Medel già ringhia: “Sono all’Inter perchè l’ho voluto. In nerazzurro voglio fare la mia storia”

Medel già ringhia: “Sono all’Inter perchè l’ho voluto. In nerazzurro voglio fare la mia storia”

medel_01-300x225Indosserà la  maglia nerazzurra numero 18. Gary Medel, arriva in sala stampa accompagnato puntualmente dal direttore sportivo Piero Ausilio e dal direttore generale Marco Fassone. Medel è il quarto cileno che indosserà la gloriosa maglia dell’Inter, dopo Jimenez, Pizarro e il grande Zamorano. “Non ho parlato con nessuno di questi” – risponde subito il pitbull nerazzurro ad una domanda rivolta in conferenza stampa – “L’unico che ho sentito è stato Pinilla” – precisa il calciatore. Sulla sua collocazione in campo il giocatore non ha preferenze: “La mia posizione in campo è quello di centrocampista centrale, ma posso giocare in qualunque ruolo.”

“Si avevo tante offerte da altri club, ma ho scelto l’Inter. Finalmente sono qui – aggiunge il cileno.  Zanetti – precisa Gary – è certamente per me il giocatore più grande da seguire”. Sul suo impegno in campo, Medel ha poi tenuto a precisare che ha sempre giocato al massimo, iniziando dalla sua Nazionale. “I tifosi nerazzurri sono il 12 tifoso in campo. Spero che possano continuare a seguirci.” Sul suo arrivo all’Inter, il pitbull parla chiaro: “Io non vengo a sostituire nessuno. Mi hanno paragonato a Gattuso, è vero – precisa il centrocampista cileno, ma io sono Gay Medel e voglio  vincere tanto e fare la mia storia nell’Inter.”

Luigi Rubino

25 agosto 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook