Mondiali 2014: il girone H.

Mondiali 2014: il girone H.

girone hIl gruppo H  è l’ultimo degli otto gironi del mondiale carioca; composto da Belgio, Algeria, Corea del Sud e Russia, sulla carta sembra uno dei meno entusiasmanti della competizione ma vediamo di analizzarlo nello specifico.

Belgio- Marc Wilmots dispone di una rosa tra le migliori del torneo ed i diavoli rossi non dovrebbero avere alcun problema a superare il girone. Tra i pali la sicurezza si chiama Coutois, fresco campione di Spagna e già abituato a palcoscenici importanti, il numero uno del Belgio è una certezza per il reparto arretrato. Oltre ai vari Fellaini, Witsel e Mertens la stella della squadra è naturalmente “mister cento milioni di euro” Hazard, dopo un anno da protagonista (eletto miglior giovane della Premier) con il Chelsea di Mourinho il centrocampista belga potrebbe guidare la propria nazionale fino alle fasi finali del mondiale. Altro giocatore da seguire con attenzione è Lukaku; attaccante di peso con origini congolesi, il classe ’93 è già desiderio di molti club blasonati, qualora giocasse bene il mondiale il prezzo del cartellino potrebbe lievitare in maniera esponenziale.

Russia- Fabio Capello ha convocato solo giocatori provenienti dal campionato russo ed è orfano di capitan Shirokov. La Russia, almeno sulla carta, è candidata a passare il girone come seconda classificata scanso sorprese di Algeria o Corea del Sud. Il punto di forza dei russi è in gran parte nel reparto arretrato, l’esperienza di Akinfeev tra i pali e la grinta di Ignashevich nella linea difensiva rendono la formazione di Capello una tra le meno perforabili.

Algeria- Le “volpi del deserto” si presentano al mondiale con tanti giocatori con esperienza europea nei rispettivi club e puntano, per la prima volta nella storia, a passare il turno. In difesa troviamo Ghoulam che dopo aver giocato bene nel nostro campionato è pronto a relazionarsi in un palcoscenico internazionale di massimo livello come la coppa del mondo. La sorpresa però potrebbe essere in attacco; Islam Slimani ha giocato molto bene nella seconda parte di stagione con lo Sporting Lisbona e alcune squadre inglesi sono pronte ad accaparrarselo, per lui questo mondiale potrebbe valere doppio.

Corea del Sud- La sconfitta per quattro a zero nell’amichevole contro il Ghana, a pochi giorni dall’inizio del mondiale, non rassicura molto gli animi e considerando le altre partecipanti al girone la qualificazione sembra solo un miraggio. Il punto di forza dei coreani è Son Heung-Min; considerato uno dei più forti giocatori asiatici in circolazione, l’attaccante del Bayer Leverkusen ha chiuso la stagione con dieci reti su trentuno presenze.

Lorenzo Bruno

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook