Il Sassuolo ferma la Juve: i bianconeri inciampano 1-1 al Mapei Stadium

Il Sassuolo ferma la Juve: i bianconeri inciampano 1-1 al Mapei Stadium

Sassuolo-Juventus 1-1Nella stagione 2007-2008 Massimiliano Allegri guidò il Sassuolo ad una storica promozione nella serie cadetta ,lasciata la panchina neroverde la trasferta emiliana è divenuta per l’allenatore livornese una fonte dal sapore amaro,con l’esonero dal Milan dopo la débâcle  a firma Berardi e lo stop odierno sull’1-1 della marcia di vittorie bianconera. A fermare gli ingranaggi dello schiaccia sassi juventino proprio Zaza, attaccante in comproprietà tra la vecchia signora e la società di Squinzi. Non basta ad Allegri un Pogba in grande condizione per uscire dal Mapei con i tre punti; la Roma ora è ad un solo punto dalla vetta.

Tu quoque, Zaza, fili mi! La Juventus ha la volontà di vincere per conservare il distacco di tre lunghezze ottenuto nello scontro diretto contro la Roma e Tevez lancia subito il segnale di guerra:pronti e via l’Apache calcia di prima intenzione in porta dal cerchio di centrocampo,il tiro dell’argentino non trova lo specchio ma il messaggio è chiaro,la juventus vuole i tre punti.Il Sassuolo non si fa intimidire dal confronto con la Vecchia Signora e scende in campo con atteggiamento propositivo,pronto a dare battaglia. AL 13’è la Juventus a trovare la rete con Bonucci,ma il difensore azzurro è in evidente posizione di off-side.Dal repentino cambio di fronte è il Sassuolo a trovare il vantaggio:azione rocambolesca in area bianconera con la difesa juventina  eccessivamente statica e dopo un primo salvataggio in extremis sulla linea di Bonucci,è Zaza a ribadire in rete con un tocco morbido.La Juventus reagisce con orgoglio con i suoi uominini simbolo,al 19’Tevez circumnaviga con caparbietà la difesa del Sassuolo e serve Pogba che insacca in rete con una bella conclusione a giro. La partita entra nel vivo e la Juventus preme con sempre più veemenza, ma prima Ogbonna e poi Lichsteiner peccano di precisione.Sul finire del primo tempo i bianconeri hanno un incredibile doppia occasione ma Consigli si supera neutralizzando il tentativo ravvicinato di Pogba e la conclusione in rapida successione di Tevez.

Risultato bloccatoLa partita riprende con lo stesso furore agonistico della prima frazione.Al 49’ Sansone semina il panico nella retroguardia bianconera in solitaria guadagnando un calcio di punizione da buona posizione;sul pallone si presenta Berardi che,facendo tremare i polsi ad Allegri(Milan docet), disegna una bella traiettoria la cui corsa si conclude di poco alto dall’incrocio dei pali. Il Sassuolo pressa alto la mediana bianconera,non dando respiro alla manovra juventina, Allegri decide allora di cambiare modulo inserendo Marchisio al posto di Evra,passando ad un più offensivo 4-3-3.Il Sassuolo cerca di sfruttare la velocità del suo tridente offensivo,inserendosi negli ampi spazi lasciati dalla Juventus.Al 71’ i bianconeri sfiorano il vantaggio con il neo entrato Coman,ma il francesino non riesce ad inquadrare la porta da buona posizione. La Juventus sale di ritmo alzando il baricentro,complice anche l’ingresso di Giovinco per Pirlo,ma nel finale l’azione bianconera è orgogliosa ma eccessivamente confusa non riuscendo a trovare il bandolo della matassa.Al Mapei Stadium finisce 1-1.

Meritano 2duerighe:

Di Francesco: l’allenatore del Sassuolo sceglie di non fare barricate ,schierando in campo una squadra che gioca con coraggio contro la prima della classe; la scelta lo premia con un punto di prestigio. Cuor di leone.

Evra:il terzino francese incappa in una prova fortemente opaca, sbagliando spesso i tempi d’inserimento e il piazzamento. Allegri lo sostituisce nella ripresa. Smarrito.

Tabellino:

SASSUOLO (3-4-3): Consigli,Terranova, Cannavaro(dal 10’ Antei), Acerbi,Vrsaljko, Magnanelli, Missiroli(dal 79’ Taider), Longhi, Berardi, Zaza, Sansone(dal 70’ Biondini). A disp:Pomini, Gazzola, Antei, Brighi, Chibsah, Floccari, Polito, Bianco, Gliozzi, Biondini, Pavoletti. All. Di Francesco.

JUVENTUS (3-5-2): Buffon, Ogbonna, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Pereyra, Pogba, Pirlo(dall’83’ Giovinco), Evra(dal 60’ Marchisio), Tevez, Llorente(dal 66’ Coman). A disp: Storari, Rubinho, Padoin, Mattiello, Marchisio, Asamoah, Coman, Giovinco. All. Allegri.

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Marcatori: 13’ Zaza (S), 19’ Pogba (J)

Ammoniti: 38’ Zaza (S), 50’ Pogba (J), 87’ Acerbi (S), 93’ Bonucci (J)

Espulsi: 96’ Padoin (J)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook