette sconfitte che hanno relegato gli andalusi al settimo posto,fuori da ogni competizione europea.

Pellegrini, ex allenatore di Villarreal e Real Madrid,si affida a Van Nistelrooy e alle giocate di Cazorla per tornare a fare un risultato positivo contro una grande che li rilancerebbe in campionato. Guardiola, invece, lascia in panchina Xavi e Fabregas dando fiducia ad Adriano e Thiago Alcantara, per non perdere terreno dai merengues. Turno di riposo per alcuni big che, vengono risparmiati in vista del ritorno contro il Real al Nou Camp,valido per i quarti di coppa del re.

I precedenti sono tutti favorevoli al Barcellona, vittorioso l’anno scorso alla Rosaleda per 3-1. Ultima vittoria del Malaga in casa risale al 2003 quando , l’allora squadra di Juande Ramos, si impose con un rotondo 5-1 grazie soprattutto alla tripletta di Salva. L’ultimo pareggio fini 0-0 nella stagione 2005/06.

Parte subito bene il Barca che impone il suo gioco,il Malaga non sta a guardare e si propone in avanti. Barca intraprendente che non trova il varco giusto per impensierire Caballero. La prima conclusione nello specchio della porta arriva al 15′ con Isco che, fa partire una parabola a giro che chiama all’intervento Valdes. Sugli sviluppi del corner ci prova prima Isco di testa, poi da due passi Demichelis trova un grande Valdes che dice di no. Gli ospiti finalmente arrivano al tiro al 24′,conclusione debole di Adriano facile preda di Caballero. Al 28′ Thiago Alcantara tenta il tiro, la palla si abbassa e Caballero mette in corner. Al 30′ occasione per Messi. Abidal ben servito in area,protegge la palla dall’uscita del portiere e serve la ‘pulce’ il cui tiro è ribattuto sulla linea. L’assedio del Barcellona porta al vantaggio di Messi al 33′.  Adriano crossa verso il centro a scovare l’argentino che sale in cielo,impatta di testa e trova l’angolino  per battere Caballero.Finisce il primo tempo sull’ 1-0.

Ad inizio ripresa, grande partenza degli ospiti che chiudono il match. Al 48′ Thiago Alcantara conclude centralmente,poi, una respinta corta di Caballero che risponde a due tentativi di tiro a rete,non può nulla di fronte al tap-in  vincente di Sanchez. Due minuti dopo Messi riceve palla, s’insinua nella difesa del Malaga con facilità,finta e poi trova la conclusione piazzata. E’ doppietta per la ‘pulce’ che sale a quota 21 reti. Il Malga accusa il colpo e rischia di sprofondare ancora. Al 74′ Messi prova il tiro di effetto,palla sull’incrocio dei pali e poi finisce fuori. La traversa salva i padroni di casa. Non c’è tempo per respirare che i blaugrana siglano il poker. Messi parte a centrocampo,supera gli avversari con facilità,raggiunge Caballero e lo batte con un preciso tiro angolato. E’ tripletta personale per il neo pallone d’oro. All’ 85′ arriva il gol della bandiera del Malaga. Rete del venezuelano Rondon che ribadisce in rete la respinta di Valdes da posizione defilata. L’attaccante del Malaga rischia il raddoppio due minuti dopo, il suo colpo di testa finisce fuori. Al 91′ Messi prova il piattone centrale neutralizzato da Caballero. Ultima chance è per Fernandez che di testa manda fuori di poco. Il Malaga scende in decima posizione, il Barcellona mantiene il distacco dal Real.

Il match più “storico” di giornata si gioca al Bernabeu tra Real Madrid e Atletico Bilbao con 61 precedenti .Ben 43 le vittorie per le Merengues, 11 i pareggi e solo 7 i successi per il Bilbao. Si affrontano due club che non sono mai retrocessi e hanno partecipato a tutte le edizioni della Primera Division.  
Il Bilbao è noto per la sua politica di tesseramento di soli giocatori che siano Baschi o di origini basche oppure che abbiano imparato a giocare a calcio nei circuiti giovanili baschi. Sono 27 anni che non vince un titolo e ha vissuto diversi momenti difficili. Gli anni ’30 sono stati i più gloriosi con quattro campionati nazionali e quattro titoli di coppa del re. E’ nella stagione ’83 che i baschi si giocano il titolo con i rivali del Real e hanno la meglio nell’ultima giornata. Il bis arriva nella stagione successiva,poi, solo cocenti delusioni. Il Real dal canto suo è la più vincente nella storia sia del calcio spagnolo che delle competizione europee ed è uno dei club con più tifosi. Il club può vantare uno dei palmarès più prestigiosi. Negli ultimi anni ha dovuto assistere al dominio dei rivali classici del Barcellona.

I baschi non vincono al Bernabeu da sei anni,l’ultima vittoria risale alla stagione 2004/05, allora fini 0-2. Da quel momento in poi è stato dominio Real che, si è sempre imposto anche in maniera larga. Pesante la sconfitta nel 2010 in cui il Real annientò i rivali storici con un sonoro 5-1.  Il Real cerca la quarta vittoria consecutiva per tenere alla larga il Barca, il Bilbao vuole continuare a fare bene dopo la convincente vittoria con il Levante.Mourinho lascia in panchina Higuain e affida l’attacco a Benzema. Si rivede a centrocampo Kaka. Resta in punizione per due settimane il portoghese Pepe, reo di aver pestato la mano volontariamente a Leo Messi durante il “clasico” di Coppa del Re. Marcelo Bielsa si affida a Llorente per scardinare la difesa dei blancos.

Partenza convincente del Real. Al 9′ Ozil serve un pallone al limte a Granero che spara a rete,Iraizoz blocca a terra. Al primo affondo degli ospiti arriva il gol. Contropiede magistrale dei baschi,cross in mezzo per Llorente che di testa supera Casillas. La riposta del Real è un tiro sul fondo di Kaka. Al 19′ Muniain prova il tiro dal limite, Casillas respinge. Un Real confuso trova il pari al 25′. Marcelo chiude uno splendido triangolo in area con Benzema e fredda Iraizoz in uscita. Gli ospiti continuano a fare la loro partita e rischiano di far male ancora. Al 35′ conclusione di De Marcos che sfiora il palo. Al 37′ ci prova Benzema, Iraizoz fa buona guardia. Al 40 ‘ Llorente si divora il vantaggio. Ottima palla di Herrera per il bomber dell’ Athletic, conclusione sbilenca che finisce al largo.Finisce 1-1 il primo tempo.

Ripresa subito con il botto. Al 46′ Iturraspe trattiene Kaka in area, l’arbitro indica il rigore. Per Cristiano Ronaldo è un gioco da ragazzi trasformare il penalty. Al 63′ ci prova De Marcos, tiro fuori. Al 67′ il centrocampista del Bilbao stende Benzema in area e per l’arbitro è rigore. Espulso De Marcos, l’Athletic resta in dieci. Esecuzione perfetta di C.Ronaldo che realizza la sua doppietta personale. Gli ospiti vanno in difficoltà e rischiano la goleada. Al 77′ lancio in profondità per ‘ il pipita’ Higuain, controllo a saltare l’uscita di Iraizoz, destro che colpisce in pieno il palo. All’ 85′ contropiede perfetto  del Real: taglio in profondità  di Callejon e destro chirurgico a battere per la quarta volta il portiere basco.  I leoni scendono in settima posizione scavalcati da Osasuna e Espanyol. I blancos tornano a +5 sul Barcellona.

Perde terreno il Valencia che non va oltre l’1-1 con l’Osasuna. La squadra di Emery non sa ancora vincere in questo nuovo anno, dove ha collezionato solo due punti in tre partite,una crisi che allontana definitivamente il Valencia dalle prime della classe. Si decide tutto nel finale al Reyno de Navarra. Vantaggio del Valencia con Soldado all ’84’ e pareggio di Lolo all’ 89′. Con questo risultato la squadra di Emery resta al terzo posto ma si allontana dalla vetta distante 14 punti.

Non si ferma l’Atletico Madrid di Simeone che regola il Real Sociedad in trasferta con un poker. I colchoneros soffrono molto nel primo tempo ma chiudono in vantaggio con un rigore di Falcao al 2′. Ad inizio ripresa arriva il raddoppio di Adrian, l’Atletico controlla la partita e chiude il match con la tripletta personale del colombiano che relizza il terzo e quarto gol al 83′ e 90′. I biancorossi agganciano l’Athletic Bilabo al settimo posto. Finisce in parità il derby andaluso tra Betis e Siviglia. Succede tutto nel primo tempo. Vantaggio del Betis con Etxebarria al 25′ e pareggio di Negredo al 40′. Nonostante l’inferiorità numerica per l’espuslione di Fazio, il Siviglia porta a casa un punto importante che, muove la classifica, dopo il momento difficile fatto di tre sconfitte consecutive. In fondo alla classifica vince il Maiorca che espugna il campo del Rayo Vallecano con un gol di Ramis al 57′. Dopo due mesi torna a vincere il Villarreal che, batte il Gijon con un secco 3-0. La squadra di Molina impiega un ora e mezza per sbloccare la partita. Dopo un primo tempo equlibrato, dove il sottomarino giallo soffre gli ospiti,arriva il gol di Ruben che trafigge Juan Pablo con un preciso tiro da pochi passi.Passano due minuti e Angel serve al bacio Borja Valero che firma il raddoppio.Al 90′ arriva il terzo gol di Bruno. I canarini scavalcano il Gijon e agganciano in terzultima posizione il Granada.

           Squadra                 PG  V   N    P    reti             Punti

1.

Real Madrid

19

16

1

2

67:18

49

2.

Barcellona

19

13

5

1

59:12

44

3.

Valencia

19

10

5

4

29:20

35

4.

Levante

19

9

4

6

25:22

31

5.

Espanyol

19

8

4

7

21:21

28

6.

Osasuna

19

6

9

4

22:31

27

7.

Ath. Bilbao

19

6

8

5

27:23

26

8.

Atl. Madrid

19

7

5

7

30:27

26

9.

Siviglia

19

6

8

5

20:20

26

10.

Malaga

19

7

4

8

22:28

25

11.

Getafe

19

6

6

7

20:25

24

12.

Betis

19

7

2

10

22:27

23

13.

Vallecano

19

6

4

9

21:28

22

14.

Maiorca

19

5

7

7

17:24

22

15.

Real Sociedad

19

5

6

8

17:27

21

16.

Santander

19

4

8

7

15:23

20

17.

Villarreal

19

4

7

8

18:28

19

18.

Granada

19

5

4

10

12:26

19

19.

Gijon

19

5

3

11

18:33

18

20.

Saragozza

19

2

6

11

14:33

12

Santander – Getafe 1-2
Espanyol – Granada 3-0
Real Sociedad – Atl. Madrid  0-4
Betis – Siviglia  1-1
Osasuna – Valencia   1-1
Rayo Vallecano – Maiorca   0-1
Malaga – Barcellona   1-4
Levante – Saragozza  0-0
Real Madrid – Ath. Bilbao  4-1
Villarreal – Gijon  3-0

Armin Sefiu

24 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook