L’Inter passa anche a Parma e si avvicina all’Europa

L’Inter passa anche a Parma e si avvicina all’Europa

inter-parmaDopo Marassi anche il Tardini viene sbancato dall’Inter, per i nerazzurri un successo pesante in uno scontro diretto e su un campo storicamente ostico. Il 2-0 finale matura grazie alle reti nel secondo tempo siglate da Rolando e Guarin. Partita nervosa e con tantissimi episodi, alla fine però, la squadra di Mazzarri allunga in classifica sui ducali e conferma il quinto posto.

Senza Ranocchia squalificato, il tecnico interista sceglie Campagnaro in difesa, il resto dello schieramento è lo stesso di Genova, con Icardi e Palacio inamovibili davanti.

Donadoni si presenta con un 4-3-3, Amauri finisce in panchina e il trio offensivo è formato da Cassano, Biabiany e Palladino.

Otto minuti e subito gran palla gol per il Parma, Cassano stacca di testa su azione di calcio d’angolo ma Handanovic vola. Ancora il numero 99 sfiora il vantaggio con un sinistro ravvicinato, il tiro non è preciso e la palla sfila a lato. L’Inter fatica e si sveglia solo intorno la mezz’ora, prima con Icardi che trova l’esterno della rete su colpo di testa e poi con un bel tiro al volo di Palacio sul quale Mirante si oppone deviando in corner. Nel finale di tempo succede di tutto: Samuel interviene su Parolo in leggero ritardo e per Rocchi è rigore, dal dischetto Cassano viene neutralizzato da Handanovic che come sette giorni fa blinda la porta anche grazie all’aiuto del palo. L’ultima emozione della frazione è però nerazzurra, Cambiasso al volo di sinistro trova una grande coordinazione ma il palo salva Mirante.

Nessun cambio nell’intervallo e secondo tempo che inizia con l’Inter subito intraprendete e determinata a spingere sull’acceleratore. Paletta stende Palacio e rimedia il secondo giallo, sul calcio di punizione seguente, la difesa del Parma si dimentica di Rolando che indisturbato batte Mirante di testa. Donadoni toglie Palladino e inserisce Felipe, al 56’ Lucarelli colpisce la traversa, dieci minuti dopo Biabiany salta anche Handanovic ma si allarga troppo e non riesce a concludere in porta.

La superiorità numerica dell’Inter non si nota, il Parma gioca un secondo tempo di gran coraggio e il tecnico degli emiliani deve sostituire anche il neo entrato Schelotto con Amauri per un infortunio del laterale italo-argentino. Gli ospiti cercano di amministrare il risultato e sciupano diverse occasioni per ripartire in contropiede, Rocchi dispensa ammonizioni mentre Mazzarri si gioca la carta Guarin. All’89’ proprio il colombiano, al primo pallone toccato, buca Mirante con una frustata dalla distanza, 2-0 e partita chiusa.

Vincono i nerazzurri, un risultato che permette alla squadra di Mazzarri di portarsi a +5 sul Parma, per Donadoni qualche rimpianto, soprattutto per il rigore fallito, e tante buone indicazioni da parte dei gialloblù, sconfitti ma in partita fino all’ultimo malgrado l’uomo in meno.

PARMA – INTER 0-2 (PRIMO TEMPO 0-0)
Marcatori: Rolando 48’, Guarin 89’.
Ammoniti
: Samuel, Paletta, Lucarelli, Rolando, Hernanes.
Espulso: Paletta.

PARMA (4-3-3): Mirante; Cassani, Paletta, Lucarelli, Molinaro (dal 62′ Schelotto; dal 72′ Amauri); Gargano, Marchionni, Parolo; Biabiany, Cassano, Palladino (dal 50′ Felipe).
Allenatore: Roberto Donadoni.
INTER (3-5-2): Handanovic; Campagnaro, Samuel, Rolando; D’Ambrosio (dal 59′ Zanetti), Hernanes (dall’87’ Guarin), Cambiasso, Kovacic, Nagatomo; Palacio, Icardi (dall’81’ Botta).
Allenatore: Walter Mazzarri.
Arbitro: G.Rocchi (FI).
PAROLE CHIAVE:
CALCIO, SERIE A, INTER, PARMA.

di Matteo Ciofi
19 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook