La Juventus è campione d’inverno con Giaccherini: è 0-2 con l’Atalanta

Una bella Juve sbanca Bergamo e tenta la fuga in classifica. La squadra di Conte gioca sui ritmi alti, colpisce due pali nel primo tempo, poi, chiude la pratica nella ripresa con Lichtsteiner e Giaccherini.

Nell’anticipo serale della 19 ° giornata di serie A, la Juve va a caccia del titolo d’inverno.Battere l’Atalanta per cucirsi addosso mezzo scudetto. La Juventus cerca il primo titolo della stagione, il più platonico: per farlo, visto l’impegno non impossibile del Milan a Novara, serve la vittoria, segnale di svolta ulteriore dopo il pareggio con il Cagliari che ha lasciato qualche ombra.

Un discorso simile vale per l’Atalanta: lo scudetto si chiama salvezza, e la squadra ha bisogno di ripartire dopo un periodo di appannamento.

Colantuono schiera una squadra equilibrata tra i reparti: in mediana regia di Cigarini, Schelotto la chiave tattica a destra. In avanti Denis, sostenuto tra le linee da Moralez. Replica Conte in maniera spregiudicata: Matri punta di riferimento, Pepe e Vucinic a lavorare sugli esterni, Pirlo a dirigere le operazioni a centrocampo. Dietro recupera Chiellini, che va al centro al posto di Bonucci, mentre a sinistra gioca De Ceglie.
Prima del match viene onorata la memoria dell’alpinista Mario Merelli, scomparso in settimana.

Meglio la Juve nel primo tempo, che pur non esibendo un calcio particolarmente scorrevole, mette molta pressione sui bergamaschi creando, soprattutto, due grandi chance, che però producono solo pali. Atalanta un po’ intimorita, che agisce in contropiede: un paio le situazioni interessanti senza grandi occasioni. La Juventus parte con il piede giusto. All’ 8′ break di Marchisio su Padoin: il centrocampista avanza per vie centrali e serve Pepe che entra in area,diagonale e palla fuori. Un minuto dopo arriva la risposta dell’Atalanta. Peluso crossa, Denis spalle alla porta fa sponda: Bonaventura prova il destro con palla schiacciata, la blocca Buffon. All’ 11′ prima grande occasione per la Juve: schema su punizione, Matri protegge palla e serve Barzagli, sinistro, tocca Consigli, pallla che finisce sul palo. La Juve inizia a prendere le misure e impegna ancora Consigli. Chiellini serve Vucinic,sinistro sul primo palo,palla deviata in corner. Sugli sviluppi del corner, cross di Marchisio: De Ceglie gira in acrobazia, palla fuori di poco. L’Atalanta si affida ai tiri di Bonaventura che al 19′ raccoglie palla, cerca il dribbling a rientrare e va di sinistro, palla lenta per Buffon. Padroni di casa temibili su calci piazzati. Al 22′ tentativo di Ferri in acrobazia, destro, palla facile per Buffon. Al 37′ buona azione per i bianconieri.  Punizione di Pirlo: cross, colpo di testa di De Ceglie dentro l’area,palla alta. Al  40′ break di Pepe che punta Manfredini e lo evita rientrando:sinistro dalla distanza,respinge Consigli. Al 41′ seconda grande occasione limpida per la Juventus. Vidal riceve palla,ha spazio ai 25 metri, prova il destro con palla che va a scendere e coglie latraversa. Al 44′ Schelotto apre per Moralez, che si accentra e calibra un assist morbido per Denis: decentrato,destro al volo, palla fuori non di molto. Si va al riposo a reti inviolate.

Nella ripresa, la Juventus comanda il gioco, l’Atalanta si limita a ripartire di rimessa ma soffre il pressing della squadra di Conte. Primo vero tiro nello specchio della porta arriva al 53′. Raimondi esegue un cross: campanile, colpo di testa di Peluso, in due tempi para Buffon.  Al 55′ Pirlo sulla trequarti, cambia gioco cercando e trovando Lichtsteiner con un pallone precisissimo: colpo di testa, a pochi passi, sul primo palo e rete. La Juve insiste alla ricerca del gol della sicurezza. Al 62′ incertezza di Ferri, lo pressa Matri che punta decisamente la porta atalantina: pallonetto ,palla fuori alla sinistra del portiere. La Juventus controlla,fa girare bene la palla mettendo in difficoltà la retroguardia nerozzurra con le lunghe volate dei due esterni. Al 73′ bel tocco di Vucinic, che fa filtrare in verticale per Matri: destro, palla facile per Consigli . All’ 80′ Marrone per Matri, gioco di sponda: Marrone decentrato,piattone, e ottima risposta di Consigli che respinge di piede. Due minuti dopo azione articolata chiusa da Marrone con uno splendido assist di esterno destro in verticale per l’inserimento di Giaccherini: destro al volo e rete alla destra di Consigli. Nel finale arriva  la risposta dei padroni di casa con Marilungo che, con un movimento a rientrare, si fa spazio ai 20 metri: destro, palla facile per Buffon . Finisce la partita, la Juventus batte l’Atalanta 2-0 e si laurea campione d’inverno. In attesa del Milan, impegnato a Novara, la squadra di Conte tenta la fuga,torna a vincere dopo il pareggio con il Cagliari e sale a 41 punti. I bergamaschi, alla terza sconfitta di fila, restano inguaiati nelle ultime posizioni.

Giaccherini è soddisfatto della prova offerta contro l’Atalanta, dello splendido gol realizzato e della classifica: “E’ un bel effetto essere campioni d’inverno, ci tenevamo tantissimo a restare al primo posto. E’ una grossa soddisfazione, anche se il campionato è lungo e bisogna lottare. Speriamo di rimanere in vetta il più a lungo possibile. In questa prima parte di stagione il campionato dice che siamo stati i più forti”.

Felice per il primo gol che ha sbloccato la partita è Lichtsteiner: “Devo dire grazie a Pirlo che mi ha offerto un grande assist. Abbiamo fatto un’ ottima prestazione. Caceres? La concorrenza va bene”.

“C’è amarezza per il risultato, ma ci rifaremo a Cesena”: Raimondi è felice per il debutto casalingo in serie A con la maglia dell’ Atalanta, ma lo stopo al cospetto della Juve (terza sconfitta consecutiva) rende pericolante la classifica dei nerazzurri. L’esterno destro concorda con mister Colantuono: a ‘girare’ il match è stato il primo gol di Lichtsteiner.

“Peccato aver subito una rete cosi, di certo evitabile. La nostra partita poi è cambiata: ci siamo dovuti sbilanciare per cercare il pareggio, lasciando alla Juventus grandi spazi. Si certo, si poteva fare meglio”.

Si aspettava un risultato diverso,però, accetta serenamente la sconfitta patita con la prima della classe e, si proietta subito alla prossima partita di campionato : “la Juve ha meritato la vittoria, ci mancherebbe. La partita dopo il loro gol si è complicata. Sono comunque contento della mia squadra. Ora dobbiamo iniziare a fare punti a partire dalla prossima gara con il Cesena”.

Grande gioia e grande conferma per un metà campionato da incorniciare che, vede la sua Juventus ancora imbattuta e da sola in vetta alla classifica con il titolo invernale già in tasca. Non poteva chiedere di più dai suoi ragazzi mister Conte: “Ci siamo espressi a livelli altissimi e oggi è stato il coronamento del girone d’andata. I ragazzi hanno fatto cose straordinarie”.

Atalanta – Juventus 0-2
Marcatori: 55′ Lichtsteiner (J), 82′ Giaccherini (J)
Ammoniti: Raimondi (A), Lichtsteiner (J),Marilungo (A)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Atalanta (4-4-1-1)                                                     Juventus (4-3-3)

Consigli                                                                     Buffon
Raimondi                                                                  Lichtsteiner
Ferri                                                                          Barzagli
Manfredini                                                                Chiellini
Peluso                                                                       De Ceglie
Schelotto                                                                  Vidal
Cigarini                                                                    Pirlo
Padoin                                                                      Marchisio
Bonaventura                                                             Pepe
Moralez                                                                    Matri
Denis                                                                      Vucinic

All. Colantuono                                                      All. Conte

Armin Sefiu  

22 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook