Serie A 12 giornata: La Juventus fa sul serio

Dopo gli anticipi che hanno visto fare un solo punto a Lazio, Milan, Napoli e Fiorentina, ne approfittano i bianconeri di Conte. L’Inter passa con qualche affanno sbloccandosi con un gol un po’ dubbio di Thiago Motta e soffrendo un po’, dopo aver raddoppiato ed aver subito il gol del 2 a 1 da Larrivey.

Tre settimane di stop e non sentirle: la Juventus dimostra di non aver perso la brillantezza mostrata sino alla fine di ottobre e si riprende la vetta della classifica della Serie A, strapazzando il Palermo con un perentorio 3-0.
E’ Simone Pepe a sbloccare il risultato di testa al 20′ su cross perfetto di Chiellini da sinistra. Non impeccabile nell’occasione il portiere greco Tzorvas. La signora raddoppia ad inizio ripresa con Matri, micidiale nel suo diagonale di destro che non lascia scampo all’estremo difensore rosanero. Al 65′ il tris firmato Marchisio dopo una sontuosa giocata di Matri, che con un velo mette il centrocampista nelle condizioni di battere Tzorvas con grande sicurezza.
La sfida tra le due neopromosse terribili, Siena e Atalanta, finisce con uno spettacolare 2-2. Nerazzurri avanti al quarto d’ora in virtù del calcio di rigore trasformato dal solito German Denis. Toscani pericolosi in più occasioni ma sfortunati sotto porta. A fine primo tempo Colantuono perde per infortunio Capelli e il neo-entrato Manfredini commette fallo da rigore su Larrondo: dal dischetto D’Agostino fa 1-1. Nella ripresa però è ancora Denis a trascinare la Dea con un colpo di testa perentorio su cross di Raimondi. Ma all’87’, in mischia, Gazzi trova il meritato 2-2 per i bianconeri.
Miguel Veloso, dopo aver messo il suo marchio sulla qualificazione del Portogallo ad Euro 2012, è il man of the match di Genoa-Novara, che termina 1-0 per il Grifone proprio grazie ad un tiro da fuori area del portoghese. Clima surriscaldato a Marassi, un espulso per parte (Antonelli nel finale di primo tempo per fallo da ultimo uomo, Meggiorini nella ripresa per proteste).
Il Chievo centra un’importante vittoria sul difficile campo di Catania. Pellissier allo scadere, su rigore, porta avanti i veronesi. Sempre dal dischetto Lodi ha l’occasione di pareggiare i conti ma a sbarrargli la strada è un super Sorrentino, che neutralizza il penalty del centrocampista degli etnei. Il Chievo, superato lo spavento, torna a spingere e trova il raddoppio al 73′ a firma Sammarco, su assist di Pellissier. Almiron cinque minuti più tardi prova a riportare in partita i suoi ma è ormai troppo tardi.
Il Parma frena la cavalcata dell’Udinese: al Tardini termina I ducali sbloccano al 59′ con un colpo di testa di Biabiany su angolo di Giovinco. Al 76′ è la Formica Atomica a siglare il definitivo 2-0 su rigore.

di Gabriele Serraglia

21 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook