La Lazio batte il Livorno e sogna l’Europa

La Lazio batte il Livorno e sogna l’Europa

Livorno-LazioGli uomini di Reja vincono agevolmente a Livorno. Mauri traccia la via e Candreva conclude entrando nella storia del club biancoceleste. L’Europa è vicina. Importante il match contro il Verona di domenica prossima.

PRIMO TEMPO
Il match inizia con gli ospiti che partono subito forte con la doppia occasione prima di Candreva che con un diagonale trova la deviazione in corner e poi, dagli sviluppi dello stesso, è bravo Bardi a bloccare la girata al volo di Mauri. Il Livorno si fa pericoloso con Biagianti che di testa trova la risposta di Berisha. La Lazio controlla bene il campo e lascia poche occasioni ai padroni di casa, che cercano di impensierire con tiri da fuori area comodamente ammaestrati dalla difesa. Al 15’ la Lazio passa in vantaggio con un’azione molto bella conclusa in porta da Mauri che, al volo, da fondo linea trova la determinante complicità di Bardi che si lascia passare la sfera tra palo e corpo. Il Livorno sembra accusare il colpo ma la Lazio non ne approfitta, Biglia dalla distanza esplode una conclusione deviata in angolo dall’ottimo intervento dell’estremo difensore amaranto. Nel finale di primo tempo gli ospiti perdono palla e regalano un contropiede velenoso nei piedi di Siligardi che punta Berisha ma perde tempo consentendo a Ciani un recupero provvidenziale. Finisce 0-1 la prima frazione

SECONDO TEMPO
La ripresa inizia con il raddoppio della Lazio su calcio di rigore: Pereirinha dal fondo crossa per Mauri che si gira e conclude, sulla traiettoria fa muro Rinaudo, per De Marco è tutto regolare ma il giudice di linea vede un tocco di mano e decreta la massima punizione. Dal dischetto Candreva calcia basso e angolato dove Bardi, pur avendo intuito, non arriva. Doppio vantaggio e gara che vede le due squadre allungarsi moltissimo concedendo svariate occasioni ai biancocelesti. Le praterie che si creano nella difesa livornese sono terreno fertile soprattutto per la velocità di Keita che impensierisce Bardi con un diagonale, ancora Lazio e ancora gol sfiorato, stavolta è Onazi che non riesce a concludere in rete da ottima posizione su assist di Candreva. Svista del guardalinee Liberti che interrompe una ripartenza importante di Keita, diretto da solo verso la porta, per fuorigioco, pur essendo partito dalla propria metà campo. Girandola di sostituzioni che servono a poco per il Livorno che grazie al suo portiere evita il tris biancoceleste, prima sulla conclusione di Candreva e poi su azione personale di F.Anderson. Finisce0-2.
LIVORNO:
Bardi;Valentini(Bruzzi), Rinaudo, Emerson, Castellini(Piccini); Duncan, Biagianti, Greco(Belfodil); Paulinho, Siligardi, Mesbah.
Allenatore: Nicola. A disposizione: Aldegani, Anania, Gemiti, Piccini, Tiritiello, Coda, Benassi, Mosquera, Bartolini, Borja, Bruzzi, Belfodil.
LAZIO:
Berisha; Pereirinha, Ciani, Cana, Lulic; Onazi(Gonzalez), Ledesma, Biglia; Mauri; Candreva(F.Anderson), Keita(Perea). 
Allenatore: Reja. A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Biava, Serpieri, Cavanda, Gonzalez, Felipe Anderson, Crecco, Minala, Kakuta, Perea.
ARBITRO: Andrea De Marco
MARCATORI
: 15’ Mauri (Laz), 50’ rig. Candreva (Laz)
AMMONITI
: Rinaudo(Liv), Bardi(Liv), Mesbah(Liv), Pereirinha(Laz)

di Damiano Rossi (Frascati)
27 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook