Continua a volare l’Inter con il suo principe e il faraon..i: Parma al tappeto 5-0

Continua la rincorsa alle posizioni che contano per l’Inter. I nerazzurri dominano la gara e  regalano gol ed emozioni. Parma in partita solo nella prima frazione,poi,cade malamente nella ripresa rimediando una pesante sconfitta.

Dopo le feste tornano ad accendersi le luci al Meazza. L’Inter , vuole proseguire la rincorsa allo scudetto, incontra un Parma affamato di punti. Quattro vittorie consecutive hanno riportato i nerazzurri in zona Europa, con un derby alle porte che promette scintille. Come ogni gara da parecchio tempo a questa parte, anche quella con il Parma rappresenta una chiave della stagione dell’Inter.

Ranieri ha trovato la quadratura del cerchio ed i risultati iniziano ad arrivare. Di fronte la squadra di Colomba: la classifica degli emiliani è ancora tranquilla, ma ultimamente la squadra ha perso sicurezza e parecchi punti.

Ranieri gioca con il tandem offensivo Milito-Pazzini ed Alvarez trequartista a sostegno. Davanti alla difesa, diga di esperienza e qualità con Cambiasso, Zanetti e Thiago Motta. Colomba se la gioca con equilibrio: in mediana è Biabiany l’uomo delegato a dare maggiore sostegno a Giovinco, impiegato tra le linee a sostegno di Floccari.

Dominio dell’Inter nel primo tempo, che pur concedendo al Parma due occasioni notevoli, gestisce a proprio piacimento il gioco mostrando anche una migliorata scioltezza di manovra. L’uomo in più dello schieramento di Ranieri è l’argentino Alvarez, il migliore della stagione, anche se le reti portano la firma di Milito (doppietta) e Thiago Motta.
 
Padroni di casa subito pericolosi al 2′ . Alvarez duetta con Thiago Motta e fa filtrare per Pazzini: sinistro a cercare il palo lontano,palla fuori di poco. Al 4′ corner dell’Inter,va Alvarez, cross, colpo di testa di Samuel, para sicuro Mirante. Gara iniziata con un buon ritmo con il possesso palla nelle mani dell’Inter . Al 14′ la squadra di Ranieri trova il vantaggio. Zanetti in progressione per vie centrali, apre a sinistra per Alvarez: cross a mezza altezza,  pregevole tocco di esterno destro di Milito in anticipo e palla in rete alla destra di Mirante. Il gol non rallenta i nerazzurri che continuano a premere il Parma. Al 16′ Allvarez attacca a destra, doppio dribbling e cross al centro: Pazzini,destro al volo,palla alta. Al 19′ arriva il raddoppio: Milito entra in area indisturbato,destro, palla ribattuta, arriva Thiago Motta che dai 20 metri di sinistro fulmina Mirante, non particolarmente reattivo. Prova a svegliarsi il Parma che un minuto dopo va vicina al gol. Biabiany attacca a destra e va via nettamente a Samuel: cross,Giovinco solissimo colpisce male di testa,palla fuori alla destra di Julio Cesar.

Gli emiliani non stanno a guardare e provano a rientrare in partita. Al 29′ ci prova Giovinco su punizione, destro a cercare il primo palo e gran tuffo di Julio Cesar che devia in corner. L’Inter amministra, nonostante il Parma sia salito un po’ di tono. I ducali, però,  quando riescono a sviluppare il  contropiede in velocità qualche problema lo creano, solo che non concretizzano . Infatti,  al 39′ azione velocissima dei gialloblu ,con Giovinco che serve Biabiany: cross dal fondo,colpo di testa di Modesto fuori.  Al 42′
azione ad ampio respiro dell’Inter, con Maicon che da destra esegue un cross perfetto: difesa emiliana disposta male, Milito va di testa e rete a mezza altezza alla sinistra di Mirante. E’ doppietta personale per il “principe”. Si chiude cosi la prima frazione sul 3-0.

Nella ripresa la musica non cambia. Il Parma prova a pressare più alto, l’Inter gioca in contropiede sfruttando le enormi praterie che lascia la squadra di Colomba . Al 56′ l’Inter serve il poker. Lucio attacca per vie centrali e serve Milito, grande controllo a portarsi palla verso l’interno e verticalizzazione per lo scatto di Pazzini: destro morbido sull’uscita di Mirante e rete. Succede veramente poco nei primi 25 minuti,poi, al 72′ Giovinco porta a spasso la difesa dell’Inter ed entra in area: diagonale destro,palla fuori non di molto. Al 74′ arriva un autogol clamoroso di Zanetti,che mette in rete nel tentativo di anticipare Gobbi. Gol annullato,giustamente,per fuorigioco. Un minuto dopo Biabiany a destra, cross: Gobbi batte al volo di sinistro,palla potente,la respinge Julio Cesar.

La gara , nonostante il risultato ormai scontato, resta abbastanza piacevole. Al 79′ azione interista, cross  respinto da Paletta di testa: ai 20 metri c’è Faraoni che trova la giusta coordinazione  e di destro batte Mirante con la palla che scende e finisce sotto la traversa. L’Inter continua a fare possesso palla e trova l’ultimo sussulto ancora con Faraoni nel finale che, va al tiro di destro dai 20 metri, para in due tempi Mirante. Termina il match, l’Inter continua il suo momento positivo,rifila la sua quinta vittoria e si issa al quinto posto a meno cinque dalla vetta in attesa delle altre big. Emiliani in evidente difficoltà restano in una posizione tranquilla ma,devono preoccuparsi visto che non vincono da novembre.

5-0 al Parma,quinta vittoria consecutiva, -1 dal quarto posto: il tutto ad una settimana dal derby: in casa nerazzurra si torna a sognare in grande.  Con la liberazione nel volto di Milito (due gol e un assist) e con la gioia quasi incredula del baby Faraoni, che alla sesta presenza in A centra già la sua prima rete: “E’ il premio per tutti  gli sforzi fatti sin da bambino. Ringrazio tutta la mia famiglia”. Prima di pensare al derby, una carezza per Alvarez: “Credo sia uno dei giocatori più importanti presi dall’Inter”.

“Tevez? Arrivederci…”: cosi Moratti dribbla, a parole, il derby di mercato.

Non poteva cominciare nei migliori dei modi il nuovo anno per l’Inter che si presenta al derby con maggiori sicurezze e non può essere che felice l’allenatore nerazzurro che, commenta cosi la gara: “La miglior gara della mia gestione.Nella mia mente Sneijeder e Forlan recuperano per il derby. Per prendere quelle davanti dobbiamo volare…”.

“C’è molta amarezza: ci può stare perdere a San Siro con l’Inter, ma non 5-0 e non con una prestazione cosi negativa”:  scurissimo  in volto Pietro Leonardi nel dopo-gara del ‘Meazza’. L’ad del Parma esprime la posizione anche  del presidente Ghirardi, ‘fuggito’ dallo stadio ancor prima della fine.

“Ora ci vedremo tutti, per analizzare il perchè di certe figure, a mente fredda e con minori tensioni”. Può venir meno la fiducia in Colomba? “Da sempre penso che quando ci sono questi momenti negativi sia difficile dare la colpa a una sola persona o una sola componente. E’ responsabilità di tutti”.

Si rimbocca le maniche mister Colomba che riconosce il blasone degli avversari,accetta la sconfitta ma esige subito un cambio di rotta da parte dei suoi ragazzi,queste le parole post partita: “Ci hanno punito alla prima occasione e noi abbiamo fallito le nostre: la partita ha preso cosi una piega negativa e ci siamo demoralizzati. Esonero? Io sono tranquillo,decide la società.”.

Inter – Parma 5-0
Marcatori: 13′ e 41′ Milito (I), 18′ Thiago Motta (I),56′ Pazzini (I), 79′ Faraoni (I)
Ammoniti: Samuel (I), Galloppa (P)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Inter (4-3-1-2)                                                     Parma (4-4-2)

Julio Cesar                                                            Mirante
Maicon                                                                  Gobbi
Lucio                                                                     Brandao
Samuel                                                                   Paletta
Nagatomo                                                              Zaccardo
J.Zanetti                                                                 Modesto
T.Motta                                                                  Galloppa
Cambiasso                                                              Morrone
Alvarez                                                                   Biabiany
Pazzini                                                                    Giovinco
Milito                                                                      Floccari

All. Ranieri                                                            All. Colomba

 

di Armin Sefiu   

8 dicembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook