Catania-Roma sospesa per pioggia nella ripresa

Tagliavento sospende al 20′ del secondo tempo il match per impraticabilità di campo. Nella prima frazione dominio Catania ma la partita finisce sul pari,poi, il campo nella ripresa si appesantisce e la gara viene sospesa definitivamente.

Succede di tutto nell’ anticipo serale di Serie A tra Catania e Roma. Primo tempo dominato dal Catania che si divora una serie impressionante di gol e il match termina sul 1-1,poi, nella ripresa arriva la pioggia che cambia il film della partita.Il terreno di gioco, infatti, diventa molto pesante a causa dell’acqua, il pallone inizia a non  scorrere con fluidità in diverse zone del campo. Tagliavento,viste le condizioni, inizia a parlare con i due capitani e decide di proseguire provvisoriamente.

Si accende una discussione Tagliavento-Taddei: l’arbitro alza il pallone per farlo ricadere e la sfera non rimbalza, il brasiliano esegue lo stesso gesto in una zona del campo in cui il pallone scorre. Luis Enrique,intanto,continua ad indicare il terreno di gioco all’arbitro dove, in alcune zone si è di fronte a un vero e proprio pantano. Tagliavento prende,poi, finalmente la decisione di fermare momentaneamente la gara,con le squadre che rientrano negli spogliatoi prima, di sospendere definitivamente il match, senza nessuna verifica al campo. Possibile recupero l’8 o il 15 febbraio.

Tornando alla gara ,grande attesa per Vincenzo Montella che affronta il suo passato. Il tecnico del Catania incontra,infatti, per la prima volta da allenatore avversario la Roma, squadra in cui ha militato dal 1999 al 2009 (con due intermezzi rappresentati da Fulham e Sampdoria) come giocatore e che gli ha dato la possibilità, subentrando a Claudio Ranieri nella scorsa stagione, di affacciarsi al grande calcio dalla panchina. Di sicuro non intende lasciargli strada Luis Enrique: la sua formazione, reduce da tre successi consecutivi (quattro considerando la vittoria in Coppa Italia contro la Fiorentina), sembra aver trovato la continuità a lungo inseguita nel primo scorcio di stagione.

L’asturiano conferma il suo assetto tattico tradizionale, pur variandone leggermente gli uomini. Stekelenburg tra i pali, linea difensiva a 4 che vede Rosi a destra, Taddei a sinistra e il tandem Kjaer-Juan in mezzo.De Rossi agisce davanti alla retroguardia,Simplicio e Pjanic sono i due intermedi con Totti regista offensivo ad innescare Bojan e Lamela. I padroni di casa, in grande emergenza soprattutto sull’out mancino (fuori Marchese e Capuano), si schierano con Campagnolo in porta per sostituire l’assente Andujar, in rotta con la società. Pacchetto arretrato con Potenza,Legrottaglie,Spolli e Alvarez adattato a sinistra. In mediana Izco e Almiron supportano la regia di Lodi,Barrientos e Gomez guastatori al servizio dell’unica punta Bergessio.

Prima del match viene osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime della tragedia dell’isola del Giglio. Gli ospiti controllano il gioco, etnei dietro la linea del pallone in attesa di ripartire. Il primo pericolo arriva al 13′.  Gran lavoro di Bergessio che salta Rosi e mette in mezzo per Barrientos che di testa chiude a lato. Un minuto dopo Gomez innesca Bergessio in verticale, l’argentino si presenta davanti a Stekelenburg che è bravissimo nel rimanere in piedi: l’ex Saint-Etienne, stremato, non riesce a raggiungere la sfera dopo il primo tocco. Altra grande chance per l’attaccante del Catania: cross di Gomez, controllo agevole a centro area ma al momento di girare a rete il centravanti perde l’attimo giusto. Al 23′ terza occasione clamorosa per l’argentino: Barrientos, apre per Gomez che di prima mette in mezzo. De Rossi devia il pallone in scivolata, spiazzando Juan: Bergessio stoppa e tira a colpo sicuro, Kjaer salva sulla linea.

Un minuto dopo il Catania sblocca il match. Punizione degli etnei, Lodi mette in mezzo sulla testa di Legrottaglie, partito in posizione regolare. Colpo di testa schiacciato a terra, nulla da fare per Stekelenburg.  Al 28′ arriva, a sorpresa, il pari della Roma. Corner da sinistra, Potenza perde De Rossi che può colpire di testa da due passi: Campagnolo accenna soltanto l’uscita, per il mediano è un gioco da ragazzi siglare l’1-1.  Al 41′ Gomez illuminante in verticale per Barrientos, el Pitu decide di servire Bergessio, solo sul palo lontano, ma l’attaccante non arriva puntuale all’appuntamento con il gol. Dominio catanese: Gomez punta Rosi e lo salta portandosi la sfera sul mancino. La conclusione incrociata è potente ma leggermente imprecisa e termina a lato di un soffio.  Finisce cosi il primo tempo: Catania e Roma vanno a riposo sull’ 1-1 nonostante una netta prevalenza dei padroni di casa.

Dopo la sospensione della gara parla il grande ex della partita, l’allenatore etneo Montella: Sono d’accordo sulla sospensione. Abbiamo creato tanto: almeno 8-9 azioni pericolosissime. Siamo stati bravi a lasciare poco spazio alla Roma”.

E’ stato il primo a chiedere di fermare la gara,poi, finalmente Tagliavento ha detto di si. Può essere contento Luis Enrique visto il dominio del Catania nonostante il pari: “Non si poteva giocare, per lo spettacolo e la sicurezza dei calciatori. L’esultanza di De Rossi? Magari ha rinnovato e non ha detto nulla”.

Catania – Roma 1-1 (sospesa al 20′ del secondo tempo)
Marcatori: 24′ Legrottaglie ( C), 28′ De Rossi (R)

Formazioni:

Catania (4-3-3)                                                     Roma(4-3-1-2)

Camapgnolo                                                         Stekelenburg
Potenza                                                                 Taddei
Legrottaglie                                                           Kjaer
Spolli                                                                     Juan
Alvarez                                                                  Rosi
Izco                                                                        Pjanic
Lodi                                                                        De Rossi
Almiron                                                                  Simplicio
Barrientos                                                               Totti
Bergessio                                                                Lamela
Gomez                                                                    Bojan

All. Montella                                                           All. Luis Enrique

di Armin Sefiu   

15 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook