Italia prova incolore e mesto addio Mundial. Uruguay ed arbitro ci sbattono fuori…

Italia prova incolore e mesto addio Mundial. Uruguay ed arbitro ci sbattono fuori…

italia2E’ finita mestamente e forse con poche attenuanti  e prima del previsto l’avventura della Nazionale di Prandelli ai Mondiali brasiliani.  Colpe del tecnico, che subito dopo la fine della gara e l’eliminazione  ha annunciato le dimissioni, forse si, anche perchè tra moduli ridisegnati e cambi di uomini non è riuscito a dare un gioco valido ad una squadra sempre in difficoltà sia contro la Costa Rica che contro l’Uruguay e che poche volte, nel complesso, è riuscita a “correre” e tirare verso la porta avversaria  A decidere le sorti della sfida tra gli azzurri e “la Celeste” hanno influito notevolmente le decisioni dell’arbitro messicano Rodriguez, reo di aver espulso frettolosamente Marchisio, dopo un fallo da  sanzionare chiaramente con il “giallo” e di  non aver punito poi una evidente scorrettezza commessa in area azzurra da Suarez che ha  azzannato la spalla di Chiellini. Dopo le dimissioni di Prandelli e del presidente della Federazione Calcio, Giancarlo Abete, c’è ora bisogno di un nuovo progetto per costruire una nuova Nazionale; un compito non agevole per chi arriverà sulla panchina azzurra, dal momento che da anni l’avvento in massa di stranieri da ogni  parte del mondo nel nostro campionato non  è più riuscito a creare un gruppo vincente ed affidabile.

Nella formazione decisiva per la qualificazione agli ottavi, Prandelli fa esordire il giovane De Sciglio  e Bonucci. In attacco esordio mondiale di Immobile al fianco di Balotelli. A centrocampo si rivede Verratti, insieme all’insostituibile Pirlo. A centrocampo confermato Darmian a destra. Nessuna novità invece tra gli uruguaiani che si presentano in campo con la stessa formazione delle ultime gare del Mondiale.

L’Italia cerca di fare la partita. Prima occasione azzurra al 12′ con Pirlo che su punizione mette in difficoltà Muslera che respinge di pugno oltre la traversa. Balotelli cerca di trovare spazi laterali, Immobile invece agisce più centralmente. L’Uruguay controlla la gara nella propria metacampo e cerca di ripartire in contropiede. Al 23′ viene ammonito Balotelli; cartellino pesante che in caso di qualificazione, costringerebbe la Nazionale a giocare senza la punta di maggior affidamento. Al 28′ cross da sinistra di De Sciglio per Immobile che tira altissimo. Al 33′ splendida combinazione sulla sinistra tra Lodeiro e Suarez, con quest’ultimo che impegna seriamente Buffon che poi salva la porta ancora su successivo tiro di  Lodeiro. La partita è combattutissima. I primi quarantacinque minuti terminano sullo zero a zero.

L’arbitro sbaglia e l’Italia resta in dieci – Nella ripresa, Prandelli sostituisce Balotelli con Parolo. La gara va avanti sulla falsariga del primo tempo. C’è poco gioco. Al 58′ pericolo uruguaiano sulla sinistra con doppio scambio Rodriguez – Suarez, con tiro finale di “Rodri” che sfiora il palo. Al 60′ clamorosa esagerazione dell’arbitro messicano  che espelle Marchisio per un fallo da punire soltanto con una semplice ammonizione.  L’Italia resta in dieci. Tabarez, a questo punto, inserisce un’altro attaccante. Al 65′ Cavani serve Suarez che tira d’esterno, ma alla grande si oppone Buffon che respinge con il braccio.  Al 71′ Cassano sostituisce Immobile. Prandelli modifica il suo modulo tattico. Ora si gioca con il 5- 3 – 1. All’80’ l’arbitro non vede un scorrettezza in area di Suarez che rifila un morso sulla spalla in area a Chiellini, che mostra inutilmente i segni dei denti al direttore di gara. Passa un minuto e arriva il vantaggio della “Celeste”: calcio d’angolo da destra di Ramirez e stoccata vincente di Godin , che insacca quasi di spalla. Risponde l’Italia all’85’ con Pirlo su punizione, ma il suo tiro è deviato in angolo. La tensione aumenta. L’Italia spinge e vuole il pari. Un massaggiatore dell’Italia viene espulso. Gli azzurri ci provano, ma il forcing finale fino al 95′ non produce alcun effetto. L’ Italia, mestamente  saluta i Mondiali per la seconda volta nella fase a gironi. Non accadeva da 48 anni!

Meritano due righe

Dal naufragio azzurro si salvano solo Buffon e Verratti.  Tra gli uruguaiani decisivo Godin, che oltre al gol, ha dimostrato tanta vitalità

L’arbitro messicano, reo di aver espulso ingiustamente Marchisio, Suarez per aver fatto il Cannibale su Chiellini e in parte Prandelli.

 Italia – Uruguay  0 – 1

Marcatori: 81′ Godin ( U)

Italia: ( 3 – 5 – 2) Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Darmian, Verratti, ( 75′  Motta) Pirlo, Marchisi, De  Sciglio,  Balotelli,( 46′ Parolo) Immobile.( 71′ Cassano) All: Prandelli

Uruguay: ( 4 – 4 – 2) Muslera, Caceres, Gimenez, Godin, Pereira A( 63′ Stuani), Lodeiro, ( 46′ M. Pereira) Gonzalez, Arrevalo Rios, Rodriguez,( 78′ Ramirez) Cavani, Suarez. All: Tabarez

Arbitro: Rodriguez ( Messico)

Note: espulso Marchisio al 60′

Luigi Rubino
25 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook