Pari spettacolare tra Lazio e Verona. 3-3

Pari spettacolare tra Lazio e Verona. 3-3

lazio-veronaTra Lazio e Verona finisce pari. Succede di tutto, gli uomini di Mandorlini agguantano due volte il pari e si portano in vantaggio a pochi minuti dalla fine. All’ultimo secondo la Lazio pareggia su rigore. Contestazioni e Europa che si allontana per tutte e due le compagini.

PRIMO TEMPO
La Lazio inizia il match con molta determinazione, nel giro di dieci minuti crea tre possibili occasioni, ma la palla del possibile vantaggio è del Verona che sfrutta una disattenzione difensiva di Biava che lancia in porta Hallfredsson, assist per Toni che scavalca Berisha con un colpo sotto ma sbaglia mira. I padroni di casa accusano il colpo e rischiano di subire il raddoppio con un tiro velenoso di Iturbe. I ritmi sono alti e la Lazio, più sveglia e pericolosa, al 30’ sblocca il risultato con una splendida azione in contropiede: Ledesma verticalizza per Mauri, palla a Candreva che serve Keita, l’ex Barcellona spiazza con un destro potente Rafael. Passano sette minuti e il Verona pareggia i conti con l’ex Roma Marquinho che, dal limite, conclude con un destro angolato. Due minuti dopo Biglia segna un gran gol da fuori area, Mazzoleni interrompe il gioco poco prima della conclusione al volo. Le squadre vanno a riposo sul pareggio.

SECONDO TEMPO
Il secondo tempo inizia con la Lazio a caccia del vantaggio, Mauri va vicino al gol con un colpo di testa murato sulla linea da Moras, anche gli ospiti si fanno pericolosi con Moras che di poco spedisce fuori. Al 60’ la Lazio torna in vantaggio con Lulic che raccoglie un batti e ribatti al limite dell’area e, di controbalzo, insacca sul primo palo. Il vantaggio dura poco, il Verona al 69’ trova il pari con Iturbe che tutto solo trova il diagonale vincente sul secondo palo. Partita bellissima e apertissima, il Verona ci crede più della Lazio e trova, al minuto 83, il gol del vantaggio: la difesa biancoceleste si addormenta e lascia inspiegabilmente solo Romulo sulla linea di porta che non può sbagliare. Rimonta completata e gara che si accende con Lulic che si fa espellere per un fallaccio su Iturbe. Quando la partita sembra volgere al termine la Lazio agguanta il pareggio con un calcio di rigore per fallo su Klose. Dal dischetto Mauri sbaglia ma la respinta gli ritorna sui piedi. 3 a 3.

LAZIO: Berisha; Konko, Biava, Cana ( Gonzalez), Radu; Biglia (Klose), Ledesma, Lulic; Candreva (Felipe Anderson), Mauri, Keita.  A disposizione: Strakosha, Guerrieri,  Dias, Ciani, Pereirinha, Onazi, Kakuta, Perea. Allenatore: Reja.

VERONA (4-3-3):  Rafael; Pillud, Moras, Marques, Albertazzi; Sala (80′ Gomez), Donadel (65′ Cirigliano), Hallfredsson; Iturbe, Toni, Marquinho (65′ Romulo). A disposizione: Nicolas, Borra, Cacciatore, Agostini, Gonzalez, Donsah, Cacia, Rabusic. Allenatore: Mandorlini

ARBITRO: Mazzoleni
Marcatori:
 29′ Keita (L), 37′ Marquinho (V), 60′ Lulic (L), 69′ Iturbe (V), 83′ Romulo (V), 93’ rig. Mauri(L)
Espulsi
: Luic (L), Albertazzi (V).
Ammoniti
: Radu (L), Iturbe (V), Albertazzi (V), Donadel (V), Marquinho (V), Rafael (V), Halfredsson (V)

di Damiano Rossi (Frascati)
5 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook