Brasile 2014: Spagna e Olanda alla conquista del girone B

Brasile 2014: Spagna e Olanda alla conquista del girone B

WorldCup2014Spettacolo e fantasia, questa è la filosofia di calcio che caratterizza il sistema di gioco di due tra le possibili pretendenti al titolo mondiale del girone B: la Spagna cannibale di Del Bosque e la giovane Olanda di Louis Van Gaal, promesso sposo del Manchester United dopo l’epopea Moyes. A cercare di mettere il bastone tra le ruote alle due superpotenze europee, lottando per un posto al sole degli ottavi, il Cile di Vidal e l’incognita Australia.

Spagna
Le furie rosse, campioni in carica del titolo mondiale e vincitori delle ultime due competizioni continentali, sono sicuramente da annoverare tra le favorite alla vittoria finale grazie all’alto tasso tecnico della formazione iberica e ai successi ottenuti in questi ultimi 8 anni sia a livello di club che con il team nazionale. Del Bosque potrà dunque fare affidamento in attacco sul bomber dell’Atletico Madrid Diego Costa, in dubbio fino all’ultimo per i problemi fisici che ne hanno destabilizzato il finale di stagione, mentre non partirà per il Brasile il bianconero Lllorente, a cui è stato preferito per scelta tecnica l’attaccante dei Blues “El Niño” Torres. Fuori dalla rosa dei 23 anche l’infortunato Thiago Alcantara del Bayer Monaco, l’ala dei “Citizens” Jesus Navas e il giovane Alberto Moreno della rivelazione Siviglia.

Olanda
L’Olanda, finalista dell’ultimo mondiale sud-africano, giunge all’appuntamento brasiliano con diverse incognite legate alla giovane età della rosa, in particolar modo nel pacchetto arretrato, e ai pesanti infortuni che hanno colpito gli Orange. Louis Van Gaal deve rinunciare alla colonna del centrocampo Strootman, ai box dopo la lesione del legamento crociato, e alla fantasia e qualità del trequartista Van Der Vaart, fermato da un problema muscolare al polpaccio, mentre partirà regolarmente per il Brasile l’attaccante del Manchester United Van Persie, anche lui alle prese con problemi fisici nel finale di stagione. Presenti nei 23 convocati il milanista De Jong e l’ex Inter Sneijder, mentre tra gli esclusi eccellenti spiccano i nomi dell’ex portiere giallorosso Stekelemburg e dei difensori Heitinga e Van der Wiel.

Cile
Alla Roja, guidata dal tecnico argentino Jorge Sampaoli, spetterà l’arduo compito di riuscire ad inserirsi nella bagarre per i primi due posti del girone. Il Cile, giunto agli ottavi nell’edizione del mondiale 2010, potrà fare affidamento su una rosa d’esperienza e qualità, che vede nel suo organico ben 4 giocatori della seria A italiana; Arturo Vidal, recuperato a tempo di record dopo l’operazione al menisco, Mauricio Isla della Juventus, Carlos Carmona dell’Atalanta e Mauricio Pinilla del Cagliari, oltre all’attaccante ex Napoli Edu Vargas. Nel girone di qualificazione sudamericano il Cile ha ben figurato, conquistando la terza piazza della classifica, dietro, solo di due lunghezze, alla Colombia, piazzatasi al secondo posto, e della favorita Argentina.

Australia
Il team australiano, allenato dal greco Ange Postecoglou, costituisce la vera mina vagante del girone B. I Socceroos hanno superato in maniera agevole le qualificazioni mondiali dell’Asian Football Confederation, vincendo il girone della terza fase e piazzandosi secondi nella fase finale, alle spalle del Giappone. Gli australiani sono stati gli ultimi a confermare alla Fifa la lista dei 23 convocati che parteciperanno al mondiale: presenti nella rosa l’attaccante dell’Atalanta James Troisi e l’ex-centrocampista di Parma e Palermo Mark Bresciano. Partirà per il Brasile anche il centrocampista trentacinquenne ex Everton Tim Cahill,icona del calcio australiano e inserito ,nel 2006, tra i 50 candidati alla vittoria del Pallone d’Oro.

Damiano Rossi(Roma)
4 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook